• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

cristina pozzani

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno, a Gennaio 2020 ho affittato un appartamento ad una coppia (naturalmente con regolare contratto).
Dopo pochi mesi si è rotto lo scaldabagno e l'ho sostituito (in 1 giorno).
Oggi mi dicono che la manopola del water -ancorché chiusa- continua a sgocciolare.
Gli ho fatto presente che l'ordinaria manutenzione è a carico dell'inquilino e che un anno e mezzo fa la manopola, funzionava perfettamente.
Gli inquilini hanno chiamato un idraulico il quale dice che si dovrebbe sostituire il meccanismo interno che regola la manopola apertura/chiusura acqua dello scarico, che il problema è dovuto agli anni dell'impianto e che trattasi di straordinaria manutenzione (totale costo operazione € 150+IVA).
Qualcuno mi sa dire a chi compete il costo di tale riparazione? Grazie mille
 
Ultima modifica di un moderatore:

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
È una questione opinabile...la Legge non distingue la competenza fra manutenzione ordinaria o straordinaria ...ma fra riparazione e sostituzione, fra componenti esterne o inaccessibili.
Siccome parli di immobile/impianto vecchio e inquilino nuovo (nemmeno 2 anni) direi che la spesa ti compete...ma senti altri idtaulici perché il prezzo mi pare caro.
 

davideboschi

Membro Attivo
Proprietario Casa
Una manopola (se il WC è a manopola, ma anche se fosse a cassetta) dura 20 anni, l'inquiilno è dentro da 16 mesi... direi che compete a te.
 

vittorievic

Membro Assiduo
Proprietario Casa
manda un tuo idraulico. Oggi questi artigiani non riparano più tendono a sostituire sopratutto pezzi vecchi, che sono stati progettati e costruiti per durare nel tempo sostituendo i pezzi consumati, con pezzi nuovi costruiti senza possibilità di manutenzione cioè "usa e getta" (poi adesso ci sono anche i prodotti made in Cina).
Comunque tu scrivi di "manopola del water" io penso che hai il cosidetto "passo rapido" che non si usa più, magari è anche sì difficile trovare le guarnizioni e i novelli idraulici non lo sanno smontare e rimontare. Tra l'altro, per evitare i "colpi d'ariete" nelle tubazioni per il blocco improvviso della pressione al loro interno, il "passo rapido" deve essere accompagnato da un circuito di ammortizzazione.
Oggi ci sono delle manopole che funzionano sullo stesso principio del pulsante cioè, una volta abbassata, la manopola risale autonomamente perché collegata alla campana che chiude il foro di scarico della cassetta.
Io ho una cassetta Geberit vecchia di quasi 25 anni che 3 anni fa non chiudeva più bene: ho chiamato l'idraulico che ha aperto la cassetta, ha visto il pezzo da sostituire, l'ha levato, ha decalcificato la cassetta, è andato a comprare il ricambio, l'ha montato e collaudato il tutto per 100 €. Lo sciacquone del mio wc funziona bene.passo rapido.jpg
 
Ultima modifica:

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
In alternativa credo che tu possa sempre far installare una cassetta esterna bypassando il vecchio meccanismo. ve ne sono in commercio di molto sottili, es Geberit ecc..
 

brandnewlife

Membro Junior
Proprietario Casa
Mi collego al post per una questione simile. Il mio inquilino di locale commerciale (da 12 anni) mi contesta che la sostituzione di uno scaldabagno debba essere a mio carico.
Io la reputo una manutenzione ordinaria di impianto, quindi dovrebbe essere a suo carico, giusto?
Inoltre sostiene che io debba pagare anche per i danni che la rottura dello scaldabagno ha provocato (allagamento del locale). E' mia questa responsabilità?
Grazie.
 

brandnewlife

Membro Junior
Proprietario Casa
Una "sostituzione" non può definirsi manutenzione ordinaria.
Io però nel contratto ho scritto questo:

Tutta la manutenzione ordinaria dell’immobile, sia interna che esterna,
compreso ogni impianto, è a carico della parte conduttrice, mentre per la
manutenzione straordinaria, relativamente alla parte muraria, provvederà la
parte locatrice.


In questo caso chi pagherebbe lo scaldabagno?

Per quanto riguarda i danni causati dal danno? L'inquilino ha diritto di rivalersi su di me?
Grazie.
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
La sostituzione dello scaldabagno è una riparazione straordinaria. Cosa è successo allo scaldabagno per allagare il locale ? Non si sarà spaccato in due all'improvviso, credo. Avrà dato dei segnali di perdite d'acqua, prima piccole poi sempre più grandi, per cui il conduttore, essendo custode lella cosa locata, avrebbe dovuto provvedere a prevenire il danno in qualche modo e, se non altro, a chiamare l'idraulico che avrebbe potuto scongiurare la perdita d'acqua. Se ha omesso di far questo i danni li deve pagare lui.
Poi, se l'idraulico avesse decretato che lo scaldabagno era da sostituire e se lo scaldabagno fosse stato in dotazione ai locali quando affittati, la spesa spettava al proprietario.
Se i danni causati dall'acqua hanno danneggiato anche locali di terzi, questi chiederanno i danno al proprietario che potrà rivalersi sul conduttore.
 

brandnewlife

Membro Junior
Proprietario Casa
La sostituzione dello scaldabagno è una riparazione straordinaria. Cosa è successo allo scaldabagno per allagare il locale ? Non si sarà spaccato in due all'improvviso, credo. Avrà dato dei segnali di perdite d'acqua, prima piccole poi sempre più grandi, per cui il conduttore, essendo custode lella cosa locata, avrebbe dovuto provvedere a prevenire il danno in qualche modo e, se non altro, a chiamare l'idraulico che avrebbe potuto scongiurare la perdita d'acqua. Se ha omesso di far questo i danni li deve pagare lui.
Poi, se l'idraulico avesse decretato che lo scaldabagno era da sostituire e se lo scaldabagno fosse stato in dotazione ai locali quando affittati, la spesa spettava al proprietario.
Se i danni causati dall'acqua hanno danneggiato anche locali di terzi, questi chiederanno i danno al proprietario che potrà rivalersi sul conduttore.
Il conduttore ha trovato il locale allagato, evidentemente una rottura notturna imprevista.
Posso cmq stare tranquilla e non dover risarcire gli eventuali danni (esclusivamente all'interno del locale) al conduttore?
Lo scaldabagno era già in essere quando 12 anni fa il conduttore è entrato nel locale. Grazie.
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Quindi la sostituzione dello scaldabagno spetta a te. I danni al conduttore non li devi risarcire perché uno scaldabagno dopo 12 anni può bucarsi ed è lui che avrebbe docuto accorgersene.
 

brandnewlife

Membro Junior
Proprietario Casa
Quindi la sostituzione dello scaldabagno spetta a te. I danni al conduttore non li devi risarcire perché uno scaldabagno dopo 12 anni può bucarsi ed è lui che avrebbe docuto accorgersene.
Ok. Nel caso invece a rompersi fosse stato un tubo esterno allo scaldabagno? Sarebbe manutenzione ordinaria a carico dell'inquilino?
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Ti allego la tabella di ripartizione spese Inquilino / Proprietario di Confedilizia, che è la più esaustiva. Come potrai vedere, per similitudine se non trovi la voce esatta, sono a carico dell'inquilino sugli impianti di produzione dell'acqua calda tutte le riparazioni per guasti accidentali alle parti accessorie di boiler, caldaia ecc. quindi anche i tubi esterni. Se invece sono parti sostanziali (es. sostituzione di boiler o caldaia) sono a carico del proprietario.
 

Allegati

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

davideboschi ha scritto sul profilo di Laura Casales.
SE vuoi che ti rispondano, crea una nuova discussione. Clicca in alto nella banda nera su "Nuova discussione", scegli l'area tematica (potrebbe essere "Area legale - Locazione affitto e sfratto) e poni lì la domanda.
Buongiorno. Mio figlio è stato sfrattato. Il proprietario dice che non pagava da diversi mesi. Ma è stato dimostrato tramite bonifici davanti al giudice che non era vero! Lui per ripicca ci ha abbassato la potenza del contatore. È da tre mesi che mio figlio non paga più l'affitto. Purtroppo per mancanza di lavoro per la pandemia. La corrente mio figlio l'ha sempre pagata in nero. Ho bisogno di un consiglio!
Alto