• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se fosse un disimpegno, senza soluzione di continuità fra il bagno e la cucina, senza la porta fra i due ambienti, disimpegno e cucina, pensi che sarebbe accettabile?
 

Vincenzo De Maio

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buongiorno grazie per avermi accettato, cortesemente la porta a soffietto che divide la zona lavello dal vater per creare l'anti bagno, deve arrivare obbligatoriamente a soffitto ? ho basterebbe che sia ad altezza delle porte ?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
La porta non deve essere una semplice barriera per il transito, ma deve isolare i due ambienti, vuoi per evitare la propagazione degli odori, che, se possibile, dei "rumori".
 

sapienzafra

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Salve a tutti, non avendo ben chiaro il concetto di disimpegno vorrei sottoporvi la pianta che intendo realizzare a Roma. In questo caso tra la zona cucina (delimitata a dx da una spalletta in muratura) e il bagno, si apre una sorta di corridoio che serve bagno e camere. Può essere considerato come disimpegno? Anche se manca la porta verso la cucina? Vorrei evitare di realizzare l'antibagno. Grazie e saluti!

disimpegno.png
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Non, Il bagno non può essere accessibile direttamente dalla cucina: è necessario un andito-disimpegno intermedio.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
insomma non ho capito se per accedere al bagno siano necessarie due porte o se basti che il bagno si affacci su un corridoio o un disimpegno (senza porta)
grazie
Credo di aver capito a cosa pensi e le risposte avute: nelle case che tu chiami "di una volta" c'era un corridorio/ingresso a cui tutte le camere, compreso il bagno si affacciavano tramite una porta.

E' però successivamente diventato di moda l"open space" e si è abolita la porta che dava sul soggiorno, (e spesso si è addirittura rimossa la tramezza, così che l'intero ingresso è venuto a far parte del soggiorno.
E' in questo caso che si pone il problema di una porta intermedia, che ingenere viene a separare la zona giorno dalla zona notte.
 

gattaccia

Membro Assiduo
Proprietario Casa
se ho capito bene ingresso alla genovese, letto su alcuni annunci, significa ingresso che fa anche da salotto, sul quale si aprono tutte le altre stanze, quindi probabilmente ci vuole l'antibagno
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Per essere in regola il servizio igienico o bagno deve essere disimpegnato. Non può essere a diretto contatto con i vani abitabili.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Per essere in regola il servizio igienico o bagno deve essere disimpegnato. Non può essere a diretto contatto con i vani abitabili.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto