• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

acquirente

Nuovo Iscritto
se qualcuno mi puo' aiutare, lo ringrazio anticipatamente.
ho fatto il compromesso della mia casa di milano in data 29 gennaio 2010 con rogito 30 giugno 2010.
nel frattempo, ho dato la caparra per la casa nuova piu' grande, fuori milano, con compromesso il 10 febbraio 2010 e rogito il 20 luglio 2010.
ho saputo che quello che compera casa mia ha cambiato idea e non puo' saldare al rogito per problemi suoi.
praticamente perde la caparra che mi ha dato, dobbiamo pagare l'agenzia immobiliare ma io adesso non riesco a comperare casa nuova e non sono in condizioni economiche di fare mutuo.
mi rimane casa mia ancora da vendere ma perdo il compromesso versato alla casa nuova.
cosa puo' succedermi ancora??? che cosa puo' pretendere il proprietario della casa che volevo comprare??
grazie a chi vorra' rispondermi.
 

Jrogin

Fondatore
Membro dello Staff
Professionista
Dipende a che titolo hai dato i soldi al preliminare, se caparra penitenziale la perdi e tutto finisce li. Se caparra confirmatoria ed il promissario venditore si accontenta puoi trattenersi la caparra (di solito va a finire così), ma se volesse potrebbe costringerti (con una lunga causa) a stipulare l'atto e a richiederti eventuali danni da lui sofferti.
Tutto questo per l'acquisto del tuo futuro appartamento.
Per la vendita del tuo attuale basta rovesciare l'ordine delle parti.
 

acquirente

Nuovo Iscritto
ho capito cosa volevi dirmi, quindi anch'io potrei trascinare in tribunale quello che voleva comperare casa mia. ho fatto caparra confirmatoria. ma in questo caso, durante gli anni di causa, la mia casa non potrebbe essere piu' venduta, sarebbe bloccata dalla causa giudiziaria?
idem la casa che dovevo comperare io.
un disastro...........sono proprio giu' di morale ed in piu' devo pagare anche l'agenzia immobiliare del mio acquisto.
e niente per colpa mia.
scusa ma in che cosa ho sbagliato??? Dovevo comperare solo dopo aver ottenuto il rogito di casa mia????
 

Jrogin

Fondatore
Membro dello Staff
Professionista
quindi anch'io potrei trascinare in tribunale quello che voleva comperare casa mia. ho fatto caparra confirmatoria. ma in questo caso, durante gli anni di causa, la mia casa non potrebbe essere piu' venduta, sarebbe bloccata dalla causa giudiziaria?
idem la casa che dovevo comperare io.
Sembrerebbe propio così.
scusa ma in che cosa ho sbagliato??? Dovevo comperare solo dopo aver ottenuto il rogito di casa mia????
A posteriori sarebbe facile risponderti di si, ma onestamente da quanto scrivi prima hai fatto il preliminare di vendita, poi quello di acquisto, hai rispettato probabilmente avrei fatto la stessa cosa anche io.
Spero solo, a questo punto, che tu abbia ricevuto una caparra superiore a quella che hai consegnato.

Speriamo che la tua vendita non sia definitivamente saltata.
 

acquirente

Nuovo Iscritto
si, certo, la caparra che ho ricevuto io e' superiore a quella che ho consegnato perche' il valore della mia casa di milano e' piu' alto di quella che andavo a comperare.
diciamo che mi rimangono qualche decina di migliaia di euro fra quello che devo pagare alle agenzie immobiliari e quello che perdo per il compremesso saltato di acquisto.
ma la cosa non mi consola anche perche' devo assolutamente vendere casa mia e un'esperienza di nuovo come questa non la voglio piu' vivere..............non e' possibile, e' troppo stressante.
io non ho intenzione di andare in tribunale anche perche' se quello non ha i soldi ...........che faccio??? Spero solo che decida cosi' anche l'altro venditore.
se tutto va cosi', a settembre ci riprovo a vendere ma probabilmente in modo diverso.
comunque grazie delle risposte, un po' mi hai consolato, quando hai detto che ...........di solito le cose finiscono con il trattenere la caparra e basta.
speriamo bene.
 

marcella

Membro Attivo
Se ti spieghi bene e parli a voce direttamente con il proprietario della casa che volevi acquistare, penso che andrà tutto bene, solo uno stupido non capirebbe la situazione. Gli dici esattamente quello che ti è successo e tu ti trovi nelle stesse condizioni. Chiedi un incontro, non lasciare che l'agenzia o altri parlino per conto tuo. Fatti preparare una scrittura dall'agenzia o da un avvocato affinchè, se lui intende chiudere la cosa, non abbia più niente da pretendere da te.
Buona fortuna!
 

Roberto

Nuovo Iscritto
Se la caparra che ti ha versato l'acquirente del tuo immobile è "penitenziale" non puoi fare un gran che se non perdere a tua volta la caparra versata (rinunciando all'acquisto fuori Milano), salvo non ottenere una proroga per l'acquisto del nuovo appartamento e trovare, nel frattempèo un nuovo acquirente.
Se la caparra è "confirmatoria" puoi citare l'inadempiente per danni, facendoti risarcire il compenso di agenzia ed anche la caparra che perderesti per il tuo nuovo acquisto. Comunque resta valida l'ipotesi di chiedere al venditore dell'immobile fuori Milano una proroga in tempi ragionevoli ed intento trovare un nuovo acquirente per la tua casa.
 

marcella

Membro Attivo
Sono d'accordo con Roberto, in seconda battuta, se il venditore della tua nuova casa non accetta la tua revoca, allora proponigli di venirti incontro e di posticipare i tempi di acquisto.
 

acquirente

Nuovo Iscritto
grazie a tutti per le risposte ma giuro una situazione cosi' l'ho sempre temuta e adesso............... con la crisi che c'e' nel mercato immobiliare non e' facile trovare un acquirente anche se la casa e' bella ed in un'ottima zona di milano e quindi provero' a chiedere al mio venditore di aspettare ma la vedo dura. la caparra che ho ricevuto e' confirmatoria per cui sono nei guai se decide di citarmi.
comunque gli ho fissato un appuntamento per mercoledi' prossimo per parlare con calma e spiegargli tutto, che non e' colpa mia, che non posso comprare perche' non ho soldi a sufficenza se non vendo la mia, che non posso fare un mutuo, la cifra e' troppo alta.
lui deve pagare anche la provvigione all'agenzia..........al limite li detrae dalla caparra che gli ho gia' versato.
un incubo..................
non lo auguro a nessuno, si perde il sonno per cose cosi'.
grazie a tutti
 

Roberto

Nuovo Iscritto
Io faccio parte di una grossa struttura immobiliare, con numerose agenzie a Milano, se hai bisogno di una mano, senza impegno da parte tua o se vuoi mettermi in contatto con l'agenzia alla quale hai affidato la vendita del tuo immobile, fammelo sapere, ti darò volentiari un aiuto.
 

acquirente

Nuovo Iscritto
eccomi di nuovo qui dopo l'incontro con il mio venditore. il rogito con il mio acquirente e' definitivamente saltato.
il mio venditore mi chiede il pagamento della provvigione all'agenzia immobiliare di circa 12.500 euro IVA compresa.
niente tribunale, deve assolutamente vendere per aiutare la figlia che si vuole sposare e va a vivere in liguria.
si tiene naturalmente la caparra che gli avevo anticipato.
tanta delusione, rabbia, fatica, malumore,notti insonni ma e' meno peggio di come pensavo.
e adesso ricomincio tutto daccapo.
 

marcella

Membro Attivo
Tutto sommato, ti è andata bene dai. E tu non hai chiesto al tuo acquirente la provvigione che hai dovuto versare all'agenzia?
 

acquirente

Nuovo Iscritto
Tutto sommato, ti è andata bene dai. E tu non hai chiesto al tuo acquirente la provvigione che hai dovuto versare all'agenzia?
no, l'ho pagata con la caparra che mi ha versato al compromesso.
non voglio piu' vederlo in faccia, qualche soldo mi e' rimasto ancora nonostante tutto, ho disdetto il trasloco, ho bloccato tutti i progetti che avevamo fatto ed ho accumulato un'enorme sfiducia.
 

marcella

Membro Attivo
La sfiducia no!! Atrimenti non si fa più nulla dai! Dillo a me che tra avvocati, multe, piccoli incidenti di percorso, non si finisce più! Ma si va avanti, perchè se il destino è duro, io sono più dura di lui! :sorrisone:
 

sara frizza

Nuovo Iscritto
Ciao, sono Sara anch' io agente immobiliare a Milano, mi è capitata una cosa del genere l' anno scorso e ho rinunciato alla provvigione, non si può guadagnare sulle disgrazie altrui!!!!! Se riesci ad ottenere una proroga, poi con calma paghi il dovuto. Anche il tuo venditore avrà il problema della crisi e forse ha maggior i convenienza ad aspettare che imbarcarsi in una nuova vendita. Se così fosse,trattenendo la caparra puoi fare un piccolo sconto sulla tua casa e venderla più velocemente. Poi non si può pagare due volte la mediazione per lo stesso immobile, quindi l' agenzia per la vendita del tuo non va ripagata.
In bocca al lupo
Sara Frizza
 

marcella

Membro Attivo
Effettivamente, anche se la mediazione è un diritto dell'agenzia in questo caso, io mi sarei comportata come Sara, rinunciando alla provvigione avrei sicuramente salvaguardato la mia immagine, oltre che la clientela.
Comunque, a questo punto, non c'è altro da sperare che la stessa agenzia venda lo stesso immobile, in modo da evitare di pagare una seconda volta provvigioni. Una bella seccatura.
 

marcella

Membro Attivo
Ottimo Ennio, ma se ho ben capito, qui, la frittata è già stata fatta... mentre il post a cui fai riferimento è "di prevenzione"..... Comunque grazie, è molto utile.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve , vorrei chiedere se qualcuno conose la normativa riguardante la costruzione di una scala a rampe con pianerottoli in acciaio per accedere a tre appartamenti. Questa sarebbe costruita nella chiostrina in aderenza a più vicini in cui io ho una terrazzina con porta di accesso che risulteremme a 80 cm. di distanza grazie ha chi vorrà rispondermi
Salve a tutti , volevo porre un quesito. Ho acquistato una casa Novembre 2017, seconda casa , che fino ad oggi è stata la residenza di mia figlia e il figlio. Ho messo in vendita la casa e ho trovato un acquirente che mi offre quasi il doppio di quanto pagato. Ai sensi dell'art. 67 del TUIR essendo stata residenza di mia figlia devo pagare o meno la plusvalenza ?? Grazie per chi potrà darmi risposte
Alto