1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. rudy

    rudy Nuovo Iscritto

    :disappunto: :disappunto: :disappunto::disappunto: Buona sera a tutti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Avrei bisogno di un consiglio!
    Sono proprietario di un appartamento sito in un condominio ove risiede mia madre. Io risiedo a centinaia di Km di distanza.
    Premetto che il predetto appartamento è ubicato in una palazzina costruita attorno agli anni 50, ed è composta da 4 unità abitative. L’immobile è stato acquistato nel 2002, e da allora, visto che 2 appartamenti su 4 erano all’epoca disabitati, mi sono adoperato per apportare delle migliorie nelle parti comuni dello stabile per migliorarne il decoro e la funzionalità, tra queste vi era il rifacimento e la messa a norma dell’impianto elettrico delle scale e delle (2) luci esterne.
    All’epoca dei fatti, gli altri 3 proprietari(non vi è mai stato un amministratore), seppur tra molte polemiche e solo dopo l’intervento di un legale da me incaricato, acconsentirono ad effettuare tale impianto, ma a condizione che non venisse stipulato un contratto con l’ENEL appositamente per l’esigenza scale, ma che tale consumo venisse, come da decennale abitudine, (procedura questa utilizzata anche dai condomi di altre 3 palazzine "gemelle" poste nella stessa via) caricata su un contatore di un condomino, al quale annualmente veniva versata una quota precedentemente concordata, e comunque cifra annuale irrisoria.
    Essendo questo il punto fermo posto dagli altri condomini, ho accettato, anche se il tutto non mi sembrava molto regolare, quindi ho dato il via libera ad un elettricista per eseguire il lavoro.
    Gli anni sono passati e tutto è andato benissimo finché un paio di anni orsono il proprietario dell’appartamento adiacente il mio, quello a cui fa carico la spesa della luce scale, ha affittato la sua proprietà ad una famiglia che sta creando un sacco di problemi sotto tutti i punti di vista, ultimo dei quali una mega bolletta dell’ENEL (che nessuno ha visto) che a suo dire, dipende da una dispersione dell’impianto elettrico delle parti comuni che grava sul suo contatore.
    Tengo a precisare che i due condomini degli appartamenti al piano terra hanno anche entrate indipendenti e quindi raramente usufruiscono delle scale interne e di conseguenza della luce; al piano superiore oltre alla già citata famiglia crea- problemi (alla quale in passato l’ENEL in due occasioni ha sospeso l’erogazione di energia per insolvenza nelle bollette) abita mia madre ottantenne, la quale di sera non esce mai di casa e quindi non usufruisce della luce scale; Per dare un idea del consumo dell'impianto in argomento basti dire che la durata del temporizzatore che regola l’illuminazione è tarata sui 25 secondi e parliamo di 4 lampade ad incandescenza di 100 watt, e di un impianto a bassa tensione per l'impianto di citofonia.
    Di mia iniziativa, ed a mie spese ho incaricato un tecnico di verificare eventuali dispersioni nell'impianto summenzionato, verifiche che come sospettavo hanno acclarato la perfetta efficienza dello stesso.
    Ora chiedevo come comportarmi per risolvere questo problema, c'è qualche legge che regolamenti queste situazioni?????Personalmente ho deciso di stipulare un apposito contratto con l’ENEL. Possono fare delle storie gli altri condomini? Sono obbligati ad accettare e partecipare nella divisione spese che questo lavoro comporta? proprio recentemente l'ENEL mi ha inviato un precentivo con l'ammontare del costo che comportebbe un nuovo contratto e nuovo allacciamento, vale a dire la somma totale di circa 480 euro.
    Per evitare che i simpaticoni dei vicini staccassero la luce delle scale, lasciando quindi al buio le parti comuni, alcuni mesi fa ho provveduto ad allacciare al mio contatore il predetto impianto, constatando che effettivamente il consumo è proprio ridicolo, pochi euro in totale.
    Ringrazio da subito qualunque mi possa dare suggerimenti e consigli utili per risolvere questa situazione spiacevole, che tengo a risolvere al più presto anche perchè gestirla da diversi km di distanza non è cosa semplice. Rudy
    :applauso: :applauso: :applauso: :applauso:
     
  2. Massimiliano Lusetti

    Massimiliano Lusetti Membro dello Staff

    Rimane a mio avviso il vizio di forma iniziale come hai detto tu ma potrei proporre una soluzione veloce:
    spostare l'allaccio dell'impianto condominiale verso l'impianto dell'appartamento dove vive tua madre. Interporre un sub contatore che misuri il ocnsumo effettivo dell'energia consumata dall'impianto condominiale.

    Ciao Max
     
  3. rudy

    rudy Nuovo Iscritto

    :disappunto: :disappunto: :disappunto:

    Grazie Max!!!!!!
    sei stato molto tempestivo nella risposta!!!!
    Un contatore a monte dell'impianto che alimenta le parti comuni avevo già provveduto ad installarlo al momento della messa a norma dello stesso! Questo fu un punto che all'epoca ritenni irrinunciabile come garanzia per tutti i condomini!A suo tempo pensai anche che, tra persone adulte ed intelligenti, questa soluzione sarebbe potuto essere, nella sua semplicità, quella più duratura se non addirittura definitiva, ma purtroppo cosi non è stato!!!!! Quello che mi chiedo ora è questo: fino a che punto questa soluzione è da considerare "legale"? E nell'eventualità che io, giusto per stare dalla parte dei bottoni, volessi effettivamente installare un apposito contatore ENEL ad uso esclusivo delle parti comuni, su cosa posso far leva per vincere eventuali opposizioni degli altri condomini????
    Tieni comunque presente che parliamo sempre di cifre veramente irrisorie e che il tempo necessario per l'ammortamento della spesa del contatore Enel avrebbe tempi biblici.
    Ti ringrazio anticipatamente per i tuoi consigli.
     
  4. 00luna

    00luna Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Ciao
    Ho cercato nel forum divisione delle parti comuni, ma non ho trovato la risposta.
    La mia domanda è:
    "" come si dividono le spese degli spazi comuni e loro manutenzione?""
    Gli spazi comuni che esistono nel mio condominio sono tanti e li elenco:
    -cortile per posti auto e aiuole, luce, cancello elettrico,
    2 locali per l'autoclave, pompe sommerse per liquami, ecc. ecc.
    Queste sono le più significative, è 1 complesso di 5 palazzine.
    Poi se non ti dispiace vorrei farti 1 altra domanda le spese per il rifacimento del torrino e del terrazzo quanto tocca a chi ha il box? ma non ci abita nella palazzina, in che misura paga queste spese?
    Inoltre a priscindere dal regolamento condominiale quali spese ordinarie possono essere associate ai box?
    Scusa se ti ho fatto tutte quste domande ma credo siano legate più o meno alla stessa domanda iniziale.
    Ciao
    :fiore::fiore::fiore::occhi_al_cielo:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina