• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

anna123

Membro Attivo
Conduttore
Buonasera, propongo una questione. Tizio, proprietario dell'immobile A in cui abita, acquista l'immobile B adiacente con la prospettiva di accorparli e creare un'unica casa attraverso l'apertura di una porta. Tizio si rivolge ad un professionista per sapere come sfruttare l'opportunità delle agevolazioni 110% : in pratica l'immobile B di nuovo acquisto usufruirebbe del sismabonus ( l'immobile è nelle condizioni originarie fine anni 50, mancano proprio le rifiniture), mentre l'immobile A usufruirebbe dell'ecobonus. Le mie domande alternative sono:
1) è possibile in corso d'opera procedere con la pratica di accorpamento catastale?
2)Se la risposta dovesse essere negativa, una volta ultimati i lavori sull'immobile B ( da quello che ho capito i problemi maggiori scaturirebbero dall'immobile B sottoposto a sismabonus) , Tizio potrebbe procedere ad accorpare catastalmente A e B o ci sarebbero vincoli temporali determinati dall'Agenzia delle Entrate?
Preciso che i due immobili non fanno parte di un condominio, ma trattasi di due EDIFICI unifamiliari adiacenti ( attaccati insomma...), tipici dei paesi del Sud.
Come sempre ringrazio anticipatamente per le utili risposte e consigli che sempre fornite.
 

griz

Oggi è il mio Compleanno!
Professionista
non credo che i lavori ed i relativi bonus leghino l'accorpamento dal punto di vista procedurale, puoi accorpare in qualsiasi momento, l'accorpamento avviene con una pratica catastale che in sostanza viene redatta e presentata dal tecnico che contestualmente dichiara lo stato ed utilizzo dell'immobile, può avvenire anche a lavori in corso
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Precedentemente devi presentare una pratica urbanisti per ottenere l'autorizzazione alla fusione delle due unità immobiliari finitime.
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Premesso che la fusione non rientra tra gli interventi agevolabili ......a conferma di quello già detto.
Poi si vorrebbe eseguire degli interventi distinti: su di uno sismabonus mentre sul secondo ecobonus ......mi sembra pretestuoso come ipotesi.
Poi non è chiaro se siano immobili autonomi oppure se siano unità abitative facente parte di un condominio......se sei nel secondo caso se del tutto fuori strada con le tue pretese inerente al bonus

@griz giusto, ma dimentichi la propedeutica pratica edilizia.
@Gianco per la fusione certo, va presentare una pratica edilizia ma non certo di tipo autorizzativa poiché sono opere già assentite......si tratterebbe di dichiarare lo stato di fusione.
 

griz

Oggi è il mio Compleanno!
Professionista
@griz giusto, ma dimentichi la propedeutica pratica edilizia.
non è stata una dimenticanza, la domanda riguardava l'accorpamento come fatto, ho immaginato che riguardasse l'aspetto fiscale, si trattava di fare lavori, ho immaginato che la pratica edilizia contemplasse la fusione
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
@Gianco per la fusione certo, va presentare una pratica edilizia ma non certo di tipo autorizzativa poiché sono opere già assentite......si tratterebbe di dichiarare lo stato di fusione.
Precedentemente devi presentare una pratica urbanistica per ottenere l'autorizzazione alla fusione delle due unità immobiliari finitime.
Comunque la fusione deve essere autorizzata. Non si può realizzare senza il "benestare del Comune.
 

anna123

Membro Attivo
Conduttore
Premesso che la fusione non rientra tra gli interventi agevolabili ......a conferma di quello già detto.
Poi si vorrebbe eseguire degli interventi distinti: su di uno sismabonus mentre sul secondo ecobonus ......mi sembra pretestuoso come ipotesi.
Poi non è chiaro se siano immobili autonomi oppure se siano unità abitative facente parte di un condominio......se sei nel secondo caso se del tutto fuori strada con le tue pretese inerente al bonus

@griz giusto, ma dimentichi la propedeutica pratica edilizia.
@Gianco per la fusione certo, va presentare una pratica edilizia ma non certo di tipo autorizzativa poiché sono opere già assentite......si tratterebbe di dichiarare lo stato di fusione.

Non credo di aver chiesto se la fusione rientri negli interventi agevolabili, ma solo se è possibile inoltrare un'eventuale pratica ( a nostre spese chiaramente) in corso d'opera o al termine dei lavori.
Quelle che lei chiama ipotesi pretestuose non sono le mie ma dell'architetto a cui ci si è rivolti, se nota ho usato il condizionale, l'ecobonus non ci interessa.
Il fatto che si tratti di unità abitative autonome l'ho precisato volontariamente, conoscendone la differenza.
E per concludere io non pretendo proprio niente, nella migliore delle ipotesi utilizzerei benefici destinati a tutti.
 

anna123

Membro Attivo
Conduttore
non credo che i lavori ed i relativi bonus leghino l'accorpamento dal punto di vista procedurale, puoi accorpare in qualsiasi momento, l'accorpamento avviene con una pratica catastale che in sostanza viene redatta e presentata dal tecnico che contestualmente dichiara lo stato ed utilizzo dell'immobile, può avvenire anche a lavori in corso

Grazie Griz. Ora le spiego una cosa che mi ha lasciata perplessa, per questo ho deciso di confrontarmi con voi che siete del mestiere. L'architetto ci ha detto che l'immobile che utilizzerebbe il sismabonus non può subire modifiche catastali per almeno 8 anni in quanto l'Agenzia delle Entrate non lo consentirebbe, farebbe controlli e potrebbero esserci problemi. Insomma, quell'immobile sarebbe vincolato. Ma possibile?
 

anna123

Membro Attivo
Conduttore
Precedentemente devi presentare una pratica urbanisti per ottenere l'autorizzazione alla fusione delle due unità immobiliari finitime.
Certo Gianco, questo è fuori discussione naturalmente. Volevo solo capire, come ho scritto anche a GRIZ, se quella pratica si può inoltrare - se non proprio in corso d'opera di utilizzo del sismabonus ( e chiaramente BEN CONSAPEVOLE che non rientri nelle agevolazioni, non pensavo di doverlo sottolineare), almeno alla fine dei lavori.
Sempre molte grazie per le sue risposte
 

griz

Oggi è il mio Compleanno!
Professionista
L'architetto ci ha detto che l'immobile che utilizzerebbe il sismabonus non può subire modifiche catastali per almeno 8 anni in quanto l'Agenzia delle Entrate non lo consentirebbe, farebbe controlli e potrebbero esserci problemi. Insomma, quell'immobile sarebbe vincolato. Ma possibile?
non so in quanto vivo in una zona dove il rischio sismico e bassissimo quindi non ho mai cercato informazioni sul sismabonus ma ho fatto una piccola ricerca ed ho trovato dei riferimenti di un rapporto tra le categorie catastali e il sismabonus ma non mi pare vi siano ostative all'operazione che hai in programma a meno che non si collochi in categoria A/1 A/8 e A/9
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Tralasciando delle mie interpretazioni magari dovute anche ad una lettura non completa del #1
Perché hai detto solo dopo di essere già seguita da un tecnico
Quelle che lei chiama ipotesi pretestuose non sono le mie ma dell'architetto a cui ci si è rivolti,
L'architetto ci ha detto che l'immobile che utilizzerebbe il sismabonus
ho sempre deplorato comportamenti di questo tipo anche se l'espressione che più si avvicina è che le trovo stucchevoli.
Mi riferisco al valutare, centellinare e soppesare quello che il proprio tecnico ha riferito, facendo il tutto entrando/scrivendo in un forum !

PS: leggo e scrivo già da diversi anni in forum, in questo come in altri........il tempo è la varietà dei contesti ti fanno acquisire una certa esperienza che alla lunga ti conduce a "soppesare" gli argomenti e le problematiche già dalle impostazioni del primo messaggio (#1). E' da questa valutazione, iniziale, che si sceglie se dedicarsi compiutamente nella risposta oppure in modo più blando.
Ebbene .......già dall'inizio (msg #1) dalle impostazioni del messaggio, ho scelto di rispondere in forme non compiuta.....diciamo che la detta esperienza mi ha suggerito qualcosa.
E come si è dimostrato non mi ero sbagliato !!!
In Certi post ci si dovrebbe astenere dall'intervenire !!!
 
Ultima modifica:

anna123

Membro Attivo
Conduttore
Tralasciando delle mie interpretazioni magari dovute anche ad una lettura non completa del #1
Perché hai detto solo dopo di essere già seguita da un tecnico


ho sempre deplorato comportamenti di questo tipo anche se l'espressione che più si avvicina è che le trovo stucchevoli.
Mi riferisco al valutare, centellinare e soppesare quello che il proprio tecnico ha riferito, facendo il tutto entrando/scrivendo in un forum !

PS: leggo e scrivo già da diversi anni in forum, in questo come in altri........il tempo è la varietà dei contesti ti fanno acquisire una certa esperienza che alla lunga ti conduce a "soppesare" gli argomenti e le problematiche già dalle impostazioni del primo messaggio (#1). E' da questa valutazione, iniziale, che si sceglie se dedicarsi compiutamente nella risposta oppure in modo più blando.
Ebbene .......già dall'inizio (msg #1) dalle impostazioni del messaggio, ho scelto di rispondere in forme non compiuta.....diciamo che la detta esperienza mi ha suggerito qualcosa.
E come si è dimostrato non mi ero sbagliato !!!
In Certi post ci si dovrebbe astenere dall'intervenire !!!

Peccato, non credo faccia piacere agli utenti di un forum sapere che i propri dubbi e incertezze siano soggetti a valutazioni che ne determinano la considerazione. Chi scrive lo fa perchè non è pratico di alcune questioni e sa che ci sono professionisti che mettono a disposizione la propria esperienza e competenza: se ho dubbi medici scrivo su medicitalia, se ho dubbi legali scrivo su laleggepertutti e via dicendo. A cos'altro servono questi forum? Crede che se non avessi avuto dubbi avrei scritto su questo forum? Certo che no. Sono anni che presento quesiti e fortunatamente ho sempre avuto dai suoi colleghi risposte rispettose e chiarificatrici. Tanto mi basta.
Lei faccia come meglio crede, magari continuando a seguire il suo intuito nell'astenersi dall'intervenire in certi post stupidi come il mio.
Ci tengo solo a precisare un appunto: non è mai uscita dai miei tasti nessuna frase denigratoria nei confronti di nessun professionista, se legge bene nemmeno di quello a cui mi sono rivolta, è troppo alto il valore che do alle competenze, compresa la mia. Chiunque prima di subire un'operazione è portato a sentire un'altra campana. Tutto qui.
Le auguro buona serata e chiudiamola qui, sento di mancare di rispetto a quanti spendono mezz'ora del proprio tempo a dare consigli.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Lorca ha scritto sul profilo di FioreAle.
Ciao,
ho letto della tua disavventura circa l'affitto. Spero di cuore che si sia risolto tutto.

Mi chiedevo come fosse andata con AffittoAccurato perche stavo prendendo anche io in considerazione di fare un contratto con loro.
Puoi condividere qualche suggerimento?
Buongiorno a tutti, sto ristrutturando una casa indipendente, per i pavimenti (legno) e le porte mi sono affidato ad un artigiano della zona, fatto il preventivo e firmato per accettazione ora mi chiede un'acconto del 60 % piu' IVA, considerando che i lavori cominceranno a ottobre è una procedura normale quella di richiedere acconti di questa entità?
Grazie
Alto