• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ralf

Nuovo Iscritto
Buonasera , la domanda che pongo agli esperti di propit è questa: come mai le banche non concedono un mutuo per l'acquisto di un immobile proveniente da una donazione da padre a figlio? Come si potrebbe ovviare a questo problema? Grazie e complimenti a Propit.
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
Purtroppo la Legge attuale sulle donazioni è insidiosa. Il punto di vista della Banca è: Immobile avuto per donazione non è un titolo pieno, ma risulta in predicato in quanto un asse ereditario, può essere impugnato anche dopo molti anni, decenni.
Esempio pratico: tu ottieni il mutuo e dopo 8 anni, tuo fratello, impugna l'eredità perchè è convinto che la donazione che tuo padre ti ha fatto con quell'appartamento, ha leso la sua quota legittima. In un malaugurato caso del genere, tuo fratello potrebbe riottenere la disponibilità dell'appartamento o sua quota e la banca si vedrebbe sottrarre la garanzia del finanziamento a te concesso a suo tempo.
 

airin57

Membro Attivo
(da profana):affermazione: perchè essendo donazione potrebbe eaaerci qualche reclamo e questa entrare nell'asse ereditario:affermazione:
 

ralf

Nuovo Iscritto
Come ha detto Adriano Giacomelli un bene avuto in donazione potrebbe rientrare nella quota di legittima che magari pretende un altro erede che ritiene di essere stato defraudato di suoi diritti.Quindi per tornare alla domanda iniziale se una banca concede un mutuo ed ha come garanzia l'immobile avuto in donazione potrebbe ritrovarsi con l'immobile magari intestato ad altri eredi e quindi nell'impossibità di rifarsi su di esso se il mutuatario smette di pagare il mutuo concesso.
Ecco quindi perchè le banche tendono a non concedere mutui in questi casi. Una soluzione, ove ci fossero i presupposti,potrebbe essere quella che un famigliare faccia da garante per il mutuatario e questo "tranquillizzerebbe "probabilmente la banca.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve , vorrei chiedere se qualcuno conose la normativa riguardante la costruzione di una scala a rampe con pianerottoli in acciaio per accedere a tre appartamenti. Questa sarebbe costruita nella chiostrina in aderenza a più vicini in cui io ho una terrazzina con porta di accesso che risulteremme a 80 cm. di distanza grazie ha chi vorrà rispondermi
Salve a tutti , volevo porre un quesito. Ho acquistato una casa Novembre 2017, seconda casa , che fino ad oggi è stata la residenza di mia figlia e il figlio. Ho messo in vendita la casa e ho trovato un acquirente che mi offre quasi il doppio di quanto pagato. Ai sensi dell'art. 67 del TUIR essendo stata residenza di mia figlia devo pagare o meno la plusvalenza ?? Grazie per chi potrà darmi risposte
Alto