• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Mipe

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Salve, vorrei chiedere informazioni su come proteggersi riguardo ad una vendita di un appartamento all'insaputa del proprietario stesso. Vi spiego meglio il fatto.
Mia figlia è proprietaria di un appartamento, nel quale vive il padre con l'usufrutto. Ci sono giunti voci attendibili, che il padre ora vorrebbe procedere con la vendita dell'appartamento all'insaputa della proprietaria, cioè mia figlia. Addirittura si era rivolto una persona a noi per chiedere informazioni sulla vendita del appartamento, una vendita della quale mia figlia non è assolutamente a conoscenza. Come e in che modo mia figlia si può tutelare, se il padre usa una delega falsa, inserendo una firma falsificata sia sulla delega, che sul contratto di compravendita, che riporta il nome di mia figlia e dove la somma ricavata di questa vendita viene versato su un conto corrente dove mia figlia non è la titolare ma bensì una persona estera proveniente dalla Russia? Si può lasciare presso l'ufficio catastale o altre autorità una notifica, la quale informa che una vendita dell'appartamento è autorizzata soltanto se è presente anche la titolare in persona fisica e che ogni delega a suo nome non può essere accettata?
Grazie.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
L'usufruttuario può abitare l'immobile, affittarlo tramite un regolare contratto di locazione e cedere l'usufrutto. Non può però venderlo, non essendo il proprietario, non può modificare la destinazione d'uso e nemmeno trasmettere in eredità il suo usufrutto.

Quindi, di cosa stai parlando? Se la figlia ha la nuda proprietà, dovrà essere fisicamente presente anche lei all'atto di vendita, e firmare per cedere a pagamento anche la nuda proprietà.

Come e in che modo mia figlia si può tutelare, se il padre usa una delega falsa, inserendo una firma falsificata sia sulla delega
Quale notaio farebbe passare una procura falsa (non è una delega ma è una procura)? I notai verificano la validità delle procure sino a uno/due giorni prima del rogito, perché le procure possono essere revocate, e perché le procure perdono di validità se il mandante è deceduto.
La procura è un atto notarile registrato, non è un pezzaccio di carta volante.

La procura notarile è l'atto con cui un soggetto affida ad altri il compito di svolgere determinati affari, vendite di immobili o atti giuridici e viene utilizzata soprattutto da chi vive all'estero e, per ovvie ragioni, non può occuparsene di persona.

Come tutti gli atti, è valido solo se registrato.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Nel caso in esame, per scongiurare procure false basta fare una volta al mese una visura catastale (è gratis), e verificare che non siano state fatte compravendite non autorizzate, con firma apocrifa e notaio compiacente a pagamento.

Nel caso in cui l'usufruttuario originario Pluto venda a Pippo l'usufrutto, quando Pluto muore, Pippo perde l'usufrutto e deve consegnare le chiavi alla figlia di Pluto che è nuda proprietaria.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
L'unica cosa spiacevole che può verificarsi è che la nuda proprietaria (= la figlia) veda in casa del padre altre persone, che restano lì finché non muore il padre. Alla morte del padre, potrà cacciare via le persone, prima bonariamente, poi con un legale, infine con gli spezzadita che a quanto pare torneranno presto di moda, viste le inadempienze dei locatari e dei mutuatari.
 

BeppeX88

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Salve, vorrei chiedere informazioni su come proteggersi riguardo ad una vendita di un appartamento all'insaputa del proprietario stesso. Vi spiego meglio il fatto.
Mia figlia è proprietaria di un appartamento, nel quale vive il padre con l'usufrutto. Ci sono giunti voci attendibili, che il padre ora vorrebbe procedere con la vendita dell'appartamento all'insaputa della proprietaria, cioè mia figlia. Addirittura si era rivolto una persona a noi per chiedere informazioni sulla vendita del appartamento, una vendita della quale mia figlia non è assolutamente a conoscenza. Come e in che modo mia figlia si può tutelare, se il padre usa una delega falsa, inserendo una firma falsificata sia sulla delega, che sul contratto di compravendita, che riporta il nome di mia figlia e dove la somma ricavata di questa vendita viene versato su un conto corrente dove mia figlia non è la titolare ma bensì una persona estera proveniente dalla Russia? Si può lasciare presso l'ufficio catastale o altre autorità una notifica, la quale informa che una vendita dell'appartamento è autorizzata soltanto se è presente anche la titolare in persona fisica e che ogni delega a suo nome non può essere accettata?
Grazie.
Te lo ha detto la fatina dei sogni?
Dormi sereno
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Come tutti gli atti, è valido solo se registrato
Solamente la procura generale è soggetta a registrazione. Quella speciale è soggetta a registrazione solamente in caso d'uso. Caso d'uso che ricorre quando un atto si deposita, per essere acquisito agli atti, presso le cancellerie giudiziarie nell’esplicazione di attività amministrative o presso le amministrazioni dello Stato o degli enti pubblici territoriali e i rispettivi organi di controllo, salvo che il deposito avvenga ai fini dell’adempimento di un’obbligazione delle suddette amministrazioni, enti o organi ovvero sia obbligatorio per legge o regolamento.
 

Mipe

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Salve e grazie a tutti per avermi risposto. Purtroppo non sempre si ha a che fare con delle persone per bene e quelli con la faccia da bronzo purtroppo esistono. Grazie alle vostre risposte mi sono potuta documentare meglio e saprò su come muovermi.
 

Franci63

Membro Storico
Proprietario Casa
saprò su come muovermi.
Non devi muoverti, e nemmeno tua figlia.
Il padre usufruttuario non può che vendere quanto di sua proprietà, e dubito che comprare un diritto di usufrutto possa rivelarsi un acquisto interessante per qualcuno
(E comunque per tua figlia nulla cambierebbe).
Procure false e soldi in Russia…mah…
Avete provato a parlare semplicemente con il padre ?
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
mi sono potuta documentare meglio
È opportuno sapere anche quanto dispone l'art. 980 c.c.:
L'usufruttuario può cedere il proprio diritto per un certo tempo o per tutta la sua durata, se ciò non è vietato dal titolo costitutivo.
La cessione deve essere notificata al proprietario; finché non sia stata notificata, l'usufruttuario è solidalmente obbligato con il cessionario verso il proprietario.


Quindi, se l'usufruttuario omettesse la notifica al proprietario, la vendita sarebbe valida lo stesso, ma l'usufruttuario diventerebbe responsabile, insieme con l'acquirente, vale a dire in solido con lui, nei confronti del nudo proprietario, per gli eventuali inadempimenti che si verificassero dopo la cessione. Per esempio, se l'acquirente dell’usufrutto non dovesse provvedere alle spese di manutenzione ordinaria del bene, risponderebbe delle stesse anche il venditore.
 
Ultima modifica:

Cesare Giusti

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Ad oggi ho realmente assistito anche a situazioni simili, vendere con titoli falsi è reato, cedere usufrutto di nascosto anche, se avete seri dubbi sulla buonafede del padre proverei a dissuaderlo con la diffida di un buon avvocato.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Il notaio che è un professionista che controlla attentamente tutta la documentazione da allegare all'atto o che comprovi i diritti citati nel rogito, davanti ad un certificato catastale nel quale compare una proprietaria ed il padre, usufruttuario, non potrebbe che farsi venire dei dubbi.
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
La paura di Mipe potrebbe essere attuata semplicemente con una carta di identità falsa pertanto il notaio che fa va a controllare anche i documenti di riconoscimento se sono veri o falsi? è una domanda che faccio non è retorica, io quando sono andato da qualche notaio per delle pratiche lui si è fotocopiato il mio documento e ha stilato l'atto, poi non so!
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Certamente il notaio non può andare ad indagare se tutti i documenti che gli vengono presentati siano regolari. L'importante per lui è dimostrare che i suoi rogiti siano conformi alle risultanze documentali, anche se potrebbero essere falsi.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve, ho un problema per la seconda casa
Nel 1980 ho costriuito nel yerteno di mia proprieta' un annesso agricolo e nel 1985, con il condono ho chiesto la trasformazione come abitazione, ho pagato tutte le oblazioni al comune ora a distanza di anni volendo vendere la proprieta' non possi perche' la cucina nonostante la luminosita' 2 finestre, e' alta 225 ,ma nel condono era cosi'
dolcenera52 ha scritto sul profilo di mapeit.
BASTA!
Alto