• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ralf

Nuovo Iscritto
In una compravendita è accaduto che un acquirente abbia formulato una proposta,su indicazione e modulistica di una agenzia,rivolta al proprietario,ritenuto,pareva,unico.Questi ha accettato,incassato l'assegno di caparra ma successivamente l'immobile è risultato intestato anche alla mamma, la quale non vuole più vendere.Ora tutti tergiversano,agenzia e venditore che ha incassato.Cosa si può fare in questo caso?Grazie.
 

Jrogin

Fondatore
Membro dello Staff
Professionista
Benvenuto in Propit mr.hodk..g
La "mamma", purtroppo per te, non è assolutamente obbligata a vendere in quanto non ha sottoscritto alcuna accettazione di proposta,. :disappunto:
Il mio personale consiglio è di farsi restituire la caparra immediatamente ed annullare la compravendita, senza pretendere dei danni per via giudiziale (visto i lunghi tempi della giustizia e l'incertezza dell'esito).
Ma se vuoi, mi farebbe piacere sapere cosa intendi quando scrivi che agenzia e venditore "tergiversano".
La prossima volta, pretendi dall'agenzia di farti dare la documentazione, e soprattutto non permettere mai che il proprietario incassi la caparra prima di aver fatto tutte le verifiche del caso (scusami se ho usato il modo imperativo in quest'ultima mia frase ;) ).
 

Maurizio Zucchetti

Membro Attivo
su indicazione e modulistica di una agenzia,rivolta al proprietario,ritenuto,pareva,unico.
L'acquirente dovrebbe far presente all'agenzia che, prima di accettare la proposta, avrebbe dovuto come minimo controllare l'atto di provenienza, e che quindi è pienamente perseguibile a causa dei danni procurati (la perdita della caparra) per la negligenza dimostrata! Vedrai che la suddetta agenzia smetterà di tergiversare e si attiverà per sistemare tutto! :fico: :occhi_al_cielo:

;)
 

ralf

Nuovo Iscritto
grazie jrogin e maurizio.tergiversano perchè stanno tentando di convincere la mamma a firmare.ovviamente questa sarebbe la soluzione migliore per tutti.ciao :daccordo:
 

Jrogin

Fondatore
Membro dello Staff
Professionista
Allora buona fortuna, speriamo che firmi.
Se firma, mi raccomando, prima di dare altri soldi, è consigliabile incaricare un tecnico di TUA fiducia (geometra, architetto, ingegnere..) affinchè verifichi la regolarità tecnico-urbanistica dell'immobile e che non vi siano gravanti sull'immobile iscrizioni o trascrizioni pregiudizievoli di alcun tipo (ipoteche, servitù, vincoli ecc.)
In bocca al lupo. ;)
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto