1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. cesco

    cesco Nuovo Iscritto

    Salve avrei delle domande su alcuni aspetti della disdetta di un contratto di locazione commerciale:
    -x la disdetta di finita locazione da parte del propietario vale solo la data del ricevimento della raccomandata,non la data di spedizione?
    Esempio se spedisco la raccomandata il 15/12/2008 e questa arriva il 15/01/2009, la disdetta non è legale perchè non è arrivata entro il preavviso di 12 mesi?
    -se la disdetta non è arrivata con un preavviso di 12 mesi può essere impugnata lo stesso dall'affittuario che la ritiene ugualmente valida?e richiede un nuovo contratto o l'indennità di avviamento?
    -l'affittuario può richiedere un adeguamento al ribasso del canone di locazione?

    Le spiego meglio la mia situazione.
    Io ho mandato la lettera di disdetta tramite raccomandata inviata il 15/12/2008,che è stata ricevuta il 15/01/2009,"in teoria" fuori tempo massimo.Infatti inizialmente l'affittuario mi disse che non era valida(maggio 2009).Adesso però mi ha contattato e pretende la stipula di un nuovo contratto,con l'adeguamento al ribasso del canone di locazione;o lascia i locali e vuole l'indennità di avviamento perchè io ho dato disdetta,quindi ritiene valida la disdetta.
    Se non concedo la diminuzione del canone lui se ne va,e io devo pagare l' indennità di avviamento?Anche se la disdetta non è valida?
    Come mi devo comportare?Ha ragione lui?Sono dalla parte del torto io?
    Grazie x le risposte.
     
  2. Enricuccio

    Enricuccio Nuovo Iscritto

    credo che la data valida ai fini della disdetta sia quella di ricevimento della raccomandata perchè è da quel momento che l'inquilino ne ha conoscenza.
    se è arrivata fuori tempo massimo teoricamente non produce effetti, pertanto riparte un sei anni +sei di contratto
     
  3. Alessandro

    Alessandro Nuovo Iscritto

    In caso di invio di lettera raccomandata fa fede la data del timbro postale, ossia la data di spedizione, in caso di raccomandata tu hai il tagliando di ricevuta. Bene vale quella data, poi se l'ha ricevuta in ritardo, non l'ha ricevuta o non l'ha ritirata tu sei stato adempiente alle tue obbligazioni
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina