1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. guitar2012

    guitar2012 Nuovo Iscritto

    Buongiorno a tutti, sono proprietaria al 50% di un appartamentino con mio marito che abbiamo affittato un anno fa ad una copia che poi a giugno scorso si sono separati avendo lui perso il lavoro, in seguito lei ha rescisso il contratto regolarmente informandone anche l'agenzia delle entrate, lui si è accollato tutto il contratto. Nei mesi successivi l'inquilino ha pagato regolarmente anche se con un po di ritardo (questo mese il ritardo è stato di 15 gg) da parte nostra c'è la disponibilità, ci sembra una persona che non si perde d'animo e si dia da fare. Ora lui chiede se siamo d'accordo a trasformare il contratto da uso abitativo a uso promiscuo avendo lui costituito una società cooperativa di servizi con sede legale nella casa locata, volendo dedurre al cento per cento l'affitto, gli ho precisato che in questo caso il contratto si sarebbe dovuto modificare e fare con la società di servizi, lui mi ha risposto di informarmi all'agenzia delle entrate per le procedure da seguire, anche perché dice che lui è rappresentante legale e quindi il contratto sarebbe da stipulare a lui e alla società cooperativa. Io non sono molto convinta anche perché oltre all'aspetto fiscale non sono a conoscenza degli aspetti giuridici che potrebbero ritorcersi contro noi proprietari. Io dopo 30anni di lavoro ora sono disoccupata in seguito al fallimento della società di cui ero dipendente, ora quindi vorrei vederci più chiaro in tutti questi giri. Chiedo aiuto a qualche esperto.
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    A mio parere lo puoi fare benissimo, la legge non lo vieta, ed espressamente la L. 27/7/78 n. 392.
    Chiedi più informazioni al conduttore, di che cosa si occuperà questa società cooperativa di servizi e di quante persone è formata.
    Comunque, casa locata avevi e casa locata avrai, anche con la possibilità di aumentare il canone redigendo un nuovo contratto.
    Chiedi più informazioni che puoi anche all'AdE, per la fattibilità.

    Rischi.
    Che il lavoro al conduttore, nonchè rappresentante legale della società non vada bene.
    Per l'aspetto fiscale non cambia niente per te, tasse sul canone di prima e tasse sul canone nuovo eventuale.
    Giuridici, nessun rischio.
    saluti
    jerry48
     
    A guitar2012 piace questo elemento.
  3. guitar2012

    guitar2012 Nuovo Iscritto

    Ti ringrazio Jerri48, io però vedo meglio aggiungere una clausola al contratto vecchio "l'immobile è locato ad uso abitazione, restando per altro consentito al conduttore di svolgere nell'immobile l'attività del tutto secondaria, causale o accessoria di....", mi sento meno tranquilla nello stipulare un nuovo contratto con una societàche potrebbe appunto fallire, mi ha anche chiesto poi una riduzione del canone del vecchio contratto se non
    fossimo d'accordo nel trasformare in uso promiscuo quello attuale. Conto di informarmi all'AdE come mi consigli anche tu. Ti ringrazio Ciao.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina