• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ANTOPE

Membro Attivo
Un saluto a tutto il forum.
In un condominio due appartamenti simili e contigui sono stati uniti per creare un'unica abitazione.
Come sono calcolate le spese condominiali in questo caso?
Presumo che siano date dalla somma degli importi di competenza di entrambi gli appartamenti; ma l'agente immobiliare sostiene che, essendo stato sanato a livello catastale, il nuovo appartamento paga una cifra simile a quella degli altri appartamenti dello stesso pianerottolo, quindi senza pagare il doppio ( come si potrebbe pensare ).
Che ne dite?
A me pare strano, visto che a rigor di logica si dovrebbe fare una somma dei millesimi delle due unità immobiliari; ma, ho pensato, forse le norme che regolano il condominio a volte possono permettere una cosa simile, non saprei.
Grazie a chi vorrà sciogliere questi dubbi.
Antonio
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
ma l'agente immobiliare sostiene che, essendo stato sanato a livello catastale,
Chiedigli cosa si è "fumato" prima di aprir bocca.

Se prima le 2 unità pagavano 20+20 ...secondo il suo assurdo pensiero l'intero dovrebbe pagare 21...chi metterebbe la differenza ?
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Presumo che siano date dalla somma degli importi di competenza di entrambi gli appartamenti;
Corretto.
A meno che non sia stata effettuata una revisione delle tabelle millesimale del condominio a seguito della fusione dei due immobili,mi pare che l'agente abbia fornito una informazione "creativa".
Un caso di prendi due e paghi uno.

Solo alcune spese saranno attribuite solo una volta per i due immobili,e quindi ci sarà una lieve differenza rispetto alla pura somma;
-spese postali per invio convocazione assemblea ,rendiconti,etc.
-citofono (se uno solo)
-eventuale spesa affitto locale per assemblee
-altre piccolezze che non rammento ora

Chiedigli cosa si è "fumato" prima di aprir bocca.
Roba buona davvero.....
 

magia2002

Membro Attivo
Proprietario Casa
Antenna condominiale-videosorveglianza confominiale' - citofono ma sono piccolezze . Al 99% risultera' la somma dei millesimi precedenti alla unificazione.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
purchè quanto sopra dichiarato dai forumisti, le unita immobiliari dovranno essere modificate e ridotto di una unità immobiliare, ci vuole una variazione della tabella condominiale come nr. di unità, senza modificare i mm. di pp.
 

FALANT1948

Membro Attivo
Dal punto di vista catastale può unire le due abitazioni e farne una ( IMU PRIMA CASA ) Dal punto di vista condominiale deve pagare come se fossero 2 appartamenti con i relativi millesimi, 2 quote acqua e due voti all'assemblea . Se il proprietario non gli sta bene, deve , a sue spese fare le variazioni , sempre se l'assemblea acconsente. SALUTI
 

meri56

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Dal punto di vista condominiale deve pagare come se fossero 2 appartamenti con i relativi millesimi, 2 quote acqua e due voti all'assemblea . Se il proprietario non gli sta bene, deve , a sue spese fare le variazioni , sempre se l'assemblea acconsente
[/QUOTE]
Non direi. L'unico proprietario delle due unità immobiliari, ora unite, in assemblea conterà per una testa e per la somma dei millesimi delle unità. La tabella millesimale non subirà alcuna variazione, cambierà solo il numero delle teste (che sarebbe cambiato anche nel caso in cui un unico proprietario avesse mantenuto divise due unità). Per quanto riguarda l'acqua bisogna vedere come viene ripartita la spesa ma se viene ripartita in base al consumo di contatori individuali il problema non si pone.
 

FALANT1948

Membro Attivo
...si sentiva la necessità di un intervento alla "mentula canis"...su un post di 2 anni fa.
...si sentiva la necessità di un intervento alla "mentula canis"...su un post di 2 anni fa.
Non direi. L'unico proprietario delle due unità immobiliari, ora unite, in assemblea conterà per una testa e per la somma dei millesimi delle unità. La tabella millesimale non subirà alcuna variazione, cambierà solo il numero delle teste (che sarebbe cambiato anche nel caso in cui un unico proprietario avesse mantenuto divise due unità). Per quanto riguarda l'acqua bisogna vedere come viene ripartita la spesa ma se viene ripartita in base al consumo di contatori individuali il problema non si pone.
[/QUOTE]
Credo che per far ciò occorre cambiare il regolamento di condominio , spese ha carico del proprietario, per l'acqua si paga all'ACEA , fornitrice de servizio idrico una quota fissa per numero appartamenti+ consumo. deve comunque pagare la quota fissa. SALUTI
 

meri56

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Credo che per far ciò occorre cambiare il regolamento di condominio , spese ha carico del proprietario,
Credi male. A meno che tu non voglia dire che il vostro regolamento condominiale proibisce l'accorpamento di due unità immobiliari, cosa che sarebbe alquanto singolare. Per l'acqua il problema non sussiste. Si comunica all'Acea la variazione del numero delle unità immobiliari. Se l'Acea non intendesse accogliere la modifica chi ha accorpato i due appartamenti pagherà due quote fisse. Per gli altri condomini nulla cambia.
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
purchè quanto sopra dichiarato dai forumisti, le unita immobiliari dovranno essere modificate e ridotto di una unità immobiliare, ci vuole una variazione della tabella condominiale come nr. di unità, senza modificare i mm. di pp.
Aggiungo che la variazione della tabella millesimale di condominio va PAGATA DA CHI HA RESO NECESSARIA TALE VARIAZIONE.
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
La tabella millesimale non subirà alcuna variazione
Mi permetto educatamente di dissentire. La tabella millesimale andrà variata in quanto al posto di due righe ve ne dovrà apparire una. La variazione va fatta fare da un professionista abilitato, pagata da chi è stato causa della variazione, notificata all'Amministratore e notificata a tutti i condomini.
Ai rogiti notarili successivi a questa modifica va allegata la tabella modificata e non quella originaria. Quella modificata, deve essere stata modificata in modo ufficiale, facendola trascrivere.
 

FALANT1948

Membro Attivo
HA ragione , ma credo che , anche se valido l'unione catastale per avere agevolazioni prima casa, dal punto di vista condominiale non convenga spendere soldi ad un professionista , meglio rimanere cosi tanto le spese condominiali saranno all'incirca le stesse anche se fa variazioni.SALUTI
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
Non sei tu a stabilire cosa conviene o meno al Condominio.

Tu sei stato la causa della variazione della tabella millesimale, e tu devi farla redigere nuovamente da un professionista, a tue esclusive spese.

Il fatto che oggi non ti venga contestato alcunché, non ti tutela di certo per il futuro.

Non è un silenzio assenso, è un "silenzio vedremo"!

Al primo problema (esempio: contenzioso con un confinante) spunterà fuori la tabella difforme dalla realtà, e qualcuno ti chiederà di renderne conto, e soprattutto di cacciare i soldi per le rettifiche (a pagamento) del caso.
 

meri56

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Mi permetto educatamente di dissentire. La tabella millesimale andrà variata in quanto al posto di due righe ve ne dovrà apparire una.
Cioè bisognerebbe pagare un professionista per fare qualche somma? Perchè l'unica variazione si ha per le unità accorpate, mentre per le altre non cambierà nulla e i millesimi resteranno gli stessi. La legge di riforma del condominio ha definito esattamente quando si devono o possono rivedere le tabelle millesimali e l'accorpamento o il frazionamento non rientrano tra questi casi, a meno che non ci sia una ampliamento della superficie o comunque modifiche che mutino sostanzialmente il valore (per più di 1/5).
Al posto di due righe ce ne sarà una sola che porterà la somma delle due precedenti. In questo io non vedo una variazione delle tabelle millesimali.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Come faccio a leggere una risposta al quesito sottoposto
Alto