• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

G

Guest

Ospite
Buongiorno,
ho urgente bisogno di sapere : chi vende una cantina, quali spese deve sostenere? e chi l'acquista ?
E' possible che chi la vende faccia una donazione (la parte acquirente non è un parente), ed in questo caso ci sono spese e da parte di chi ?
Grazie
 

Jrogin

Fondatore
Membro dello Staff
Professionista
Se la vendita viene effettuata da almeno cinque anni passati dall'acquisto, il venditore non deve sostenere alcun onere. Diversamente la plusvalenza data tra prezzo di vendita e quello di acquisto maggiorato delle spese (imposte di acquisto, oneri notarili, mediazione, ristrutturazioni ecc.) viene tassata tra i redditi diversi.
L'acquirente invece, sostiene le imposte (registro, ipotecarie e catastali oppure IVA se da società) e gli oneri notarili.
La donazione la sconsiglio sempre, poichè il bene risulterà poi meno commerciabile (fino a 20 anni dalla donazione o 10 anni dalla morte del donante) per un eventuale azione di riduzione degli aventi diritto con conseguente azione di restituine del bene.
Colgo l'occasione per augurare Buon Anno a tutti.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto