• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

basilico

Membro Attivo
ciao. arrivo al punto
sono stati fatti dei lavori al tetto condominiale e nel mettere l'impalcatura sono stati danneggiati delle parti private. ora un paio di condomini danneggiati non stanno pagando l'ultima loro rata e per cio' l'amministratore non riesce a pagare il saldo spettante alla ditta. i condomini danneggiati hanno fatto fare una perizia e la ditta li ha rimborsati in parte ma nonostante questo è stato fatto un tentativo di conciliazione che l'impresa ha rifiutato. La ditta da parte sua ha fatto sapere tramite legale che se non riceverà i soldi entro 10 giorni farà decreto ingiuntivo
ora le soluzioni che ci vengono dette sono: 1) anticipare i soldi e chiudere con la ditta ma a questo punto non capisco se il condominio si deve rifare con quelli che non pagano
2) non pagare e ribattere il decreto ingiuntivo ma anche in questo caso non capisco se per quelli che hanno pagato si puo' chiedere l'estromissione della causa o se invece tutti sono coinvolti poi è il giudice che decide cosa fare
ovviamente ci vorrà un legale ma vi chiedo anche se un avvocato puo' fornire una stima del suo compenso

grazie
 

plutarco

Membro Junior
Proprietario Casa
Il decreto ingiuntivo viene fatto al condominio, non ai singoli condomini. Tutti devono pagare e poi, chi avanza qualcosa, deve fare causa
 

basilico

Membro Attivo
Il decreto ingiuntivo viene fatto al condominio, non ai singoli condomini. Tutti devono pagare e poi, chi avanza qualcosa, deve fare causa
Certo che viene fatto al condominio ma io dico questo si anticipano i soldi(quelli che non pagano continuano a non pagare) si chiude con la ditta a saldo (non fa il decreto ingiuntivo) a questo punto il condominio deve fare causa a quelli che non pagano? Seconda ipotesi: l'Assemblea decide di non pagare per quelli che non pagano arriva quindi il decreto ingiuntivo della ditta si va in causa e a questo punto tramite avvocato si può' chiedere l"estromissione della causa per chi ha regolarmente pagato?
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
E se il condominio non vuole pagate per loro cosa succede?
che il decreto ingiuntivo verrà fatto a tutto il condominio.
Comunque il decreto ingiuntivo ha i suoi tempi ed al decreto ci si può opporre allungando ulteriormente i tempi.
Ma qui i problemi sono molteplici.
- Chi ha subito danni non può non pagare la sua quota come atto di ritorsione o come atto unilaterale di risarcimento.
- L' amministratore, o chi si è assunto l'onere di gestire come committente il lavoro, deve fare lui il decreto ingiuntivo ai condomini morosi per i motivi sopra esposti.
- I danneggiati devono fare istanza prima all' Istituto della Mediazione e poi al Tribunale (se insoddisfatti dall'esito della Mediazione) per ottenere il risarcimento dei propri danni da parte dell' impresa o della sua assicurazione.
- Ma l'impresa non ha una assicurazione che copre i danni da lei causati nell'esecuzione dei lavori? Prima di assegnare il lavoro è buona regola che il committente chieda ai candidati all'esecuzione del lavoro di presentare, oltre all'offerta monetaria, alcuni documenti per poterli giudicare: tra questi c'è la copia dell'avvenuto pagamento del rinnovo assicurativo dei danni verso terzi con i loro massimali. Se l'assicurazione paga meno dell'importo dei danni causati, l'impresa (portata di nuovo in tribunale) dovrà pagare il saldo o quanto deciso dal giudice.
 

plutarco

Membro Junior
Proprietario Casa
Per cause civili il privato arbitrio non è ammesso!!! Per avere un risarcimento bisogna passare per un giudice...
 

GianfrancoElly

Membro Attivo
Proprietario Casa
Mi sembra che nel nuovo codice condominiale sia previsto che il creditore debba fare l'ingiunzione ai morosi (l'amministratore deve dare i nominativi)
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
non mi pare possibile che l'amministratore possa fornire i nominativi
Ti sbagli.
Art. 63, primo comma delle disposizioni per l'attuazione del codice civile e disposizioni transitorie:
Per la riscossione dei contributi in base allo stato di ripartizione approvato dall'assemblea, l'amministratore, senza bisogno di autorizzazione di questa, può ottenere un decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo, nonostante opposizione, ed è tenuto a comunicare ai creditori non ancora soddisfatti che lo interpellino i dati dei condomini morosi.
 

basilico

Membro Attivo
Ti sbagli.
Art. 63, primo comma delle disposizioni per l'attuazione del codice civile e disposizioni transitorie:
Per la riscossione dei contributi in base allo stato di ripartizione approvato dall'assemblea, l'amministratore, senza bisogno di autorizzazione di questa, può ottenere un decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo, nonostante opposizione, ed è tenuto a comunicare ai creditori non ancora soddisfatti che lo interpellino i dati dei condomini morosi.
Scusa ma la ditta ha già' detto che il decreto ingiuntivo lo fa a tutto il condominio nonostante siano solo in 3 a non aver pagato
 

GianfrancoElly

Membro Attivo
Proprietario Casa
La cosa migliore rimane quindi anticipare noi i soldi e poi agire per vie legali con gli altro condomini?
Io penso che di non anticipare nulla: come ha riportato correttamente Nemesis, "Per la riscossione dei contributi in base allo stato di ripartizione approvato dall'assemblea, l'amministratore, senza bisogno di autorizzazione di questa, può ottenere un decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo, nonostante opposizione", l'amministratore potrebbe agire subito verso i 3 morosi e comunicare contemporaneamente i loro nomi alla Ditta in modo che anche lei richieda un decreto d'ingiunzione. Se fossi l'amministratore avviserei i morosi di questa doppia azione e probabilmente cambierebbero atteggiamento
 

basilico

Membro Attivo
Io penso che di non anticipare nulla: come ha riportato correttamente Nemesis, "Per la riscossione dei contributi in base allo stato di ripartizione approvato dall'assemblea, l'amministratore, senza bisogno di autorizzazione di questa, può ottenere un decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo, nonostante opposizione", l'amministratore potrebbe agire subito verso i 3 morosi e comunicare contemporaneamente i loro nomi alla Ditta in modo che anche lei richieda un decreto d'ingiunzione. Se fossi l'amministratore avviserei i morosi di questa doppia azione e probabilmente cambierebbero atteggiamento
si ma dice l'amministratore è tenuto a comunicare ai creditori NON ANCORA soddisfatti che lo interpellino i dati dei morosi.
E' questo non acora soddisfatti che non mi è chiaro

allo stesso tempo però la ditta se ne potrebbe fregare del fatto che l'amministratore dopo aver fatto decreto ingiuntivo comunichi a loro i nomi dei morosi facendo decreto ingiuntivo a tutti
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Come faccio a leggere una risposta al quesito sottoposto
Alto