• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Olga.Scaglione

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buongiorno,
da poco ho ereditato una piccola casa a mare posta al secondo piano di un piccolo palazzetto di due piani. Il bivani ha la finestra della stanza da letto murata fino ad una certa altezza e sopra c'è una grata fitta con rete apposta. Questo perchè la finestra si affaccia sul giardino di un vicino oltre il quale vi è la casa di detto vicino che ci abita tutto l'anno. Il muro della mia casa quindi è stato costruito al confine con il fondo altrui. Non mi sta bene perchè uso la casa due mesi l'anno, in estate, e mi manca aria e luce.
Nel contratto di acquisto però i miei genitori hanno accettato di far costruire il muro alla finestra e di apporre sopra la grata, su richiesta dei proprietari del fondo confinanti che non vogliono lesa la privacy. Non so se in origine la proprietà fosse unica, ma nella pianta castale la finestra è censita e presente.
Posso togliere il muro e riprendere possesso della finestra (che si apre all'interno) o rischio di perdere una eventuale causa? Grazie!
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Posso togliere il muro e riprendere possesso della finestra (che si apre all'interno) o rischio di perdere una eventuale causa? Grazie!
Nel contratto di acquisto però i miei genitori hanno accettato di far costruire il muro alla finestra e di apporre sopra la grata, su richiesta dei proprietari del fondo confinanti che non vogliono lesa la privacy.
Se i tuoi genitori si sono impegnati a chiudere così la finestra, per ripristinarla dovrai come prima cosa avere il permesso dei vicini (che potrebbero non dartelo).
E prima di fare qualsiasi intervento devi conoscere la situazione urbanistica, cioè verificare se quella finestra era lecita o abusiva, e sarebbe meglio far leggere il contratto per capire bene i termini della questione.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
sarebbe meglio far leggere il contratto per capire bene i termini della questione.
Certo: ma dalla descriizione non avrei molti dubbi.

A nessuno piace dover "murare" una finestra e mettere una grata, di sua volontà: questa operazione significa trasformare una veduta in luce.

Dato che non è lecito aprire vedute sul muro posto sul confine, anche se questa veduta è riportata sulla planimetria catastale, è da supporre che il vicino abbia contestato la cosa e costretto i precedenti proprietari a riportare lo stato alle condizioni del C.C.

Da tenere addirittura presente che una luce sul confine, non vincola il vicino: il quale, ne avesse interesse potrebbe costruire a sua volta in aderenza e chiudere definitivamente la "luce": al posto di Olga non andrei a busticar il can che dorme.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Tutto giusto quello che dice @basty, però è necessario sapere:
- i due fabbricati confinanti in origine erano dello stesso proprietario?
- dovresti leggere l'atto d'acquisto dei tuoi genitori cosa prevede in merito;
- cosa prevedeva il progetto, quando è stato realizzata la finestre, quando è stata chiusa e sulla base di un probabile accordo raggiunto con il vicino.
 

Luigi Barbero

Membro Senior
Proprietario Casa
Certo: ma dalla descriizione non avrei molti dubbi.

A nessuno piace dover "murare" una finestra e mettere una grata, di sua volontà: questa operazione significa trasformare una veduta in luce.

Dato che non è lecito aprire vedute sul muro posto sul confine, anche se questa veduta è riportata sulla planimetria catastale, è da supporre che il vicino abbia contestato la cosa e costretto i precedenti proprietari a riportare lo stato alle condizioni del C.C.

Da tenere addirittura presente che una luce sul confine, non vincola il vicino: il quale, ne avesse interesse potrebbe costruire a sua volta in aderenza e chiudere definitivamente la "luce": al posto di Olga non andrei a busticar il can che dorme.
Mi piace il termine: "busticar".
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Mi piace il termine: "busticar".
Vorrei vedere, con le tue origini piemontesi....: Barbaroux non avrebbe avuto bisogno di traduzioni
Confesso: scrivendo non me ne ero accorto di aver traslato un termine dialettale in una espressione italiana. Una contaminazione quasi naturale ed involontaria.

Del resto , verificando, mi sono accorto di una cosa curiosa a cui non avevo mai pensato.

Anche se l'unione Piemonte-Sardegna non è durato moltissimi secoli, anche lì sembra si possano riscontrare contaminazioni tra i due dialetti (scusa: lingue....)

Vedi:
Vocabolario piemontese-italiano e italiano-piemontese, del sacerdote Michele Ponza ...

Manuale di linguistica sarda

Ca m'a staga bin
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Si chiamava Regno di Sardegna!
... che non era un vero regno storicamente accertato ... visto che traeva origini dalla mitica regina Arborea.

Ma (per fortuna...) i Savoia si resero conto dell'impossibilità di governare il Regno di Sicilia, e barattarono la Sicilia con la Sardegna, tenendosi stretto però il titolo regale.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
A che altezza si trova la finestra chiusa, e se riesci a trovare documenti esistenti inerenti a tale finestra
Con la lingua Sarda, Piemontese, o Varesotto, Olga non sa che farsene:)
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
E' vero, parlando, parlando, ci siamo scordati di ascoltare i richiami d'aiuto di @Olga.Scaglione. Forse l'abbiamo spaventata e si è eclissata.
Olga, se hai ancoro bisogno di consigli, forniscici i chiarimenti richiesti.
 

Olga.Scaglione

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Ciao! Ho avuto giorni di fuoco ma grazie per tutti I consigli preziosi. Nel frattempo sono andata a casa a mare ed abbiamo raggiunto il compromesso di abbattere il muro e togliere la grata superiore. Al posto del muro mettero' un vetro opaco ad altezza superiore ad 1.80 cm da terra.
Tuttavia ho intenzione di consultare il mio avvocato perche' l'altro palazzetto e' stato costruito successivamente al mio dove gia' esisteva la finestra. Non so se il fondo in origine fosse lo stesso, lo devo appurare. Non credo sia quindi legittima la richiesta di chiusura della veduta. Almeno lo spero
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
@Olga.Scaglione, attenzione che l'altezza inferiore della luce deve essere a m 2,50 dal tuo pavimento se è al piano terra e m 2,00 sui piani alti. Puoi avere un'apertura per il passaggio di aria e luce ed il varco deve essere inattraversabile mediante una grata la cui maglia non deve essere maggiore di 3 cmq. A mio parere il legislatore intendeva cm (3x3)= 9 cmq. Secondo la norma dovrebbe essere un quadrato di cm 1,73x1,73 che se levi lo spessore della rete della maglia resta poco più di cm 1,5 di lato.
La luce la puoi realizzare senza alcuna autorizzazione anche del confinante se il muro è tuo. Altrimenti ti deve autorizzare. E comunque qualora per sua necessità dovesse realizzare un fabbricato a ridosso del muro interessato te la potrebbe tappare senza che tu ti possa opporre. La posizione della finestra la puoi riscontrare sia sulla planimetria catastale che nel progetto depositato all'ufficio tecnico del comune che puoi visionare richiedendo un accesso agli atti in qualità di proprietaria.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
La posizione della finestra la puoi riscontrare sia sulla planimetria catastale che nel progetto depositato all'ufficio tecnico
A catasto ha detto essere presente: non sappiamo invece nulla sul progetto depositato in comune.
In ogni caso, se quando è stata fatta, il terreno comprendeva anche il lotto del vicino, la finestra potrebbe rimanere per destinazione del padre di famiglia
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Sarebbe potuta rimanere, purtroppo i suoi genitori l'hanno eliminata, chissà quando? Così facendo hanno riconosciuto il loro diritto. Pertanto, oggi viene molto in salita rivendicare.
Il bivani ha la finestra della stanza da letto murata fino ad una certa altezza e sopra c'è una grata fitta con rete apposta.
La stanza se la superficie della luce non raggiunge 1/8 della superficie del pavimento della camera, non è più tale, ma diventa locale di sgombero, non abitabile. Sarebbe interessante sapere chi ha messo la grata e chi ha ostruito la finestra con la muratura. Evidentemente se l'opera è stata realizzata con prepotenza da meno di un anno hai la possibilità di rivendicare con una certa facilità. Comunque nella planimetria catastale la rappresentazione della luce o veduta è rappresentata allo stesso modo. La digfferenza la potrai notare nel progetto presentato in comune.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, io sono cointestatario dell' appartamento in cui vivo, con mia moglie; volendo acquistare un altro appartamento e per usufruire di determinate agevolazioni dovrebbe risultare mia prima casa, pertanto, dovrei lasciare la cointestazione della prima casa. Questa operazione dovrà avvenire tramite atto notarile? ma soprattutto, quanto mi costerà?
Alto