• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

evergreen14

Nuovo Iscritto
Professionista
Pensandoci bene sarà così chi c’era prima di me ha accettato il confine. Ok però la domanda che mi pongo è: il muro è suo costruito magari da più di venti anni, quindi usucapiato. Però a mio parere la metà di esso essendo stata nella mia proprietà ed usata esclusivamente da me se fossero trascorsi 20 sarebbe anch essa usucapiata e quindi metà del cordolo e mio?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Premesso che non ho notato il cordolo di fondazione e se esso esiste da oltre vent'anni, non essendo possibile al tuo vicino esercitare azioni di possesso, nel tratto interno alla tua proprietà, l'hai usucapito tu, come pure la rete, se hai fatto degli interventi di manutenzione. Se si parla di muratura per fare azione di possesso devi innestare in tratto di muratura tua, una copertura o una trave.
Ho notato che nella foto, all'estremità della recinzione esiste un cancelletto in legno:
- da quando esiste?
- le zanche con cerniere sono inserite sul muro?
Essendo quella una manifestazione di possesso, se quella situazione esistesse oltre vent'anni tu avresti usucapito la comproprietà della recinzione. Ovviamente sarebbe bene vedere anche il resto della recinzione.
 
Ultima modifica:

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
essendo possibile al tuo vicino esercitare azioni di possesso, nel tratto interno alla tua proprietà,
Non sarei così "categorico" nell'escludere un utilizzo "possessorio" visto che chi ha eretto (apparentemente) muretto e recinzione ne ha fatto ampio e discrezionale uso di ambo le parti tanto che ha apposto un telo ombreggiante sul lato di @evergreen14 .

Difficile fare "diagnosi" solo visionando delle foto da dietro un pc.
 

evergreen14

Nuovo Iscritto
Professionista
Allora il cancelletto che si vede e quel tratto è di un altro proprietario. La foto era per dimostrare come era la siepe prima del mio arrivo. Manutenzione su muro e rete non sembra essere stata fatta. Utilizzo possessorio come dice Dimaraz è stato esercitato solo ponendo li L ombreggiante da lì in avanti più nulla. Probabilmente il precedente proprietario aveva deciso di risolvere la situazione ponendo il telo dalla sua parte stante che la pianta al suo arrivo era già li o quello L altro L aveva piantata non a distanza. Qui in origine ci sono stati grossi problemi tra i precedenti proprietari dovuti alla mia costruzione
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Quindi il telo ombreggiante non è stato posizionato dal tuo vicino: sarebbe stato come riconoscergli una servitù di passaggio per la manutenzione ed il taglio della siepe.
Non ho capito quel cancelletto di chi sia.
 

evergreen14

Nuovo Iscritto
Professionista
Io non so come siano andate le cose perché non ho contatti con i precedenti proprietari. Io e lui siamo qui lui da tre ed io da due. Secondo me L ombreggiante L aveva fatto mettere a sue spese il suo precedente proprietario. Il mio lo avrà fatto entrare e lui ha fatto il lavoro. Questo però L ho saputo dopo che L ho tolta e questo mi è volato addosso dicendo che era sua come rete e muro. Beh se ci fosse stato un accordo andava formalizzato con un atto trascritto se fosse stato un accordo anche scritto tra privati era valido solo tra di loro di questo sono sicuro. Ho chiesto al notaio.beh poi dici riconoscere una servitù per il taglio siepe peccato che questo non taglia niente! Allora il cancelletto è di un altro come quel pezzo. Immagina di vedere un striscia di terra larga 15mt lunga 90mt. 80 my sono miei i 10 di testa di un altro. Il vicino del gelsomino ha tutti i 90 mt. Comunque aldilà di tutto mi chiedo in che paese siamo... non è possibile stare a litigare su ste robe! Una legge che non vale niente! Qui ognuno si fa la sua legge perché tanto sa che fare valere le proprie ragioni è quasi impossibile
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
La tua rete che ti divide dal vicino, proprietario del cancelletto, poggia sul terreno o su una muratura? E nel caso, come è innestata al muretto divisorio con il vicino della siepe?
Una foto chiarirebbe alcuni dubbi.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
essendo possibile al tuo vicino esercitare azioni di possesso, nel tratto interno alla tua proprietà,
Non sarei così "categorico" nell'escludere una azione "possessoria" visto che chi ha eretto (apparentemente) muretto e recinzione ne ha fatto us
 

evergreen14

Nuovo Iscritto
Professionista
La rete che divide dal vicino del cancelletto quello davanti a me ha i paletti fissati nel terreno ed è legata alla mia rete a sx. Mentre verso il vicino del gelsomino ha fissato la rete al suo muro e rete
 

evergreen14

Nuovo Iscritto
Professionista
capisco che senza vedere è difficile. Cerco di spiegarmi. Io ho la proprietà davanti al vicino con il gelsomino. Su tutto il confine per circa 90 mt. Corre questo cordolo con sopra la rete. Il tutto per un altezza di circa 2,5 mt. Il confine corre sul mio lato sx essendo io davanti. In fondo davanti a me gli ultimi dieci metri che chiudono il terreno che finisce con una scaletta verso la strada(ecco il cancelletto) sono di un altro, quindi gli ultimi 10mt di lunghezza per circa 10 di larghezza. Costui ( nuovo proprietario pure lui due anni) ha una rete con paletti che lo divide da me, ma il cordolo e rete che lo divide dal proprietario del gelsomino. Lui rete di divisione con me si congiunge al confine del vicino ed è stata legata al cordolo ed alla rete del gelsomino con un semplice paletto
 

evergreen14

Nuovo Iscritto
Professionista
Quindi esatto tra me e quello davanti che solo una rete. Il cordolo L ha solo L altro. E evidente che ha costruito per primo il precedente proprietario
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Le mie domande tendevano a capire se ci fossero i presupposti per sostenere che la recinzione con la muratura alla base, fosse in comproprietà.
 

evergreen14

Nuovo Iscritto
Professionista
Buongiorno vorrei un vs parere. Dalla discussione che c’è stata con il vicino nulla è più successo. Ora ho chiamato L avvocato per capire cosa fare. Gli ho detto che secondo procedo a tagliare tutto quello che viene dalla mia parte impedendo alla pianta di allargarsi perché senza telo chiaramente aumenta. Mi ha risposto che L unica cosa da fare è passare alla misurazione dei confini. Ma e il vicino che sostiene che il muro è recinzione sono suoi mica io! Così come stanno le cose secondo me c’è la presunzione di comproprietà, quindi tutto quello che viene di qua taglio. Io dovrei imbarcarmi a sostenere le spese per la misurazione scoprendo che è suo. Così spendo soldi e gli faccio un piacere. Certo che gli avvocati pur di far cassa.. graxue
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se non ci sono i presupposti perché tu possa sostenere la comproprietà, puoi tagliare o ancor meglio, pretendere che i rami non sporgano dalla tua parte. Comunque, salvo che lo sconfinamento esista da oltre un anno, la cui dimostrazione dello sconfinamento sarebbe a vostro carico e ancor peggio che la discordanza sia inferiore a un metro, comporterebbe un accertamento oneroso e dal risultato contestabile, sconsiglio l'accertamento topografico.
 

evergreen14

Nuovo Iscritto
Professionista
Grazie Gianco sono stato al catasto ed il responsabile mi ha precisato che i confini un tempo nelle mappe avevano una tolleranza di qualche metro. Non so se corrisponda al vero. Mi ha fortemente sconsigliato la cosa. Primo i costi e poi potresti imbarcarti in una storia senza fine. A questo punto stante ripeto che è lui che dice che il muro è suo si muova lui. Probabile che quello che hanno detto a me hanno detto a lui. Io taglio, fotografo prima, e smaltisco anche se mi gira pur di non avere più a che fare. Certo che se passano 20 anni dal piantunamento li restano. Però anche qui ci vuole L agronomo. Una storia infinita che non conviene iniziare. La cosa che mi chiedo se posso tagliare in modo che la pianta non si allarghi ma resti così com’è grazie
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
I rami non dovrebbero invadere la tua proprietà. Faglielo capire, altrimenti gli imputerai il costo di un giardiniere.
 

evergreen14

Nuovo Iscritto
Professionista
Essendo un rampicante è impossibile che non invada la mia proprietà anzi lui quando ci sono i ramoscelli che crescono li fa passare bene bene tra la rete. Grazie
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Sai che bello se i rami attraversano la recinzione e rientrano, se tu tagli il ramo, la parte successiva si secca e mostra il suo grigiore all'interno della sua proprietà: che spettacolo desolante!
 

evergreen14

Nuovo Iscritto
Professionista
E ho capito allora tutto questo post non ha senso...il problema è che non voglio gestire 8mt delgelsomino di un altro
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Le richieste non devono essere pubblicate nel box. Questo box può essere utilizzato per indicare una frase di accompagnamento ai messaggi.
Mi auguro che tutto questo un giorno finirà e che ci butteremo alle spalle questa triste vicenda.
Sognatrice '80
Alto