1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. totonno67

    totonno67 Membro Attivo

    Ho sentito che non c'e' piu' l'obbligo di presentare una dia ma una semplice comunicazione inizio lavori.
    Io devo fare dei lavori di ristutturazione (Impianto idraulico bagno e cucina, pavimenti, devo spostare una porta e fare un nuovo tramezzo che chiude una stanza che precedentemente gia' esistava).
    Cosa devo fare, presentare una DIA e attendere i 30gg. o posso presentare la comunicazione di inizio lavori?
    Il comune e' quello di Roma.
     
  2. Marco Giovannelli

    Marco Giovannelli Membro dello Staff

    Professionista
    la DIA non esiste più.

    serve una comunicazione in comune e non bisogna attendere i 30gg. Alla comunicazione vanno allegati progetto, relazione tecnica di un tecnico e successivamente deve essere fatta la variazione catastale.

    saluti
     
    A felixgiovanni, e Antonella Tamagnone piace questo elemento.
  3. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
  4. Stefano Mariano

    Stefano Mariano Membro dello Staff

    Concordo con quanto detto da Marco e con l'occasione mi permetto di esplicitare "più in soldoni" le differenze tra Dia e Scia anche per i non addetti ai lavori. Le innovazioni introdotte dalla Scia sono sostanzialmente due: 1) azzeramento dei 30 gg di attesa tra presentazione documento e inizio dell'attività edilizia; 2) maggiore responsabilità del tecnico che firma il progetto in quanto si fa garante della liceità dell'intervento edilizio rispetto alla normativa nazionale, regionale, locale e ai vincoli eventuali esistenti. Nel tuo caso, trattandosi di opere interne, la responsabilità è pressocché nulla, c'è soltanto in compito di attestare che le opere eseguite siano quelle descritte e comprese nel progetto. Come si può notare, visto che il lavoro richiesto al professionista è rimasto lo stesso, anzi per assurdo necessita di una dichiarazione aggiuntiva: l'assenza di vincoli o dipendenza da committente e da esecutore dei lavori (documenti richiesti: progetto, relazione tecnica, dichiarazione sui vincoli, dichiarazione di estraneità con committente e ditta esecutrice), contrariamente a quanto possa si pensare, la parcella di detto professionista non può essere diminuita, o il suo lavoro "scavalcato"
     
    A ralf e Marco Giovannelli piace questo messaggio.
  5. Marco Giovannelli

    Marco Giovannelli Membro dello Staff

    Professionista
    Ok, questa frase mettiamola in grassetto, maiuscolo, grandezza carattere 100 e mandiamola per email a tutto il mondo!:^^::^^:

    non sapete quante persone mi chiamano dicendo " ma il tecnico non serve più"!!!! HAHAHAHAHAHAH

    saluti
     
    A Antonella Tamagnone piace questo elemento.
  6. totonno67

    totonno67 Membro Attivo

    Grazie a tutti.
     
  7. Stefano Mariano

    Stefano Mariano Membro dello Staff

    Esperienza comune!!! La precisazione mi è sorta spontanea:D!!!
     
    A Antonella Tamagnone piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina