1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Giomamma

    Giomamma Nuovo Iscritto

    Buonasera a tutti :D
    mi sono appena iscritta ed ho un bel domandono complicato ed ingarbugliato...
    I miei suoceri hanno la separazione dei beni.
    Mia suocera ha donato a mio marito la nuda propietà di un appartamento riservandosi l'usufrutto.
    a sua volta mio suocero ha donato all'altro figlio la nuda propietà di un altro appartamento riservandosi l'usufrutto.
    I miei suoceri non hanno altri figli.
    Hanno ancora un appartamento a testa in cui vivono (sono separati)
    Mio marito secondo voi potrà accendere un mutuo ristrutturazione dando in garanzia l'appartamento ricevuto in donazione?
    Mio marito fortunatamente ha un reddito fisso ed è un dipendente a tempo indeterminato in un'azienda che, grazie al cielo, al momento non ha problemi.
    Mia suocera è disposta a fare fidejussore (non ha redditi, ma lo farebbe per "garantire" la donazione).
    ... io (moglie in comunione dei beni) avrei un appartamento di mia propietà ... potrei fare da "prestatore di ipoteca"?
    L'importo del mutuo dovrebbe essere circa 70.000 euro.
     
  2. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Io sapevo che le banche non accettano, come garanzia, gli immobili ricevuti in donazione, salvo i casi in cui:

    a) Il donante è deceduto da almeno 10 anni;
    b) Il donante, ancora vivente, ha effettuato la donazione da almeno 20 anni.

    Questo perché la donazione è un atto che, in casi gravi e particolari, può essere soggetto a REVOCA.
     
  3. Giomamma

    Giomamma Nuovo Iscritto

    Grazie possessore, infatti ho trovato anch'io queste notizie... quello che mi chiedo se esistono modi per "aggirare" la cosa.
    Che ne so... tipo il donante che dà la fidejussione, il fratello che dichiara che non contesterà la donazione, oppure che il fatto che un figlio abbia avuto in donazione dalla mamma e uno dal papà possa fare in modo che la banca si senta garantita (infatti a nessuno dei due figli converrebbe impugnare la donazione)..
     
  4. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Uno dei sistemi escogitati dagli studiosi del diritto per "raggirare " la legge sulla donazione, e quindi fare in modo di far ottenere il mutuo e l'ipoteca, è quello della fidejussione, che il Tribunale di Mantova ha cassato.

    Parliamo della garanzia, offerta dal donante o dai suoi eredi, in sede di concessione di ipoteca dell'immobile donato, finalizzata ad assicurare la banca e all' ipoteca iscritta, che in caso di vittorioso esercizio dell'azione di riduzione da parte degli eredi del donante, si fanno carico del pagamento del creditore dell' ipoteca annullando il disguido provocato dal fatto che il bene donato viene evitto (l’azione con cui un terzo, in forza di un suo preesistente diritto, legalmente spossessa la persona cui sia stato trasferito un diritto reale), ovvero restituito ai legittimari del donante.

    Questo è stato fatto per scoraggiare gli eredi ad impugnare la donazione, perchè poi dovrebbero risponderne direttamente alla banca per il mutuo erogato e l'iscrizione di ipoteca.

    Quindi è possibile richiedere un mutuo su un immobile oggetto di donazione e con ipoteca.
     
    A Giomamma e possessore piace questo messaggio.
  5. AlbertoF

    AlbertoF Ospite

    Come sistema sarà bello però un poco pericoloso per coloro che si rendono garanti con il rilascio di fidejussioni.
    Primo perchè,come minimo, resti garante per tutta la durata del mutuo, se va regolarmente a buon fine, altrimenti,in caso contrario, rischi l'escussione o l'eredità del debito , secondo perchè se a distanza di tempo coloro o colui che rilasciano una suddetta garanzia dovessero avere bisogno di un mutuo o prestito a livello personale non sappiamo cosa potrà rispondere una banca vedendo che queste persone sono già esposte ed impegnate per una simile operazione.
    In teoria tutto è possibile,la realtà è altra cosa.
    Ciao
     
    A possessore piace questo elemento.
  6. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Purtroppo condivido con AlbertoF: seppure la soluzione suggerita da carloalberto sia fisicamente realizzabile, ha un caro prezzo da pagare: una persona esposta come garante per tutta la durata di un mutuo altrui, non riuscirà ad ottenere neanche un prestito Findomestic...!
     
  7. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Teniamo ben presenti la situazione della famiglia di Giomamma:
    1) suocero proprietario casa donata a figlio + proprietà altra casa
    2) suocera proprietaria casa donata a figlio + proprietà altra casa
    3) Giomamma proprietaria casa

    Di che cos'altro avranno bisogno, per concedere un prestito personale, le banche o Findomestic?
     
  8. Giomamma

    Giomamma Nuovo Iscritto

    Vi ringrazio molto delle risposte. La mamma non avrebbe problemi a fare da fidejussore... ma il direttore della banca proprio oggi mi ha detto che questo tipo di garanzia non aiuta ad ottenere il mutuo...
    Lui consiglia di fare una scrittura privata tra i due fratelli in cui dichiarano di non avere nulla a pretendere l'uno dall'altro in relazione all'atto di donazione intercorso. Poi questo atto si dovrebbe depositare da un notaio (ma pare che costi tipo 500 euro)... oppure qualcuno mi ha detto che si puo depostiare con circa 80 euro all'agenzia delle entrate???
    a voi risulta qualcosa del genere???
     
  9. Giomamma

    Giomamma Nuovo Iscritto

    ..carloalberto... qui ce lo stiamo chiedendo tutti... ma veramente le banche di fronte alla parola "donazione" cadono a terra in preda a crisi epilettiche. Non prendono nemmeno in considerazione la cosa.
    Ma io dico: se la donazione della mamma a mio marito è impugnabile per 20 anni dall'altro fratello... lo è anche la donazione dal papà a mio cognato è impugnabile da mio marito..
    possibile che la banca non riesca a capire che nessuno impugnerà queste donazioni perchè ad entrambi i fratelli non conviene?
     
    A possessore piace questo elemento.
  10. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se i donanti sono tutti viventi vi conviene fare le revoche delle donazioni, mi sa! Guarda, io ho la stessa identica donazione, immobile di cui sono nudo proprietario e ricevuto in donazione, il donante è morto nel 2010, e fino al 2020 nessuna banca concederà mutui su questo immobile: dovrò sperare di trovare qualcuno che me lo paga in contanti, quando acquisirò la proprietà per 1/1.
     
    A piace questo elemento.
  11. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Prima dei 10 o 20 anni ci sono banche come la BNL o l’Unipol che non accettano in nessun modo il bene a garanzia del credito. Altre invece, come la Barclays bank (banca che opera a livello internazionale), che non creano assulatamente problemi.
    Chiedere informazioni non costa niente.
    Mia figlia ha lavorato per un certo periodo e mi ha confermato.
    Non sa oggi.
     
    A possessore piace questo elemento.
  12. AlbertoF

    AlbertoF Ospite

    Caro Giomamma,
    mi sembra strano che a questo punto non hai ancora capito che non è la banca che non vuole risolvere il vs. problema e non vuole fare ciò che voi desiderate.
    Come hai constatato c' è una legge ben precisa che dice sia alla banca che ai donanti e donatari quali sono i limiti da rispettare per le donazioni, peraltro ben precisati anche da possessore.
    Limiti che devono essere rispettati.
    Visto che la moglie è proprietaria di ulteriore bene personale ( se siete in comunione penso che sia pervenuto in eredità o acquistato prima del matrimonio) ed ammesso che sia libero da gravami potete agire su questo e, se la banca è disposta, richiedere un mutuo per liquidità utilizzando il retratto per ristrutturare l'altro.
    Non vedo grandi problemi.
    Ciao
     
    A possessore piace questo elemento.
  13. 86lorenzo18

    86lorenzo18 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buonasera, mi intrometto nella discussione poichè in questi giorni mi hanno deliberato un mutuo per ristrutturazione stato avanzamento lavori per un appartamento ricevuto in donazione un anno fa da mio nonno ancora in vita.
    Hanno voluto parecchi documenti e la fidejussione del nonno e di mio padre.

    Saluti
     
  14. AlbertoF

    AlbertoF Ospite

    La tua fortuna è stata che trattasi di donazione con il donante ancora in vita: La Banca ha agito correttamente con l'acquisizione della Fidejussione del nonno. Infatti se per caso estremo detta donazione dovesse essere revocata il bene ritornerebbe al nonno il quale a sua volta ha già prestato garanzia. Hanno aggiunto anche quella del padre perchè questo, se non ci fosse stata la donazione donazione sarebbe diventato erede (forse è figlio unico? )
    La Banca con questo comportamento è a posto.
    Ciao
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina