• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

virduk

Nuovo Iscritto
Ciao,

ho stipulato un preliminare di compravendita in cui si concorda la data del rogito entro il 31 dicembre prossimo.
Ho il sospetto che il venditore non abbia fretta di vendere l'immobile e che potrebbe volere dilazionare ulteriormente la data del rogito.
Io al contrario vorrei rogitare al più presto e comunque non oltre la data indicata nel preliminare (che già è stata una concessione "dolorosa"), principalmente perché ho bisogno della casa e secondariamente perché ho stipulato un analogo preliminare per la vendita della mia casa attuale entro la stessa data.
Che strumenti ho a disposizione per fare valere i termini del contratto?

Alessio
 

Paolo Mazzi

Membro Ordinario
Professionista
Direi che tu non abbia particolari problemi: Se nel preliminare è stata specificata la data del rogito, tale vincolo è un elemento essenziale del contratto; se non dovesse essere rispettato la parte inadempiente ne è pienamente responsabile!!
 

Jrogin

Fondatore
Membro dello Staff
Professionista
Mi permetto di precisare che se nel conttratto preliminare di compravendita la data di stipula del rogito non è espressemante indicata come "TERMINE ESSENZIALE", la parte promittente acquirente dovrebbe a mio parere per essere più tranquilla, convocare ufficialmente la parte promittente venditrice, tramite raccomandata RR, alla stipula dell'atto definitivo presso il notaio XXXX, il giorno XX/XX/XX alle ore XX,XX. In pratica con una lettera di questo tipo il promittente acquirente costituisce in mora il promittente venditore, e se questi non si presenta all'atto senza giustificato motivo, la parte venditrice può far valere i suoi diritti.
Se invece è indicato espressamente il "TERMINE ESSENZIALE", già alla scadenza del termine posso farsi valere i propri diritti.

A parte questo, però, il mio consiglio è di mettere al corrente sin d'ora il promittente venditore, che è già stato stipulato un preliminare di compravendita per l'attuale abitazione del promittente acquirente, è che è necessario rispettare i tempi pattuiti. Il tutto possibilmente in via amichevole e vedere gli sviluppi. Se poi avvicinandosi la data dell'atto definitivo, si teme che possa slittare, agire come indicato sopra.
 

virduk

Nuovo Iscritto
Grazie per le risposte.
La parte venditrice è già al corrente di tutta la situazione.
La raccomandata di convocazione può essere spedita solo dopo la scadenza indicata sul contratto oppure anche negli ultimi giorni utili (con la convocazione per l'ultimo giorno lavorativo entro il giorno nella scadenza)?

Alessio
 

Jrogin

Fondatore
Membro dello Staff
Professionista
Per quanto ne so io la puoi inviare quando vuoi.
Io la invierei circa 30 giorni prima per dar modo al venditore di organizzarsi tranquillamente.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Principia ha scritto sul profilo di Gianco.
Giaco ho letto che sei professionista che lavoro fai? Potrei contattarti telefonicamente se sei in tecnico?
Buongiorno,

Chiedo a questo forum una delucidazione per un contratto di affitto casa.

Sto per affittare una casa dal 21 ottobre di quest' anno, ho optato per la cedolare secca, quando e come dovrei versare la tassa del 21% ? E poi come funzioneranno i vari versamenti per l'anno prossimo?

Vi ringrazio per la risposta
Alto