1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. arcy

    arcy Membro Attivo

    Salve
    in questi giorni nel mio quartiere stanno fiondando montagne di notifiche da parte dell'ADE riguardante l'aggiornamento delle rendite catastali per le unità abitative, che unitamente alle aliquote dell'IMU fissate dal regolamento comunale al massimo (10.60%) diventerebbe un vero "salasso" soprattutto per chi possiede una seconda casa.
    Le rendite aumentate in maniera esponienziale, quasi il doppio di quelle attuali, raddoppierebbero le tasse per quanto riguarda IMU, TASI, IRPEF eccetera, le notifiche sono state spedite come se fossero inviate a ciclo stile, con automatismo e con l'unico scopo di far cassa.
    Alcuni miei amici, stanno impugnando il provvedimento, poichè secondo loro dire sembrerebbero ampiamente contestabili per vari aspetti.
    Mi chiedo come, si possano aumentare del doppio gli estimi catastali in un contesto storico in cui il patrimonio immobiliare è fortemente calante.
    Qualcuno può fornirmi delucidazioni in merito ad un eventuale ricorso e che possibilità ci sono di respingere o quanto meno far limare gli aumenti catastali?
    Grazie
     
  2. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    città ? quartiere ?
    io sono stato "appena riaccatastato" (gen 2013 con indicazione dei mq sul certificato) : potrebbero modificarlo pure a me ?
     
  3. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    gli aggiornamenti sono tecnicamente impugnabili ma il procedimento d'impugnazione deve essere basato su valori concreti, sappiamo tutti che spesso i valori catastali sono bassissimi, poi dipende da zona a zona
     
    A Ennio Alessandro Rossi e Daniele 78 piace questo messaggio.
  4. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    certamente è possibile contestare quanto notificato, dopo opportuna verifica del caso particolare, doc. e contenuto dell'avviso, l'accertamento potrà essere impugnato entro sessanta giorni dinanzi alla CTP competente per territorio.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  5. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Per questo le aliquote sono altissime.
     
  6. peopeo

    peopeo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    con la conseguenza che nei casi in cui gli estimi sono invece prossimi alla realtà, si paga moltissimo in relazione all'effettivo valore dell'immobile.
     
    A tuonoblu piace questo elemento.
  7. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    esatto, quindi sono questi i casi nei quali ci si può opporre portando in commissione riscontri reali sulle transazioni operate sul mercato libero, per gli altri casi è difficile avere un esito favorevole
     
  8. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    A me con il fatto che che gli estimi devono essere vicini alla realtà non la raccontano giusta, voglio proprio vedere come faranno a seguire le variazioni di mercato con la velocità elefantiaca della macchina statale. Eppoi non penseranno mica di mantenere le attuali aliquote di tassazione a livello locale.
     
  9. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    E se, azzardando una media puramente di comodo, ogni proprietario fosse titolare di due alloggi e una percentuale anche piccola di essi, presentando estratti conti storici e modelli ISEE, dimostrasse una incapienza consistente inidonea a coprire i vari tributi cosa sentenzierebbe la commissione a fronte di una richiesta di riduzione in proporzione??? Se lo prenderebbe il secondo alloggio al prezzo fissato versandomi la differenza con buoni del tesoro???
    Ai posteri....qpq.
     
  10. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    https://propit.it/threads/una-buona-notizia-dallomi-mercato-immobiliare-italia
    Scusate se riprendo questa discussione (che c'entra parecchio con il Catasto) in quanto l'aumento o la diminuzione delle imposte ha sempre condizionato il mercato.
    Detto questo per chi volesse saperne di più sulla Riforma del Catasto (o almeno la proposta dei Consiglio Nazionale dei Geometri sulla Riforma del Catasto) c'è un appuntamento importantissimo l'11 dicembre a Roma che verte proprio su ciò.
    Ovviamente si parla di rendite e di come dovranno essere ricalcolate... . Un saluto a tutti.
     
    A quiproquo piace questo elemento.
  11. tuonoblu

    tuonoblu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    scusami
    non ho avuto modo di seguire,
    che cosa è emerso in merito all'appuntamento dell' 11 dicembre per quanto riguardano i criteri di calcolo delle rivalutazioni rendite catastali?
    Grazie
     
  12. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Io non sono andato a Roma, ma il 28 novembre sono stato a Vercelli ad un convegno (anche se minore) riguardante proprio il tema "Dal Catasto al Fisco" abbiamo ripercorso un po' tutta la normativa esistente ed iniziato a comprendere i "nodi dolenti dell'esistente", (già in parte li conosciamo anche noi più giovani Professionisti) ma anche con il contributo di relatori (colleghi anziani) siamo entrati anche su altri aspetti.
    Il problema di qualunque riforma nasce dal fatto che spesso il legislatore (anche con la più grande buona volontà del mondo) si approccia a tematiche che non conosce affatto e pretende di risolverle.
    Ora, prima di partire e di innovare qualcosa (possibilmente migliorare) devi avere un solido aggancio con l'esistente, comprenderlo a fondo, e solo dopo puoi proporre un qualcosa che da un'aiuto concreto.
    I nostri collegi comunque ci informeranno a breve sulla sostanza del dibattito ed appena saprò qualcosa di certo, sarò il primo a postartelo qua.
     
  13. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Ultima modifica: 16 Dicembre 2014
  14. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Repubblica del 11 novembre 2014 ne parla ed espone grafici con i presunti aumenti
     

    Files Allegati:

  15. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Ho letto l'articolo @Ennio Alessandro Rossi , diciamo che le categorie catastali potrebbero essere quelle delle microfono catastali già introdotte con l'ultimo aggiornamento di riforma del 98, dove la redditività dell'immobile si otteneva da saggi di rendimento rilevabili dal mercato edilizio per unità immobiliari analoghe (art 5 del DPR 23 marzo 98 n.136).
    Ora per correttezza sia l'introduzione delle microzone con le nuove classi catastali non sono mai effettivamente entrate in funzione (almeno non in modo omogeneo sul territorio nazionale) inoltre la redditività non è ancora stata calcolata con il saggio di fruttuosità e men che meno anno per anno.
    Di recente ho partececipato ad un Convegno vicino a Vercelli su: "Dal Catasto al Fisco" fatto con l'associazione legata alla nostra categoria AGEFIS.

    Quello che né è venuto fuori:
    1) Le zone censuarie che per definizione sono:
    La zona censuaria rappresenta una porzione omogenea di territorio provinciale, che può comprendere un solo comune o una porzione del medesimo, ovvero gruppi di comuni, caratterizzati da similari caratteristiche ambientali e socio-economiche
    Non sono più aggiornate dagli anni 40, per cui di fatto vi è uno scollamento con la realtà del territorio.
    Di solito si partiva dal centro con la zona 1 per andare via via sui margini esterni con 2,3,4. Le grandi città come Roma, Torino, Milano hanno più zone censuarie...Biella ad esempio ne ha 2.

    Ora le prime zone avevano valore più basso (anche perché il centro ai tempi era diroccato o comunque era quello più messo male) mentre le periferie erano quelle più recenti.
    Dagli 80 c'è stato un processo di forte recupero dei centri storici (ristrutturandoli) ed fatto (essendo palazzi anche di pregio artistico) si è andato ad aumentarne notevolmente il valore a fronte però di un norme rimaste all'epoca del Duce.
    Poi c'è il discorso dei mq come unità di riferimento piuttosto che i vani (parlo sempre di unità immobiliari del Gruppo A = ossia tutti gli immobili privati a destinazione residenziale tranne l'A/10 che sono gli uffici.

    Oggi come oggi (per la verità sono almeno 13/14 anni che funziona così o per romeno che lo vedo nei catasti) ossia almeno viene ripreso sul frontespizio del Docfa e anche sulla denuncia di avvenuta variazione (o nuova fabbricato urbano se si tratta di una nuova costruzione) dove oltre ai vani vengono calcolati dal DOCFA i mq catastali.

    Dal seguente Convegno (non lo sapevo) è venuto fuori che già all'85 (non esercitavo ero un bimbo) che abbiamo consegnato a catasto come Geometri anche i mq catastali, con la differenza che un tempo vi erano tanti moduli separati (modulo 51, modulo 1N (per la descrizione del fabbricato) e 2N (per la descrizione dell'unità immobiliare) separati l'uno dall'altro e le vecchie piantine originali su carta millimetrata lucida.
    Io quando facevo praticantato l'ho fatto nell'ultimo periodo dell'utilizzo delle carte millimetrate lucide (e svariati elaborati planimetrici che era il DOCFA 2) e l'inizio del DOCFA 3 che ha portano delle vere e proprie rivoluzioni (sinceramente ha semplificato un pochino tutta la procedura).

    Quindi l'Agenzia delle Entrate (se non si è persa i vecchi catasti, cosa per altro possibile) è in grado di risalire ai mq catastali di tutte le unità censite da oggi e a ritroso fino all'85.

    Detto questo c'è un aggiunta sulla nuova riforma che comporta un Catasto con rendite "variabili" ossia di anno in anno grazie anche alle commissioni censuarie, si dovrà valutare la redditività dell'immobile tramite un effettivo valore di mercato (lo si desume dall'OMI e da una perizia sullo stato dell'immobile).
    Quello che aspettiamo anche noi come Professionisti incaricati (oltre ai decreti attuativi del governo) previsti per il prossimo anno anche l'aggiornamento che dovrà subire per forza di cose il programma DOCFA con cui vengono redatti i catasti.

    In attesa di sviluppi, staremo a vedere l'evolvere della materia.
     

    Files Allegati:

    A Ennio Alessandro Rossi piace questo elemento.
  16. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    Vero quanto scrive daniele sulla dichiarazione dei mq tramite i mod 1N cartacei che sono stati in vigore fino all'avvento del DOCFA ma pensare di andare oggi a leggere questi dati e riportarli nei dati censuari non lo farà nessuno. Credo che per le unità nelle quali i mq non sono dichiarati si dovrà ricorere ad una stima riferita al vano, deducendo in mq da lì fino a che non vi sarà una variazione che perfezioni il dato, che comunque non varierà poi molto
     
  17. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Eppure se si passa al mq catastale non hai molte alternative, anzi una si, fare dei nuovi DOCFA.
    Staremo a vedere cosa impongono.
     
  18. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    ragionando da tecnici: il vano è un sistema per stimare la consistenza che oggi non ha più senso ma è comunque basato su un criterio che può essere trasformato in mq in modo un po' press'a poco ma attendibile, suscettibile di rettifica ma non credo che differenze anche del 10% delle rendite portino a sperequazioni sull'imposizione fiscale. Quindi l'ipotesi che mi sento di fere è che si convertano i vani in mq adottando un coefficiente di conversione e poi chi crederà di rilevare errori nella stima del proprio immobile potrà rettificare la consistenza tramite una pratica DOCFA di rettifica
     
  19. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Purtroppo il vano è molto troppo farraginoso e non semplicissimo il calcolo, e non capisco neanche perchè già solo tra i gruppi A, B, C usi tre unità di misura differenti, mentre ora credo che tutte verranno uniformate eccetto le D.
    Detto questo l'aspetto più complicato della Riforma non sta nel mq catastale al posto del vano, sta nella "variazione continua" delle rendite in seguito a perizia o dati OMI, o entrambi.
    Cioè fin'ora noi avevamo dei catasti con rendite "fisse" che una volta consegnate al catasto (noi o perlomeno io lo faccio) una copia dello stesso e lascio la documentazione (anche in caso di controlli fiscali) in archivio.
    Ora con la variazione continua delle rendite tutto questo verrà meno, nel senso che tu si proponi un classamento di partenza (e ti fai una copia consegnandola al tuo cliente), ma dopo di fatto potrebbe anche sensibilmente cambiare e non rispecchiare più il tuo lavoro.
    Ed in caso di contestazione (sia dell'ente o anche del cliente) ti manca "il supporto del documento" per ragionare.
    Secondo me, almeno all'inizio, questa "rendita variabile" creerà non pochi problemi.

    Se pensi che già con le rendite fisse, trovi (anche se oggi molto molto molto meno) ancora fabbricati censiti all'epoca del Duce o prima oppure non trovi planimetrie legate alla visura catastale (per i motivi più svariati), oppure catasti palesemente falsati (per i motivi più svariati), capisci che già è complicato così gestire + di 60.000.000 di unità immobiliari.

    Ora prendi ognuna delle 60.000.000 e crea una più variabili continue e capisci dove si va a finire.
    Detto questo nulla in contrario alla Riforma in sè, voglio solo capirci meglio su questo aspetto (che mi preoccupa non poco) per la sua completa ed ottima attuazione.
     
  20. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ma di tutto quello che dite il legislatore, che sicuramente poco ne capisce, qualcuno lo assisterà?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina