• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

moralista

Membro Senior
Professionista
Mi chiedono di fare una proroga di altri 6 anni su un contratto ad uso diverso in scadenza dei 12 anni, cosa mi consigliate, Anticipatamente ringrazio
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
contratto ad uso diverso
Si tratta di un contratto di locazione commerciale, della durata di 6 anni + 6?
Occorre leggere attentamente il contratto: in genere le proroghe di 6 anni sono tacite se il contratto non è stato disdettato da una delle parti (locatore o conduttore) col dovuto preavviso.

Se invece parli di un altro tipo di contratto, dovresti spiegare di cosa si tratta.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
E' un normale contratto come da me evidenziato nella richiesta di tipo diverso durata 6+6 dopo i primi 6 anni è stato prorogato per altri 6 senza nessuna disdetta, ora voglio altra proroga di altri 6 anni senza spendere soldi in marche da bollo e spese professionali.
P.S. per gli ultimi 3 anni del secondo sessennio è stato registrato una riduzione del canone per crisi commerciale presentando il modello RLI all'Agenzia delle Entrate.
se rifaccio un nuovo contratto lo posso fare ridotto e registrarlo, ma non può più ricuperare il valore del vecchio contratto.
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
ora voglio altra proroga di altri 6 anni senza spendere soldi in marche da bollo e spese professionali.
Quindi basta comunicare la proroga all'Agenzia delle Entrate col mod. RLI, senza nessuna spesa per marche da bollo.
Le "spese professionali" dipendono da chi svolge la pratica: se il locatore non è in grado di fare da solo si può rivolgere ad un consulente (commercialista, ecc) che probabilmente addebiterà qualcosa per il servizio.

è stato registrato una riduzione del canone per crisi commerciale presentando il modello RLI all'Agenzia delle Entrate.
L'accordo riduzione canone si registra all'Agenzia delle Entrate col mod. 69, non col mod. RLI.
Ciò detto, se sull'accordo sta scritto che la riduzione è prevista per il periodo dal giorno X al giorno Y, significa che in data Y+1 si ritorna al canone originario.

se rifaccio un nuovo contratto lo posso fare ridotto e registrarlo,
Se invece le parti decidono di stipulare un nuovo contratto, io prima farei una scrittura in cui locatore e conduttore dichiarano risolto di comune accordo il contratto in essere alla sua scadenza naturale (fine del 12esimo anno). Essendo appunto la scadenza naturale, non occorre comunicare la risoluzione all'Ag. Entrate.
Poi si stipula un nuovo contratto al canone stabilito e lo si registra all'Ag. Entrate. Si dovrà pagare l'imposta di bollo oltre a quella di registro.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Fino a questo punto era chiaro anche x me, ma vogliono fare una proroga x altri 6 anni con lo stesso contratto allegando una richiesta di riduzione
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
vogliono fare una proroga x altri 6 anni con lo stesso contratto allegando una richiesta di riduzione
L'accordo riduzione canone non si "allega" alla proroga del contratto di locazione.

Occorrono due passaggi:
1) Comunicazione proroga del contratto all'Agenzia delle Entrate col mod. RLI (si può fare anche telematicamente).
2) Sottoscrizione accordo riduzione canone (dalla data X alla data Y) e registrazione all'Agenzia delle Entrate col mod. 69 (non si può fare telematicamente).

Per il punto 1) si dovrà ovviamente pagare l'imposta di registro annuale.
Per il punto 2) non vi sono imposte da pagare (né registro né bollo).
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Uva anche se il contratto è del 2002 con 2 proroghe già fatte, questa che chiedono è la terza proroga, che con questa la durata entra nel quarto sessennio,
 

meri56

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Scusa ma io non vedo il problema. Se il contratto prevede il rinnovo tacito ogni 6 anni si può andare avanti senza problemi con i rinnovi per quanto tempo si vuole. Anzi io come locatore preferirei questa soluzione ad un nuovo contratto che mi legherebbe per 12 anni anzichè per 6.
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
se il contratto è del 2002 con 2 proroghe già fatte, questa che chiedono è la terza proroga
Se è un contratto commerciale 6 + 6 stipulato nel 2002, allora è stato già prorogato:
- la prima volta nel 2008,
- la seconda volta nel 2014.

Non vi è alcun problema nel prorogarlo per la terza volta nel 2020, visto che nessuna delle parti (né locatore né conduttore) ha presentato disdetta.

Concordo con @meri56: un contratto si può prorogare quante volte si vuole.
Se il conduttore chiede una riduzione canone e il locatore gliela concede, si sottoscriva un accordo in tal senso e lo si registri all'Agenzia delle Entrate, come ho già scritto nei post precedenti.
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
io come locatore preferirei questa soluzione ad un nuovo contratto che mi legherebbe per 12 anni anzichè per 6.
Concordo, ma occorre anche sapere che tipo di attività viene esercitata in quel locale.
Se è un'attività che comporta contatto col pubblico degli utenti e consumatori, alla fine del sessennio il locatore che non intende rinnovare il contratto deve pagare al conduttore uscente l'indennità per la perdita di avviamento commerciale.
Può essere oneroso liberare il locale, se la disdetta non viene presentata dal conduttore!
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Ringrazio tutti chi ha partecipato al problema, risolto 1 ora fa, con un nuovo contratto di altri 6*6, evito di ripresentare di nuovo la richiesta del locatario della riduzione del canone e di presentare il mod. 69
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di un appartamento di una casa bifamiliare. L'altro 50% e di proprietà del mio ex marito,L'altro appartamento che si trova al piano di sotto e' di proprieta' al 50% sempre del mio ex marito e 50% di mia figlia. Ora ci sono delle spese da sostenere per il tetto della casa. Per quanto io devo partecipare ? grazie
Alto