• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

dario22

Membro Attivo
Salve,
volevo una informazione.
Io, i miei 3 fratelli e mia madre abbiamo ereditato (da mio padre deceduto) la villetta singola dove abitiamo.
A fianco dell'abitazione abbiamo anche un terreno edificabile di 7000 mq. (sempre ereditato in parti
uguali da tutti e 5).
La nostra intenzione è lasciare tutto a nome di mia madre.
Tra un pò di tempo pensavamo di vendere quasi completamente il terreno edificabile (vendere circa 6800 mq) ed i
rimanenti 200 mq annetterli alla particella dell'abitazione.

So che per fare un atto di rinuncia (di noi 4 fratelli) a favore di mia madre serve un atto dal notaio (costo circa
500 Euro dicono).

Ma la domanda è:
è possibile fare tutta una UNICA pratica dal notaio (per limitare le spese notarili, a 500 euro circa) ??
cioè nello stesso atto notarile, noi 4 fratelli rinunciamo alla nostra parte e nello stesso tempo, si chiede di
annettere 200 mq alla particella dell'abitazione.

E la prassi qual'è ?? Andare da un geometra, questi fa approvare il progetto dal Comune e poi si va dal notaio
o cosa ??

grazie
 

sersab

Nuovo Iscritto
La rinuncia all'eredità si esegue per mezzo di atto notarile, l'annessione dei 200 mq. alla villetta invece a mezzo denuncia catastale.

L'iter è questo:

Atto notarile di rinuncia all'eredità per intestare villa e terreno alla madre
Predisposizione di un tipo di frazionamento Catasto Terreni, da parte di un tecnico abilitato, per staccare dai 7000mq edificabili un'area di 200 mq.
Predisposizione di una denuncia di variazione Catasto Fabbricati per denunciare l'ampliamento dell'area di pertinenza della villa.

Ovviamente questo se non esiste una recinzione che ad oggi divide la villa dall'area edificabile, perchè in questo caso volendo modificare tale recinzione sarebbe necessaria una pratica edilizia per realizzazione della nuova recinzione, da presentare in comune prima della denuncia catastale.
In questo modo, inoltre, i diritti volumetrici sulla particella di 200 mq. passerebbero ai proprietari della villetta (che potrebbe essere ampliata in futuro).
Nel caso invece vogliate vendere questa volumetria a chi compra l'area di 6.800 mq. è possibile farlo nel futuro atto di vendita.

Saluti
Sergio
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
gentile sig dario22, quello che voi volete non è un atto di rinuncia, visto che la successione ormai l'avete fatta ed eseguita, ma un atto di cessione per quanto gratuita a favore della mamma, e ti posso assicurare che non costa 500 euro ma molto di piu.
ciao
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Non ricordo otto anni fa quali fossero le leggi in vigore, ma certamente gli eredi potevano rinunciare all'eredità, tutta, senza ricevere niente, neanche i 200 mq.
Poi avrebbero dovuto ricevere dalla madre i 200 mq in vendita o in altra forma, previo frazionamento dell'area. Fatto l'atto avrebbero dovuto presentare un tipo mappale in catasto per unire detta area a quella della loro proprietà. Ovviamente il volume edificabile sul totale del lotto, se consentito dal P.U.C. va ripartito per le quote di proprietà dei condomini.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Il peggior difetto di chi si crede furbo è quello di pensare che gli altri siano stupidi
Buona sera... Una domanda.. Il confine per delineare una proprietà si prende dal muro di confine o dal paletto della rete?
Alto