• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Rubino

Nuovo Iscritto
Ciao a tutti
Il mio quesito:
Un terreno edificabile rivalutato nel 2002 con perizia giurata 160.000 euro, venduto nel 2009 a 260.000 euro. Nella dichiarazione dei redditi rientra la plusvalenza di 100.000 euro.
La fattura di intermediazione immobiliare di 10.000 euro e' detraibile dalla plusvalenza dei 100.000 euro e quindi pagare le imposte su 90.000 euro?

Grazie.
 

Jrogin

Fondatore
Membro dello Staff
Professionista
La fattura di intermediazione immobiliare di 10.000 euro e' detraibile dalla plusvalenza dei 100.000 euro e quindi pagare le imposte su 90.000 euro?
Penso di si, ma aspettiamo altri pareri.
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
Posso aggiungere che il fatto che tu abbia portato la plusvalenza in dichiarazione dei redditi, è probabilmente una scelta ragionata, ma sulla carta ti conveniva pagare il 20% secco della plusvalenza dal notaio e non portartela in dichiarazione dei redditi dove verrà colpita con la aliquota marginale che ritengo sia, ogni caso fa storia, intorno al 40% circa.
 

terrina

Nuovo Iscritto
penso che non sia possibile usufruire della ritenuta secca del 20% dal notaio per le plusvalenze da terreno edificabile..... e che sia possibile usufruire della tassazione separata.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto