• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Mar1979

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Salve a tutti, vorrei sapere se qualcuno può aiutarmi...
Sto ristrutturando casa ed ho cambiato tutti i tubi dell'impianto idraulico,dato che nella zona in cui mi trovo ci sono circa 40 gradi francesi di durezza (non ho idea se sia molto o poco ..) l' idraulico mi ha consigliato un addolcitore...ma da una ricerca da profano su internet ho visto che gli addolcitori possono avere risvolti negativi e cioè manutenzione tanta col sale, resine, tanto spreco d'acqua per il lavaggio delle resine, tanto sodio liberato nell'acqua di casa, ecc...
Premetto che non ne capisco nulla...ma ho visto su internet un sistema (non si tratta di osmosi inversa) magnetico kalkotronic che sembrerebbe risolvere tutti i problemi dell'addolcitore...costi circa 1600 + IVA e manutenzione annuale con costi accettabili...
Funziona? Il suo funzionamento è verificabile?
Se qualcuno volesse aiutarmi.....
Grazie a tutti per l'attenzione e la disponibilità
Marco
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
ho cambiato tutti i tubi dell'impianto idraulico,dato che nella zona in cui mi trovo ci sono circa 40 gradi francesi di durezza (non ho idea se sia molto o poco ..)
se non sai se sia molto o poco perché la metti come causa della sostituzione?
Qualsiasi addolcitore tu voglia installare devi metterti in testa che dovrai accantonare delle somme per la manutenzione altrimenti i dispositivi rapidamente perderanno la loro efficacia.
 

Mar1979

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Dato che ho cambiato tutti i tubi e alcuni conoscenti della zona mi hanno detto che l'acqua è abbastanza dura ho pensato ad una riduzione calcarea x preservare impianto ed elettrodomestici...sono consapevole della manutenzione e che sia onerosa, vorrei solo capire la cosa migliore da installare, cioè il classico addolcitore o le nuove generazioni di addolcitori magnetici tipo kalkotronic
Grazie
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Sarà ma io no mi fido di certi prodotti che ti fanno pagare un occhio della testa e probabilmente non ti risolvono il problema. Una considerazione: ma l'acqua di rete non dovrebbe rispettare i parametri di potabilità e quindi anche quelli della composizione chimica?
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Il calcare presente nell'acqua potabile ha come effetto quello di foderare la parete interna della tubazione con un deposito di carbonato di calcio. Il deposito restringe il diametro interno del tubo di distribuzione dell'acqua; però la ostruzione, nelle tubazioni attive, arriva fino ad un certo spessore, poi la pressione di esercizio impedisce una ulteriore crescita. Diverso è il discorso delle tubazioni inattive dove il film calcareo interno della tubazione può creare delle condizioni di sovrassaturazione e quindi far partire la cristallizzazione del calcare nella tubazione medesima.
Diverso è il discorso della aggressività dell'acqua: questa può bucare le tubazioni metalliche. Ma in questo caso i decalcificatori sono ininfluenti.
Per volere di mia moglie, che ha perso un nipote con lo scaldaacqua a gas, ho lo scaldaacqua elettrico. Il primo è stato montato nel 1996: ogni 3 anni facevo sostituire la resistenza e fare la pulizia del calcare, dopo l'ultima sostituzione nel 2017 è comparsa una micro frattura sul fondo per cui l'ho sostituito completamente. L'idraulico mi ha detto di augurarmi che il nuovo duri quanto il vecchio.
La lavapiatti è stata sostituita dopo 21 anni per problemi con la scheda elettronica; lavatrice sostituita dopo 23 anni per ovalizzazione del cuscinetto che fa girare il cestello: tutte cause che non c'entrano nulla con la durezza dell'acqua.
La durezza media dell'acqua distribuita nel mio quartiere, abito a Roma, è 33° francesi.
Con questo non voglio sostenere che i decalcificatori non servano; però voglio dire che stanno facendo molto terrorismo sfruttando l'ignoranza delle persone.
Per ultimo: se devo bere acqua bevo l'acqua del rubinetto. Attorno alle acque minerali si è creato un business che secondo me ha dopato il mercato: sembra che bere l'acqua minerale di qualsiasi marca sia diventato un diritto costituzionale come se l'acqua che esce dal rubinetto sia pericolosa per la salute.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Non si può negare che certe volte l'acqua del rubinetto sia di colore dubbio ed il sapore non è invitante. Io preferisco bere acqua minerale 017 € a bottiglia di 2 litri, per cui un nome "anonimo" e per gli altri usi, cucina igiene, quella della rete, decantata nel serbatoio.
 

Mar1979

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Ringrazio tutti per le risposte,certo è che gli elettrodomestici di una volta duravano di più...però nella zona dove mi trasferiró avremo una durezza di circa 40 gradi francesi sono ancora combattuto se metterci un addolcitore o meno...e poi non so se i sistemi moderni magnetici che sembrano più salutari sono efficaci
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Non si può negare che certe volte l'acqua del rubinetto sia di colore dubbio ed il sapore non è invitante.
se questo succede è un problema delle tubazioni che vanno dal contatore del gestore dell'acqua potabile all'utente. L'acqua potabile deve essere per legge incolore; se è colorata o ci sono delle falle nelle tubazioni (cioè entra del terreno, oppure molto probabilmente è il ferro della tubazione che si sta ossidando e rilascia la ruggine.
 

Mar1979

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Mi consiglieste qualche marca di addolcitore moderno semplice da utilizzare e che non consumi troppa acqua per il risciacquo delle resine
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
se questo succede è un problema delle tubazioni che vanno dal contatore del gestore dell'acqua potabile all'utente. L'acqua potabile deve essere per legge incolore; se è colorata o ci sono delle falle nelle tubazioni (cioè entra del terreno, oppure molto probabilmente è il ferro della tubazione che si sta ossidando e rilascia la ruggine.
Generalmente l'acqua torbida viene dalla rete pubblica, tant'è che sovente viene ufficialmente dichiarata non adatta all'uso potabile. Io nella mia vita, sebbene abbia abitato case con impianti datati non ho mai visto l'acqua torbida provocata dalla ruggine, anche perché l'azione è lenta con il rilascio di piccole particelle staccate dalla corrosione e che vanno ad ostruire i filtri dei rubinetti o delle docce.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Io nella mia vita, sebbene abbia abitato case con impianti datati non ho mai visto l'acqua torbida provocata dalla ruggine,
ti sei mai assentato da casa per una 20na di giorni? Chi ha le tubazioni in ferro quando apre qualsiasi rubinetto, compreso lo sciacquone, esce l'acqua colorata è tutta la ruggine che si è formata nell'acqua ferma a contatto con i tubi.
Generalmente l'acqua torbida viene dalla rete pubblica
guarda che l'acqua potabile, come già scritto precedentemente, deve avere determinate caratteristiche. Il gestore che distribuisce l'acqua deve fare quotidianamente, e diverse volte nelle ore del giorno, dei prelievi proprio per garantire queste caratteristiche.
Se si intorbidano le fonti di approvvigionamento dovrebbero entrare in funzione i filtri meccanici (micro ed ultra filtrazione). Il gestore che non è in grado di garantire gli standard di potabilità dell' acqua va chiuso. Poi ci sono situazioni improvvise come la rottura delle condotte di alimentazione, che possono richiamare terra nella condotta, oppure terra che entra durante le lavorazioni di riparazione. Ma sono cose occasionali.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
I prelievi per le analisi vengono fatte in certi punti, forse a campione. Ovviamente non è possibile controllare tutte le condotte. Comunque io sono stato parecchio tempo fuori casa ma non ho mai notato l'acqua arrugginita. Sarà che da noi è meno calcarea e quindi corrode di meno? Le incrostazioni mi è capitato di trovarle quando si cambiava lo scaldabagno ed i flessibili. Mentre è capitato sovente in molti paesi che gli abitanti si siano lamentati dell'acqua imbevibile. Probabilmente ci sono stati dei guasti negli impianti di potabilizzazione e di filtraggio o si sono verificate delle falle in rete.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Comunque io sono stato parecchio tempo fuori casa ma non ho mai notato l'acqua arrugginita. Sarà che da noi è meno calcarea e quindi corrode di meno?
non c'è alcun nesso tra la durezza dell'acqua (cioè il contenuto di carbonato di calcio) e la corrosione. come ho già avuto modo di scrivere il carbonato di calcio crea un film sulla parete interna del tubo: quindi ha più una azione protettiva che corrosiva. La ruggine all'interno del tubo si forma per l'ossidazione del ferro con cui è fatta la tubazione; se usi tubi in PE o PVC elimini il problema della ossidazione del ferro.
Le incrostazioni mi è capitato di trovarle quando si cambiava lo scaldabagno ed i flessibili.
questo contraddice parzialmente quello che hai scritto poco sopra e che ti ho evidenziato.
Probabilmente ci sono stati dei guasti negli impianti di potabilizzazione e di filtraggio
non probabilmente, ma sicuramente. Vedi tra le molteplici attività che ho svolto c'è stata anche quella di consulente per conto di una multinazionale americana che era interessata a vendere i propri impianti di microfiltrazione alle municipalizzate dell'acqua. Tra le aziende contattate ce ne era una del nord della sardegna che distribuiva l'acqua raccolta in un lago: con la siccità e l'aumento della temperatura avevano il problema delle alghe mucillaginose che entravano nell'impianto di potabilizzazione ed i filtri meccanici di cui disponevano erano insufficienti per trattenerle. Fatta una dimostrazione più che positiva i vertici della azienda se ne sono usciti che non c'erano soldi per l' acquisto della attrezzatura del costo di alcune centinaia di migliaia di euro. Se non interveniva la magistratura obbligando l'ente a porre rimedio la situazione sarebbe continuata fino alla scomparsa naturale delle alghe con la stagione autunnale: nel frattempo i sindaci dei comuni serviti se la sarebbero cavata con la solita ordinanza di non utilizzare l'acqua per scopi alimentari . cosa che puntualmente è avvenuta.
 
Ultima modifica:

Gianco

Membro Storico
Professionista
Scusa se insisto, ma l'ossidazione si ha con l'ossigeno non con l'acqua. So che le tubazioni in ferro vengono bucate a causa delle correnti galvaniche.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
hai la formazione dell'idrogeno. Non mi sembra che questo avvenga nelle tubazioni.
Si stava discutendo di ossidazione, non di formazione di idrogeno. Se depositi una goccia di acqua su una lastra di ferro, non avverrebe l'ossidazione della parte della lastra coperta dalla goccia?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

vittorievic ha scritto sul profilo di gabriella2013.
Contatta il Geom. Mattero Varzi di
SERVIZI NV S.r.l.
Sede Operativa:

Via Costabella, 26 – Scala C – Interno 25
00195 Roma
Tel. 06.64564361 – Fax 06.83391406 l Geom. Mattero Varzi di NV Servizi
digli che hai avuto il loro recapito da Luigi Criscuolo.
Per una rinuncia di diritto di abitazione è obbligatorio un atto notarile o si può ottenere anche con scrittura privata?
Alto