• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

queenalexa

Membro Junior
Proprietario Casa
Ah Ah Ah Ah. Ci credo! Senti questa! Due fratelli, uno ha tre figli e l'altro una sola figlia che lascia orfana giovanissima. Cause ultradecennali e cavilli al fine di impadronirsi di tutto un immobile di valore significativo ma che per metà era dell'orfana.
Il Giudice di appello, che aveva capito l'antifona, approfittando di una richiesta abnorme dell'avvocato dei tre fratelli, condanna la fanciullina a consegnare ai tre cugini una parte dell'immobile ripristinando la situazione al 1960 (urka!). Quindi demolizione della successiva ristrutturazione (fatta dal padre della fanciullina). Pensa così di farli mettere d'accordo o desistere.
Ma i tre iniziano la causa di esecuzione pensando di pasticciare con una eventuale perizia e ridurre al minimo la portata della demolizione.
Inutile perché la fanciullina se ne accorge, cambia avvocato e ne prende uno di lontano e denuncia il CTU all'Ordine. Il Giudice dell'Esecuzione nomina un nuovo CTU di altro distretto di Corte d'Appello ma non si trovano più le planimetrie della ristrutturazione. La fanciullina tira fuori le sue con i bei timbri dell'epoca.
E comunque la fanciullina vuole eseguire: tre ingegneri della zona rifiutano l'incarico. il quarto (fuori zona) accetta e presenta la richiesta di concessione di demolizione. Il Comune convoca il temerario e la fanciullina. "Ma vi rendete conto? Demolire!!!! E quanto ti costa? Ma regalalo ai tre fratelli!"
La fanciullina tiene duro: "Mi costa meno demolirlo". Il Comune traccheggia sulla concessione della licenza e in tutta la zona nessuno vuole fare il lavoro.
Esasperata, un giorno, la fanciullina sventola al sindaco e all'ufficio tecnico un fax.
"non sto a perdere tempo con il commissario ad acta e altre cretinate. Qui ho una sentenza e va eseguita. Vado a fare un giro al mercato (settimanale del paesello). Se entro un'ora non firmate la concessione parte il fax per il prefetto e per la Procura".
Dopo un'ora trova musi lunghi e concessione firmata. La benna viene da lontano. E finalmente si procede.
La storia ha un lieto fine: i tre fratelli hanno venduto alla fanciullina che mi ha incaricato della ristrutturazione di tutto l'edificio. Ci credete che la locale burocrazia e le locali maestranze mi hanno steso il tappeto rosso? Ehm ... io sono di fuori zona!
 

Umberto GF

Membro Junior
Professionista
Già! Cos'è simili quasi turche direi in passato pure a me già citate in altra discussione! Così è se vi pare ....
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
@Luciapp, interpella un geometra tecnico e chiedigli se nel tuo caso sia possibile presentare una Cila o Scia in sanatoria o in accertamento di conformità ed infine quanto ti costa l'intervento, sia per i suoi onorari, che come sanzione.
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
@Luciapp, interpella un geometra tecnico e chiedigli se nel tuo caso sia possibile presentare una Cila o Scia in sanatoria o in accertamento di conformità ed infine quanto ti costa l'intervento, sia per i suoi onorari, che come sanzione.
Maaa!!
Io sarei propenso ad incaricare ingegnere o architetto, considerando che si tratta di CILA o di SCIA, poi va anche detto che le pratiche edilizie in sanatoria o in accertamento di conformità si presentano con una certa complessità risolvibili da tali professionisti :maligno:
 
Ultima modifica:

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Urbanisticamente, potrebbe regolarizzare con un accertamento di conformità, dovuto e necessario solo se l'intervento fosse successivo al 1967, con il pagamento di una sanzione di 500 o 1000 €
L'accertamento di conformità è regolato dall'art. 36 del 380!
Sanzione di 500 o 1000 € ? e le oblazioni ???
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
In merito alla digitalizzazione del catasto, anche a me risulta che fu fatta in Albania.
Di errori o peggio, non ne parliamo .......posso testimoniare che alcuni immobili presentavano degli estremi catastali e dopo in seguito ad errori furono cancellati e agli stessi immobili fu necessario attribuire nuovi estremi con numeri altissimi di foglio e perticella, tipo:
foglio 2500, particella 5200 etcc etcc ......
almeno nella provincia a cui mi riferisco.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
@marcanto, vista la semplicità dell'intervento, si consiglia un diplomato, generalmente meno esoso.
Poi in Albania hanno mandato i vecchi registri di partita per la digitalizzazione non i fogli di mappa che sono stati scannerizzati, credo a casa.
 

Umberto GF

Membro Junior
Professionista
Oltre tutte le discussioni la regolarizzazione è possibile, ovviamente previo contatto formulato da un tecnico qualificato, con il Comune. Accordarsi con l'ufficio Tecnico per procedere. Con l'Agenzia delle Entrate non serve concordarsi: esiste la possibilità per aggironare ed inserire la planimetria mancante, ovviamente rispettando quanto previsto dalle normative in materia e le norme del Comune.
Il Procedimento si chiama "RAVVEDIMENTO OPEROSO" ; provo ad inserire con copia incolla il procedimento base. NB: effettuato già da me medesimo anno 2018.
Leggere attentamente. Un bravo tecnico conosce perfettamente la procedura che va effettuata esclusivamente in forma telematica.
Il tutto va confortato congiuntamente al comune con la presentazione di un SCIA o CILA (a seconda delle direttive Comunali) presentando poi tutta la documentazione con il Collaudo Finale .
Altre delucidazioni se richieste.
Ribadisco: procedura già attivata e portata a temine!
 

Allegati

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
@marcanto, vista la semplicità dell'intervento, si consiglia un diplomato, generalmente meno esoso.
Alcuni passaggi dal post #1
il mese scorso un geometra che avevo incaricato di fare un'indagine mi ha detto che al comune non c'è nulla e non saprebbe come destreggiarsi...”

di parlare con un geometra che conosce, che però io non ho interpellato perché alcuni amici mi hanno riferito che non ha una buona "nomea" (sarebbe cioè un "traffichino", uno che ha "conoscenze" particolari all'interno degli uffici comunali).

Poi dal #3
Quello che ho interpellato non sa dove mettersi le mani (parole sue)...”

Sottolineo la sua espressione "traffichino" .........
Se un diplomato, ergo geometra, generalmente è meno esoso un motivo o dei motivi dovranno pur esserci
 
Ultima modifica:

Umberto GF

Membro Junior
Professionista
Luciapp segui il consiglio spassionato di marcanto:
CAMBIA SUBITO TECNICO!
UNO CHE DICHIARA DI NON SAPER COSA FARE LASCIALO PERDERE:
E' SOLO UOMO DA OSTERIA
NON è NE' GEOMETRA NE' ALTRO!.

Non buttare il tempo e i minuti della tua vita nel cesso aspettando che un "traffichino" inesperto (e magari peggio!) ti prenda per i fondelli e magari poi facendo nulla ti spilli grano!
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Alcuni passaggi dal post #1
il mese scorso un geometra che avevo incaricato di fare un'indagine mi ha detto che al comune non c'è nulla e non saprebbe come destreggiarsi...”

di parlare con un geometra che conosce, che però io non ho interpellato perché alcuni amici mi hanno riferito che non ha una buona "nomea" (sarebbe cioè un "traffichino", uno che ha "conoscenze" particolari all'interno degli uffici comunali).

Poi dal #3
Quello che ho interpellato non sa dove mettersi le mani (parole sue)...”

Sottolineo la sua espressione "traffichino" .........
Se un diplomato, ergo geometra, generalmente è meno esoso un motivo o dei motivi dovranno pur esserci
Non è detto che quello che tu ipotizzi possa essere un diplomato, potrebbe essere anche un laureato.
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Non è detto che quello che tu ipotizzi possa essere un diplomato, potrebbe essere anche un laureato.
Lui indicava un geometra e basta, per quelle espressioni......mica io scambio fischi per fiaschi :)

e comunque e' più certo trovare traffichi tra i geometri che non tra ingegneri e architetti messi insieme
 

Umberto GF

Membro Junior
Professionista
sai marcanto, mi è successo di andare (quel caso citato paese lontano) e constatare che il tecnico del paese ... quello accreditato da tutti ... si .... lui sa, conosce tutti in comune ... praticamente aveva l'ufficio distaccato nell'osteria del paese.
Anche se all'inizio poteva essere stato bravo, alla media età verso mezzogiorno era già fuori controllo.
Mi ha fatto pena. Lo giuro.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Le mele marce si trovano anche fra i magistrati....
Generalmente le pratiche catastali gli ingegneri le fanno svolgere dai geometri o periti edili, cuoi per differente professionalità specifica che per le tariffe professionali.
 

Umberto GF

Membro Junior
Professionista
Gianco:
Vero! Potremmo fare una ampia raccolta di mele marce in tutti i campi, avremmo addirittura una scelta ampia e variegata.
Ma c'è un modo comunque per riuscire ad ottenere risultati: comunque sia, difficile o facile: avere coraggio e mai arrendersi: anche le mele marce hanno punti deboli, molti di più di quelle sane: un corrotto non ha mai le spalle coperte, un corruttore ancora meno.
Chi è un millantatore resta comunque prima o poi isolato e senza ne' amici ne' appoggi.
Pensa! Addirittura alcune di quelle sane non ha alcun punto debole; l'unico punto per loro è solo la vita e la loro forza è la dignità.
 

Luciapp

Membro Attivo
Proprietario Casa
Salve a tutti e grazie molte per le risposte ed i consigli.
Nel frattempo non sono neppure riuscito ad approcciare la questione perché ho avuto dei problemi che richiedevano la mia presenza in altra sede.
Per chi chiedeva delucidazioni: sostanzialmente lo stato di fatto dell'immobile differisce un bel po' dalla planimetria del 1939, per distribuzione degli spazi interni, per la presenza di velux/finestre e per aumento di metratura/superficie calpestabile (nella vecchia planimetria risultava una soffitta non abitabile che ad oggi è perfettamente vivibile).
 

Franci63

Membro Storico
Proprietario Casa
lo stato di fatto dell'immobile differisce un bel po' dalla planimetria del 1939
Evidentemente sono stati fatti lavori abusivi; devi capire se è possibile sanare, o devi ripristinare.
Ad esempio, la soffitta potrà restare soffitta, e non essere venduta come spazio abitativo, naturalmente chiedendo meno soldi .
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
(nella vecchia planimetria risultava una soffitta non abitabile che ad oggi è perfettamente vivibile)
Il fatto che fosse non abitabile ed ora sia vivibile, non vuol dire che sia diventata abitabile perché i requisiti di altezze minime, superfici dei vani che per essere abitabili devono avere una dimensione non inferiore a 9 mq ed un'altezza minima di m 2,70 oltre ad un rapporto aero-illuminante di 1/8 fra infisso e pavimento.
 

queenalexa

Membro Junior
Proprietario Casa
Perchè lavori abusivi? E se sono stati fatti prima del 1967? E gli allegati all'atto notarile che di solito sono le planimetrie dell'immobile che dicono?.
E poi - in via generale - perché pagare per errori/omissioni degli uffici pubblici o farsi notare come "peccatore" che operosamente si ravvede?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto