1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Melania

    Melania Nuovo Iscritto

    Desidero ricevere una risposta a questo quesito:
    ho venduto casa prima dei 5 anni, so che devo entro 1 anno acquistarne un'altra, altrimenti dovrei pagare una serie di tasse.
    Io e mio marito siamo in regime di separazione dei beni. Se acquistassi la casa di mio marito dove abitiamo attualmente, che gli ho donato qualche anno fa, potrei evitare di pagare le "tasse" o non viene considerato come "nuovo acquisto" visto che risulta di proprietà di mio marito e non siamo nè separati nè divorziati?
    Grazie mille
     
  2. airin57

    airin57 Membro Attivo

    secondo me c'e' :D le tasse sono da pagare,se invece c'è un'altra strada insegnala anche a me :domanda:
     
  3. gorgiagorgia

    gorgiagorgia Nuovo Iscritto

    SECONDO ME, SE TU ENTRO UN ANNO, RIACQUISTI UNA NUOVA ABITAZIONE NON DOVRESTI ESSERE SOGGETTA A NESSUNA PENALIZZAZIONE, ANZI POTRAI FRUIRE DEL CREDITO DI IMPOSTA PER LE IMPOSTE PAGATE AL MOMENTO DELL'ACQUISTO DELL'ABITAZIONE VENDUTA ENTRO I LIMITI DELLE TASSE DA PAGARE PER IL NUOVO ACQUISTO.
    A DUE CONDIZIONI:
    1) CHE LA CASA CHE HAI VENDUTO TU L'ABBIA ACQUISTATA A SUO TEMPO COME PRIMA CASA
    2) CHE LA CASA CHE ANDRAI AD ACQUISTARE DA TUO MARITO DIVENTI LA TUA BITAZIONE PRINCIPALE.

    TI RIPORTO DI SEGUITO UNO STRALCIO TRATTO DALLA GUIDA"ACUISTO E VENDITA PRIMA CASA" DELL'AGENZIA DELL'ENTRATE, CHE PUOI TROVARE PER INTERO SUL SITO "AGENZIA DELLE ENTRATE"


    SE SI VENDE E RIACQUISTA LA PRIMA CASA

    Chi cede l'immobile acquistato con le
    agevolazioni prima casa, ed acquista un'altra
    abitazione, non di lusso, costituente prima
    casa, può beneficiare di un credito di
    imposta alle seguenti condizioni:
    - il nuovo acquisto deve avvenire entro un
    anno dalla vendita dell'abitazione
    precedente;
    - il contribuente non deve essere decaduto
    dal beneficio prima casa;
    - se la vendita è posta in essere senza che
    siano decorsi cinque anni dal primo acquisto,
    la nuova casa deve essere adibita ad
    abitazione principale.
    Cosa fare per ottenere il credito
    Per poter beneficiare del credito di imposta,
    l'atto di acquisto della nuova abitazione
    deve espressamente contenere:
    - le dichiarazioni previste per l'applicazione
    dei benefici "prima casa" (vedi capitolo II,
    paragrafo 2);
    - l'espressa richiesta del credito di imposta
    con l'indicazione di tutti gli elementi idonei
    alla sua identificazione e determinazione.
    L'ammontare del credito
    Il credito d'imposta è pari all'imposta di
    registro o all'IVA pagata sul primo acquisto.
    In ogni caso non può essere superiore
    all'imposta di registro o all'IVA dovute sul
    nuovo acquisto.

    CIAO!
     
  4. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Per avere un quadro completo : quando hai donato la casa al marito questi ha fruito delle agevolazioni prima casa ? probabilmente si perchè avrete adottato questo "escamotage" per dare a te la possibilità di essere libera ed acquistare la casa che ora vuoi vendere avvalendoti a tua volta delle agevolazioni "prima casa"

    Se cosi' fosse per il riacquisto della casa donata ed ora abitata propendo per il si' ma mi rimane qualche dubbio che verificherei con il notaio : il dubbio nasce dal fattoc che la norma per rifruire del 4% pone quale condizione ( la formulazione non è felice):

    Nell'atto di compravendita l'acquirente deve dichiarare fra l' altro :
    -di non essere titolare neppure per quote, anche in regime di comunione legale su tutto il territorio nazionale dei diritti di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e nuda proprietà su casa di abitazione acquistata dallo stesso o ( ndr. è qui che mi nasce il dubbio) dal coniuge con le agevolazioni prima casa;

    Ripeto propendo per il si' nel senso che l'agevolazione dovrebbe spettare , ma quella infelice formulazione mi lascia "un tarlo"




    -
     
  5. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Da quanto scrivi, è evidente che ti riferisci ai benefici che avevi ottenuto quando hai acquistato la casa che hai venduto prima dei cinque anni.
    Secondo il mio parere, se acquisti la piena proprietà o una quota della casa di tuo marito con il quale sei in separazione dei beni, NON dovrai restiture i benefici ottenuti ne' pagare sanzioni. Inoltre nel caso tu ne abbia i requisiti potresti addirittura avere un credito d'imposta pari a quanto pagato con il rpimo acquisto, ma comunque non superiore a quanto dovresti pagare con il secondo. Tra i vari requisiti devi adibire la nuova abitazione ad abitazione principale (risiederci), non possedere in Italia altri immobili acquistati con i benefici (ma lo hai già venduto), non possedere nel comune dove acquisterai, un immobile per civile abitazione, neppure per quote.
    Secondo il mio parere, essendo tu e tuo marito in separazione dei beni, è come se lui in questo caso fosse un "terzo" qualsiasi.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina