• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
No, e non era stato riferito che vi sia una moglie.
Madre
Figlio1
Figlio2
Se c'è una madre questa signora sarà stata anche per soli due attimi moglie di qualcuno anche se non dichiarata ma se cosi fosse non ci sarebbe nessuna eredita di questo signore che poveretto gli stiamo tirando le cuoia, pertanto se c'è una moglie gli spetta o no il 50%?
Frak ti conviene sondare i terreno e capire se c'è altro nascosto nel senso che ti è riservato una somma che ti metta in parità con il fratello e tu non lo sai, ma perché poi il fratello ha avuto una palazzina in regalo? sempre se è lecito
 

Frak82

Membro Junior
Proprietario Casa
ma perché poi il fratello ha avuto una palazzina in regalo?
In teoria il donatore avrebbe dovuto assegnare il denaro a figlio1 e a figlio2 in egual misura, ma i contanti erano finti, quindi si è optato per l'assegnazione di un bene immobile al figlio2. Essendo io il figlio2 volevo assicurarmi che il figlio1 non recrimini in futuro, che il figlio2 NON ha un esubero, come da sempre rinfacciatomi ogni giorno. Quindi avrei anche bisogno di capire se contattare un commercialista per stilare una scrittura privata che mi garantisca che il resto dell'eredita venga ridistribuito in parti uguali, anche se comprendo perfettamente.... che primo non è giusto, secondo una scrittura privata del genere figlio1 non la firmerebbe mai. Anche se da accordi attuali si e sempre detto che l'immobile assegnatomi e mio totalmente, anche se ciò non è assolutamente vero perche rimangono i 205000€ in esubero...
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Nemesis perché non sprechi qualche rigo in più cosi noi ignoranti possiamo istruirci grazie al tuo sapere?
Grazie
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
E' questo che voglio capire
C'è poco da capire. O il donante in qualche modo "riequilibra" le donazioni fatte ai figli finché è in vita, oppure chi è stato leso nella quota che la legge gli assegna, potrà agire dopo la morte del donante per ottenerla.
 

Frak82

Membro Junior
Proprietario Casa
Beppe sei uno che capisce! Ma vogliamo evitarlo a tutti i costi FI DA TI! Anche se il terreno e i presupposti ci sono tutti quanti..
 

Frak82

Membro Junior
Proprietario Casa
Chi è che fa il lavoro di riequilibrare l'asse ereditario per metterci in pace?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
E male non sarebbe redigere un accordo per scrittura privata fra tutte le parte interessate per evitare in futuro, tensioni e cause estremamente costose.
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Chi è che fa il lavoro di riequilibrare l'asse ereditario per metterci in pace?
rivolgetevi ad un notaio .......sarà lui a trovare la/le soluzioni adatte al caso
Facendovi anche Coadiuvare da un tecnico per le eventuali stime ed altre incombenze di natura tecnica
 
Ultima modifica:

Frak82

Membro Junior
Proprietario Casa
Si, ho fatto fare un preventivo per la catra intestata, mi ha sparato 500 euro, senza indugiare e approfondire la questione, pagamento anticipato paypal.....
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto