• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

gianfla

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buonasera...urge un consiglio per cui ringrazio tutti. Mio marito e' deceduto 5 mesi fa, non abbiamo figli per cui il fratello e i tre figli hanno gia' fatto la rinuncia all'eredita' presso il Tribunale. La domanda e' devono rinunciare anche i figli minori del figlio di mio cognato? Ma se e' cosi...che razza di legge ci tutela? Grazie
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
La Legge deve proteggere non solo te ma anche gli altri aventi diritto nel rispetto delle stesse norme.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
La rinuncia dei figli minori deve essere fatta dal tutore dopo aver richiesto l'accettazione con beneficio d'inventario al giudice tutelare.
Probabilmente il fratello conosce la situazione economica del de cuius.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Mio marito e' deceduto 5 mesi fa, non abbiamo figli per cui il fratello e i tre figli hanno gia' fatto la rinuncia all'eredita' presso il Tribunale. La domanda e' devono rinunciare anche i figli minori del figlio di mio cognato?
se tuo marito non ha fatto testamento la legge dice che il suo patrimonio va diviso per 2/3 al coniuge superstite ed 1/3 a fratello. Se questo rinuncia subentrano i suoi figli e se rinunciano anche questi subentrano i loro figli. Se quest'ultimi (in pratica nipoti di tuo cognato) sono minori, prima di rinunciare, come ti ha già spiegato @Gianco, devono avere un tutore nominato dal tribunale dei minori che accetti con beneficio di inventario ed alla fine dell'inventario giustifichi la scelta di accettazione o di rinuncia. La presenza del tutore è obbligatoria quando tra gli eredi ci sia un minore.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
La rinuncia dei figli minori deve essere fatta dal tutore
Il tutore esiste solamente se entrambi i genitori sono morti o per altre cause non possono esercitare la responsabilità genitoriale.
dopo aver richiesto l'accettazione con beneficio d'inventario
Se si vuole che il minore rinunci, non si deve necessariamente preventivamente accettare.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Va bene mi correggo: quando tra gli eredi ci sia un minore, i genitori, o colui che esercita funzioni genitoriali, devono farsi autorizzare dal Giudice Tutelare e prima di decidere se accettare o rifiutare l'eredità devono passare dall'accettazione con beneficio di inventario.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se l'inventario avesse esito negativo, è logico che i genitori rinuncino. Mentre, se fosse in attivo non potrebbero rinunciare, altrimenti andrebbero contro gli interessi del o dei minori. In alternativa si dovrebbe chiedere l'inventario e poi comportarsi di conseguenza. L'unica differenza sono i costi da sopportare: qual'è la soluzione più economica?
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Se intendono rinunciare, non devono necessariamente farlo dopo l'accettazione con beneficio d'inventario.
avevo letto da qualche parte che per gli eredi minori è obbligatorio passare attraverso l'accettazione con beneficio di inventario.
Ho trovato:
"L'avvocato Damiana Stocco di AIAF - Associazione Italiana degli Avvocati per la Famiglia e per i Minori, ci spiega come funziona la procedura.
Le linee guida
«Perché il bambino diventi erede è necessario che i rappresentanti legali del minore e i suoi genitori (o se non ci sono il tutore), accettino o rifiutino l’eredità. La prima valutazione da fare è se l’eredità abbia una utilità oppure no: ad esempio se il nonno lascia un immobile di grande consistenza ma che non vale nulla perché necessita di interventi di ristrutturazione costosissimi, allora può non essere utile al minore; in questo caso si può rinunciare. Sia che si decida di accettare, sia che si voglia rinunciare all'eredità, bisogna sempre rivolgersi al tribunale della città dove aveva residenza il defunto chiedendo di essere autorizzati ad accettare con beneficio d'inventario o a rifiutare»
."
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Non conosci la differenza tra una rinuncia e un'accettazione?
Un normodotato conosce la differenza che c'è fra i due termini. Ora se non è questo il problema, a quale differenza mi riferisco? Anche questo quesito non mi sembra di difficile interpretazione.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
sostanzialmente sostieni che chi tutela gli interessi del minore possa fare l'atto di rinuncia a nome del minore senza neanche sapere in che cosa consista l'eredità?
Per decidere se convenga rinunciare direi proprio che bisogna conoscere sia l'attivo ereditario, sia il passivo ereditario!
E per fare questi calcoli nessuno impone che sia necessaria la preventiva accettazione (beneficiata) dell'eredità.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Tempo fa ho creato un arco senza togliere il muro sotto non portante. Quindi non ho variato la metratura della stanza. Ora dovrei vendere l appartamento. Devo ripristinare parte mancante o non avendo modificato planimetria non serve. Grazie
angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di una villetta con il mio ex marito Nell'accordo di separazione , e' stato concordato un assegno di mantenimento di euro 500 che pero' non mi viene erogato sino a quando io continuero ad abitare nella casa in attesa della vendita, come pagamento della mia quota di affitto.
Volevo sapere se, sia come comproprietaria, sia come affittuaria, posso subaffittare una stanza della casa?
Alto