• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

BJMAKER

Nuovo Iscritto
Professionista
Le segnalazioni anonime si cestinano. Poi a me sembra che con questa azione ( una persona che da Roma scrive al Comune di Verona per segnalare un abuso) ti impicci dei fatti degli altri. Un conto è dare un parere un altro è prendere iniziative.
A Venezia non cestinano niente, non diciamo fesserie. Ti presenti di persona e indichi indirizzo e proprietario. Tempo una settimana e passano a controllare. Nel condominio dove abitavo anni fa, un condomino aveva fatto un bagno in mansarda e non lo sapeva nessuno. Probabilmente un vicino o un conoscente ha avvertito il comune e sono passati a controllare.
 

BJMAKER

Nuovo Iscritto
Professionista
e poi come è finita?
I vigili sono passati per un controllo, lui gli ha aperto anche se poteva non farlo hanno constatato l'abuso e sono stati aperti 2 fascicoli, uno penale e uno amministrativo. Non so come sia finita perché poi ho cambiato casa. Bisogna stare attenti a sentirsi più furbi degli altri, in un condominio tutti sanno tutto di tutti. Ovvio che la segnalazione deve essere verificata e deve essere attendibile, se ci vai di persona di sicuro passano a controllare. Chi non apre la porta ad un vigile urbano in divisa? Anche perché non immagina per cosa siano passati
 

sjg

Membro Attivo
Grazie a tutti quelli che hanno fornito informazioni e consigli. Chiedere che il possessore della soffitta trasformata in appartamento paghi di più per le cose comuni sembra problematica visto che risulta ancora censita come soffitta. Facciamo invece la denuncia in Comune per la modifica della soffitta eseguita anni fa senza l'autorizzazione.
 

Daniele 78

Membro Storico
Professionista
La denuncia in Comune delle irregolarità edilizie sarà fatta, ma il problema urgente è che il proprietario rifiuta di accettare l'attribuzione di una quota millesimale più alto sostenendo che "se scelgo di abitare nella mia soffitta questo non vuol dire che diventi un'appartamento". Ha gia minacciato di far causa.
e la causa la perderebbe dato che nel momento in cui si procede per forza un giudice deve entrare nel merito dell’immobile che a quanto tu dici risulta essere
1) Ristrutturato senza permesso= abusivo
2) Una soffitta (un C/2 o simili) non potrebbe mai essere abitabile per viverci ma abitabile come “magazzino, cantina”.

se vuole perdere soldi!
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
variazione di almeno 1/5 dell'unità impone la modifica della Tabella a spese di chi ha fatto la modifica.
Dimaraz, ma questa regola non si riferisce all'aumento della cubatura?

Vittorioevic, non è vero che se un condomino è dissenziente paga comunque le spese vedi un poco l'art.1132 c.c.

Per il fatto che uno cambia come usa le sue proprietà, nelle mie tabelle millesimale il tecnico ha considerato non solo l'esposizione ma anche l'uso nel senso, se era un salotto, se una cucina o una camera da letto, con i relativi esempi di calcolo perché ecc. figuriamoci se uno trasforma una soffitta in un'abitazione.

Fate attenzione che il condomino che ha fatto l'abuso, anzi il suo avvocato, vuole distogliere l'attenzione dal problema reale dell'abusivismo pertanto:
Vi fa una causa perché l'assemblea ha approvato le nuove tabelle millesimali?
li casca male l'assemblea ne ha il potere, poi si va a vedere se è giusto o no la valutazione, pertanto deve pagare.
La causa viene fatta perché non è giusta la valutazione del tecnico?
Qui c'è da considerare la sensibilità del giudice, e pertanto si svicola anche in questo caso il problema dell'abusivismo, qui cosa dirà il giudice?
è una modifica alla destinazione d'uso? si possono cambiare le tabelle.
Oppure se il comune non darà l'abitabilità, non si devono cambiare le tabelle pertanto il condominio ha torto?
la cosa è dubbia pertanto se lui non vuole sentire ragione potete voi "minacciarlo" di denuncia di abusivismo pertanto zitto e paga, oppure denuncia e se non è cognato del capo dei vigili urbani del paese multa e ripristino della cosa.
 
Ultima modifica:

Daniele 78

Membro Storico
Professionista
Dimaraz, ma questa regola non si riferisce all'aumento della cubatura?

Vittorioevic, non è vero che se un condomino è dissenziente paga comunque le spese vedi un poco l'art.1132 c.c.

Per il fatto che uno cambia come usa le sue proprietà, nelle mie tabelle millesimale il tecnico ha considerato non solo l'esposizione ma anche l'uso nel senso, se era un salotto, se una cucina o una camera da letto, con i relativi esempi di calcolo perché ecc. figuriamoci se uno trasforma una soffitta in un'abitazione.

Fate attenzione che il condomino che ha fatto l'abuso, anzi il suo avvocato, vuole distogliere l'attenzione dal problema reale dell'abusivismo pertanto:
Vi fa una causa perché l'assemblea ha approvato le nuove tabelle millesimali?
li casca male l'assemblea ne ha il potere, poi si va a vedere se è giusto o no la valutazione, pertanto deve pagare.
La causa viene fatta perché non è giusta la valutazione del tecnico?
Qui c'è da considerare la sensibilità del giudice, e pertanto si svicola anche in questo caso il problema dell'abusivismo, qui cosa dirà il giudice?
è una modifica alla destinazione d'uso? si possono cambiare le tabelle.
Oppure se il comune non darà l'abitabilità, non si devono cambiare le tabelle pertanto il condominio ha torto?
la cosa è dubbia pertanto se lui non vuole sentire ragione potete voi "minacciarlo" di denuncia di abusivismo pertanto zitto e paga, oppure denuncia e se non è cognato del capo dei vigili urbani del paese multa e ripristino della cosa.
No aspetta, una soffitta che è rimasta tale di solito C/2 “magazzino o deposito” non è adatta ad abitarci ma è adatta alla mero uso come cantina o deposito.

la variazione della tabella millesimale la fai specialmente in base all’uso ed ai m2 ed un C/2 anche a parità di m/2 con un A/2 “casa di civile abitazione” pagherà una rendita sensibilmente più bassa ed i millesimi di un C/2 saranno comunque anche più bassi (anche a parità di m2) rispetto all’ A/2!

Detto questo per primo anche l’amministratore per tutelare gli altri condomini sarebbe soggetto a richiedere gli estremi catastali delle unità appartenenti al condomino con le proprietà e gli eventuali possessi (inquilini, usufruttuari ecc.) ai sensi proprio dell’anagrafe condominiale.Anagrafe Condominiale
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Dimaraz, ma questa regola non si riferisce all'aumento della cubatura?
No.
La norma precisa che l'obbligo di rettificare le Tabelle Millesimali sorge per qualsiasi variazione di valore (quindi sia aumento che diminuzione).

Resta la "ambiguità" di come stabilire a priori l'entità di una variazione.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Vittorioevic, non è vero che se un condomino è dissenziente paga comunque le spese vedi un poco l'art.1132 c.c
In realtà la questione è un filo più "complicata".
Chi ha espresso "dissenso" (nei modi previsti) rispetto ad una lite verrà fatto escluso dai maggiori oneri che il Condominio dovrà sostenere in caso di soccombenza.
Inoltre, qualora il Condominio tragga vantaggio, dovrà contribuire in quota anche di quello che non salda parte avversa.
 

sjg

Membro Attivo
Per evitare liti giudiziarie, i condomini hanno deliberato di abbandonare la richiesta che il proprietario che ha trasformato senza autorizzazione la sua soffitta in appartamento paghi una quota millesimale più alta. Resta comunque da fare la denuncia per l'abuso edilizio. Non essendo esperti nella materia e avendo percepito che l'amministratore non vuole procedere, chiediamo un aiuto da forum per come stilare e dove depositare una denuncia efficace.
 

BJMAKER

Nuovo Iscritto
Professionista
Per evitare liti giudiziarie, i condomini hanno deliberato di abbandonare la richiesta che il proprietario che ha trasformato senza autorizzazione la sua soffitta in appartamento paghi una quota millesimale più alta. Resta comunque da fare la denuncia per l'abuso edilizio. Non essendo esperti nella materia e avendo percepito che l'amministratore non vuole procedere, chiediamo un aiuto da forum per come stilare e dove depositare una denuncia efficace.
Presso il comando locale dei vigili urbani, la segnalazione sarà anonima quindi non ci sarà il rischio di ritorsioni da parte del condomino in questione
 

vittorievic

Membro Attivo
Proprietario Casa
la segnalazione sarà anonima quindi non ci sarà il rischio di ritorsioni da parte del condomino in questione
sei sicuro?

da: Abuso edilizio, non è ammessa la denuncia anonima: vale il diritto alla trasparenza

Abuso edilizio, non si ammette la denuncia anonima. Lo ha stabilito il Tar della Regione Liguria in una recente sentenza (510/2019), dove i giudici hanno ribadito che il diritto alla trasparenza vale in ogni caso, sia che la denuncia abbia avuto esito positivo che negativo.

Significa che il soggetto che ha subito la denuncia per abuso edilizio può chiedere di conoscere nome e cognome di chi lo ha accusato. Il Tar precisa che il Comune ha l’obbligo di comunicare il nominativo entro 20 giorni dalla richiesta e permettere al denunciato l’accesso agli atti.

L’abuso edilizio, infatti, non rientra tra i casi in cui è ammessa la denuncia anonima perché non espone al pericolo di azioni discriminatorie o altre rivendicazioni (come accade invece nelle controversie di lavoro).

La decisione del Tar prende spunto dal ricorso presentato dal singolo proprietario che contestava la denuncia per abuso edilizio per aver costruito una veranda sul suo balcone. .......
 

BJMAKER

Nuovo Iscritto
Professionista
sei sicuro?

da: Abuso edilizio, non è ammessa la denuncia anonima: vale il diritto alla trasparenza

Abuso edilizio, non si ammette la denuncia anonima. Lo ha stabilito il Tar della Regione Liguria in una recente sentenza (510/2019), dove i giudici hanno ribadito che il diritto alla trasparenza vale in ogni caso, sia che la denuncia abbia avuto esito positivo che negativo.

Significa che il soggetto che ha subito la denuncia per abuso edilizio può chiedere di conoscere nome e cognome di chi lo ha accusato. Il Tar precisa che il Comune ha l’obbligo di comunicare il nominativo entro 20 giorni dalla richiesta e permettere al denunciato l’accesso agli atti.

L’abuso edilizio, infatti, non rientra tra i casi in cui è ammessa la denuncia anonima perché non espone al pericolo di azioni discriminatorie o altre rivendicazioni (come accade invece nelle controversie di lavoro).

La decisione del Tar prende spunto dal ricorso presentato dal singolo proprietario che contestava la denuncia per abuso edilizio per aver costruito una veranda sul suo balcone. .......
Già fatto nel mio ex condominio, sono passati di lì a poco
 

Daniele 78

Membro Storico
Professionista
Di solito le segnalazioni le puoi fare all’ufficio tecnico del Comune che provvederà poi ad inviare la municipale per controllare la situazione in essere!
 

vittorievic

Membro Attivo
Proprietario Casa
Tal caso non sarebbe, evidentemente, una denuncia anonima.
se la denuncia è anonima non c'è il nome del segnalatore quindi il Comune non sarà in grado di comunicare il nome di chi ha presentato denuncia: come farà a spiegare tale iniziativa ispettiva, in questo caso specifico, che non si vede alcunché dall'esterno?
la segnalazione sarà anonima quindi non ci sarà il rischio di ritorsioni da parte del condomino in questione
Secondo me la lettera anonima viene cestinata: diverso è il discorso di chi si presenta e denuncia un abuso chiedendo l'anonimato. In questo caso i vigili procedono, ma la denuncia presentata negli uffici rimane allegata agli atti.
Rimane sempre poi il fatto che chi ha fatto l'abuso essendo all'interno della propria proprietà può negare l'accesso ai vigili urbani.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Principia ha scritto sul profilo di Gianco.
Giaco ho letto che sei professionista che lavoro fai? Potrei contattarti telefonicamente se sei in tecnico?
Buongiorno,

Chiedo a questo forum una delucidazione per un contratto di affitto casa.

Sto per affittare una casa dal 21 ottobre di quest' anno, ho optato per la cedolare secca, quando e come dovrei versare la tassa del 21% ? E poi come funzioneranno i vari versamenti per l'anno prossimo?

Vi ringrazio per la risposta
Alto