• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ralf

Nuovo Iscritto
ciao ,in un condominio l'amministratore non ha stipulato l'assicurazione condominiale adducendo la motivazione che non c'erano soldi.I condomini asseriscono di avere pagato le quote di competenza,ora una condomina è caduta dalle scale a causa di materiali lì depositati per lavori condominiali e si è fratturata una gamba.Questa signora ora ha iniziato una causa contro il condominio.chi ne risponde l'amministratore negligente oppure i condomini?grazie
 

Gatta

Membro Attivo
Ai sensi dell'art. 1130, n. 4 cod. civ., "L'amministratore deve compiere gli atti conservativi dei diritti inerenti alle parti comuni dell'edificio".
La disposizione del quarto comma dell'art. 1130 del codice civile, obbligando l'amministratore ad eseguire gli atti conservativi dei diritti inerenti alle parti comuni dell'edificio, ha inteso chiaramente riferirsi ai soli atti materiali ( ad esempio:riparazioni di muri portanti, di tetti e lastrici) e giudiziali (azioni contro comportamenti illeciti posti in essere da terzi) necessari per la salvaguardia dell'integrità dell'immobile. Ne discende che non può farsi rientrare il contratto d'assicurazione, perché questo non ha gli scopi conservativi ai quali si riferisce la norma dell'art. 1130 cod. civ., ma ha come suo unico e diverso fine quello di evitare pregiudizi economici ai proprietari dell'edificio danneggiato (Corte di Cassazione, Sezione 2 Civile, Sentenza del 3 aprile 2007, n. 8233).
Ciò premesso,non esiste alcuna norma di legge che obblighi l'amministratore a sottoscrivere una polizza di assicurazione a copertura dei danni all'edificio condominiale. La polizza non è infatti una spesa necessaria per la conservazione delle parti comuni avendo il solo scopo di evitare danni patrimoniali ai condomini in caso di sinistri. Come poc'anzi evidenziato, la giurisprudenza della Suprema Corte ha accolto una interpretazione restrittiva della disposizione di cui al n. 4 dell'art. 1130 cod. civ., limitandone il campo di applicazione ai soli atti materiali e giudiziali necessari per salvaguardare l'integrità dell'immobile.
Tanto più - se è vero - che "non c'erano i soldi".
In conclusione,laddove sussistano responsabilità (tutta da vedere nella fattispecie),i condomini saranno tenuti a risarcire il danno.
Gatta
 

Jrogin

Fondatore
Membro dello Staff
Professionista
:applauso: Gatta, fai sempre degli interventi molto interessanti. Sembri molto preparato e "pratico"
Posso chiederei, che attività svolgi? :domanda:
Jrogin
 

Gatta

Membro Attivo
Caro jrogin,grazie del complimento.
Mandami un'e-mail e Ti risponderò.
Preferisco la riservatezza.
Ciao.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Il peggior difetto di chi si crede furbo è quello di pensare che gli altri siano stupidi
Buona sera... Una domanda.. Il confine per delineare una proprietà si prende dal muro di confine o dal paletto della rete?
Alto