• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

A.n.n.a

Membro Junior
Conduttore
viene tolta l'abitabilità all'appartamento, perché l'abitazione deve essere fornita di un regolare bagno (tazza, bidet, lavandino e vasca/doccia) con luce diretta o con impianto di ventilazione.
si, il regolamento locale richiede la ventilazione , ma non credo che tolgano subito l'abilità, probabilmente viene dato tempo al proprietario per sistemare? Sistemare è complesso, penso, perché bisogna forare due muri e non so neanche se è permesso forare la facciata.. Verso il tetto non credo ci siano canalizzazioni perché è un palazzo storico...
 

vittorievic

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Con il nuovo regolamento la nostra Sisp non fa più accertamenti per privati, mi hanno detto di risolvere con un professionista
ok . Oggi la abitabilità di un edificio NUOVO la certifica il Direttore dei Lavori del cantiere. Ma qui si tratta di un edificio costruito quando la abitabilità la dava l'Ufficio Tecnico del Comune sentito il Parere dell' Ufficio Tecnico dell' Ufficio di Igiene.
In ogni caso tra i compiti SISP del Comune di Roma è riportato che "deve garantire la tutela della salute collettiva nel campo della prevenzione dei rischi sanitari conseguenti all'inquinamento dell'ambiente generale e degli ambienti di vita".
 

vittorievic

Membro Assiduo
Proprietario Casa
tutti mi dicono che sarebbe una follia per i tempi e costi...
certo non puoi pensare di sbrigartela da sola e che il giudice nel giro di una decina di giorni emetta la sentenza. Secondo me devi sentire un avvocato cosa ti consiglia. Potrebbe essere percorribile la strada di una denuncia per danno temuto con relativo ATP.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Per capire meglio forse dovrei chiedere in comune, ma non so se ne ho il titolo e se sarebbe corretto da parte mia.
Per fare un accesso agli atti, essendo il conduttore, ne hai titolo. Nella richiesta ti devi qualificare e dichiarare che l'esame della pratica edilizia è necessaria per verificare eventuali difformità.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
gli appartamenti possono avere benissimo anche un bagno solo e per di più cieco: ma devono avere un efficacie impianto di ventilazione e di illuminazione.
Non so a Roma, ma da noi, anche a Cagliari, il primo servizio igienico deve essere dotato di luce e aria diretta. Il secondo può essere interno e ad aerazione forzata.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
si, il regolamento locale richiede la ventilazione , ma non credo che tolgano subito l'abilità, probabilmente viene dato tempo al proprietario per sistemare? Sistemare è complesso, penso, perché bisogna forare due muri e non so neanche se è permesso forare la facciata.. Verso il tetto non credo ci siano canalizzazioni perché è un palazzo storico...
Se i servizi igienici non hanno i previsti requisiti, viene revocata l'agibilità. Pertanto l'immobile è inabitabile e dovrà essere sgomberato perché inabitabile. Probabilmente daranno qualche giorno di tolleranza. Altrimenti il dirigente potrebbe passare guai per omissioni.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se si interviene sulle pareti esterni, prospetti, occorre l'autorizzazione edilizia.
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Già l'ho fatto presente e lo riscrivo anche se so che mi sarete tutti contro, io ho una stanza, piano rialzato, senza camera d'aria sotto al pavimento, la uso di rado ci vado per praticare i miei esperimenti pertanto è poco ventilata e fredda senza riscaldamento, quando ci vado accendo una stufetta elettrica pertanto il massimo delle condizioni di umidità, per risolvere il problema delle muffe ho incollato su i muri dei pannelli in polistirolo, i miei sono anche decorati a rilievo, che mi danno quel minimo di coibentazione in pratica l'umidità che genero io rimane li quella esterna resta esterna non ho più quelle brutte macchiacce nere sulle pareti, in pratica ho creato un grande contenitore di polistirolo, non è la soluzione ideale ma almeno non sento più la puzza di muffa quando ci vado, per un'abitazione non è il massimo ma almeno per il bagno, se si è costretti a viverci quantomeno migliora la situazione.
 

griz

Membro Storico
Professionista
se l'appartamento è in una vecchia costruzione, addirittura storica, potrebbe essere che il bagno sia cieco e comunque abitabile, il bagno va in qualche modo ventilato, non è pensabile che con l'uso che mediamente se ne fa oggi il ricambio dell'aria sia affidato alle porte interne e alle finestre di altri locali, la conduttura per la ventilazione può anche attraversare altri locali pur di arrivare all'esterno
 

A.n.n.a

Membro Junior
Conduttore
Potrebbe essere percorribile la strada di una denuncia per danno temuto con relativo ATP.
Grazie, ho parlato..L'avvocato ha detto che per ATP dovremmo rimanere dentro anche l'inverno successivo perché la muffa si forma in inverno .. Mi ha caldamente suggerito di proporre una buonuscita ai proprietari , anche perché ATP ha dei costi elevati.
 

A.n.n.a

Membro Junior
Conduttore
viene revocata l'agibilità. Pertanto l'immobile è inabitabile e dovrà essere sgomberato perché inabitabile.
Ma l'abitabilità può anche essere sospesa? Se proprio non riesco a risolvere bonariamente potrebbe essere l'unica via d'uscita, ma se poi l'abitabilità viene solo sospesa, oppure viene dato un termine di tempo per adeguamenti sarò costretta a rimanerci, in più con i proprietari inferociti 🤕 ancor peggio.... Ho provato a cercare info, mi sembra di capire che il comune non può revocare l'abitabilità senza una pratica che include il parere dell'ufficiale sanitario , rilievi del tecnico etc., altrimenti possono essere contestati .
 

A.n.n.a

Membro Junior
Conduttore
se l'appartamento è in una vecchia costruzione, addirittura storica, potrebbe essere che il bagno sia cieco e comunque abitabile
Ho letto il regolamento edilizio locale, gli edifici storici possono avere l'unico bagno cieco in deroga al regolamento che sopra i 70MQ prevede bagno finestrato, se unico. La ventilazione dev'esserci e deve garantire un ricambio di 6-12 volumi/ora.
 

griz

Membro Storico
Professionista
l'abitabilità può venire revocata dalla ASL dopo l'accertamento della mancanza di rispetto del regolamento d'igiene
 

griz

Membro Storico
Professionista
Ho letto il regolamento edilizio locale, gli edifici storici possono avere l'unico bagno cieco in deroga al regolamento che sopra i 70MQ prevede bagno finestrato, se unico. La ventilazione dev'esserci e deve garantire un ricambio di 6-12 volumi/ora.
la ventilazione deve esserci, come già scritto, si può pero installare eventualmente coi dovuti accorgimenti e il proprietario la deve installare
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

davideboschi ha scritto sul profilo di Laura Casales.
SE vuoi che ti rispondano, crea una nuova discussione. Clicca in alto nella banda nera su "Nuova discussione", scegli l'area tematica (potrebbe essere "Area legale - Locazione affitto e sfratto) e poni lì la domanda.
Buongiorno. Mio figlio è stato sfrattato. Il proprietario dice che non pagava da diversi mesi. Ma è stato dimostrato tramite bonifici davanti al giudice che non era vero! Lui per ripicca ci ha abbassato la potenza del contatore. È da tre mesi che mio figlio non paga più l'affitto. Purtroppo per mancanza di lavoro per la pandemia. La corrente mio figlio l'ha sempre pagata in nero. Ho bisogno di un consiglio!
Alto