• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

guernica2008

Nuovo Iscritto
avendo separazione dei beni, marito e moglie che vogliono comprare prima casa, ed essere entrambi salvaguardati in caso di discussioni future, come è meglio procedere?, il problema è che solo il marito dovrebbe portare la residenza, per via del mutuo, mentre la"usufruttuaria non la porterebbe, tenendo la r esidenza in altro paese, in casa in affitto. in questo caso le tasse vengono considerate all'usufruttuaria come seconda casa, quindi luce, acqua gas, ICI E IRPEF da pagare? GRAZIE
 

Jrogin

Fondatore
Membro dello Staff
Professionista
Credo che per quanto riguarda le utenze, luce, acqua, gas possano tranquillamente essere intestate al marito che le pagherà come abitazione principale, l'ICI credo che tu debba pagarla e non essere esente poichè la tua abitazione principale è un'altra, per quanto riguarda l'IRPEF non so.
Il problema invece, a mio parere, è la tassazione in acquisto, in quanto pur essendo per te il primo immobile, non puoi usufruire delle agevolazioni prima casa, poichè non prenderai la residenza nel comune ove è ubicato l'immobile che andrai ad acquistare.
Jrogin
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto