• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ralf

Nuovo Iscritto
Eccomi ancora quì propit Avremo la necessità di fare lavori in casa,l'impresa a cui ci siamo rivolti ci ha detto che è essenziale,ai fini di contenere i costi,occupare una parte del cortile condominiale, attualmente usato per il parcheggio,per installarci un cassonetto per la raccolta del pietriccio.Alcuni condomini fanno sapere preventivamente che se sarà per loro il permesso condominiale non sarà concesso.Come ci si regola in questi casi,può il condominio opporsi?Grazie anticipatamente
 

Stefano Mariano

Membro dello Staff
A mio avviso, senza il consenso del Condominio, non puoi occupare il cortile, tanto più, se ho ben capito, se questa occupazione riduce la disponibilità (sebbene solo temporaneamente) del cortile stesso per il parcheggio delle autovetture di alcuni condòmini.
 

ralf

Nuovo Iscritto
Concordo anche io :D Però voglio fare una aggiunta alla domanda di Gianna: se il condomino per effettuare lavori non ha altra possibilità che occupare temporaneamente il suolo condominiale, può rivolgersi al giudice per ottenere ed obbligare il condominio a concedere gli spazi necessari?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto