mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Secondo me l'amministratore ti ha detto una stupidaggine. Se l'acqua non arriva ai piani alti il problema va risolto a livello condominiale. Anche ammettendo che arrivasse ai piani bassi, nel momento in cui tu installi un'autoclave per servire il tuo appartamento al piano alto, sottrai pressione e l'acqua ai piani bassi rischia di non arrivare più come prima. Installando un'autoclave condominiale, invece, tutti gli appartamenti avrebbero pressione sufficiente per un'erogazione ottimale. L'autoclave non costituisce un'innovazione voluttuaria o gravosa, per cui la decisione presa a maggioranza semplice dall'assemblea obbliga tutti i condomini a contribuire.
Se la maggioranza bocciasse la proposta, è possibile percorrere due strade. L'installazione di un'autoclave singola, se tecnicamente possibile e senza pregiudicare l'uso degli altri proprietari relativamente al bene comune (l'acqua), oppure il ricorso all'Autorità Giudiziaria ex art. 1105 c.c.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Quando da noi l'acqua veniva razionata, diversi anni fa, nel solo periodo estivo. Il problema si risolveva installando un serbatoio di adeguata capienza sul solaio di copertura dal quale l'acqua defluiva quando la rete pubblica interrompeva la distribuzione.
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Quando da noi l'acqua veniva razionata, diversi anni fa, nel solo periodo estivo. Il problema si risolveva installando un serbatoio di adeguata capienza sul solaio di copertura dal quale l'acqua defluiva quando la rete pubblica interrompeva la distribuzione.
Certo, perché in questo caso la pressione arrivava dal serbatoio pieno in alto sul tetto e per il principio dei vasi comunicanti. Ma non tutti i solai di copertura sono adatti a installarvi un serbatoio. Comunque anche quella è una soluzione che non può derogare dal beneplacito condominiale.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Certo, perché in questo caso la pressione arrivava dal serbatoio pieno in alto sul tetto e per il principio dei vasi comunicanti.
Generalmente era l'unico posto dove potesse essere sistemato il serbatoio in mancanza di cortile e per caduta poteva distribuire l'acqua agli immobili sottostanti. Comunque poteva anche ricevere l'acqua quando era presente in rete che poi poteva essere immessa in rete con l'autoclave.
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Generalmente era l'unico posto dove potesse essere sistemato il serbatoio in mancanza di cortile e per caduta poteva distribuire l'acqua agli immobili sottostanti. Comunque poteva anche ricevere l'acqua quando era presente in rete che poi poteva essere immessa in rete con l'autoclave.
Quello sul tetto è il più antico metodo di accumulo dell'acqua per uso domestico dell'era post-industriale. Puoi adattarlo anche a raccogliere acqua piovana e la pressione è sempre ottimale a raggiungere gli alloggi sottostanti. Vuoi mettere tirare su l'acqua dal pozzo con il secchio ? Anche in qualche film western si vede un serbatoio montato su tralicci e una pompa (manuale) che tira su l'acqua dal pozzo per spingerla nel serbatoio. Con questo sistema riuscivano anche ad avere poi anche la pressione necessaria per irrigare.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Quando ero bambino, 65 anni fa, l'acqua la si andava a prendere con le, brocche facendo la fila nei rubinetti pubblici, ubicati negli angoli delle strade principali del paese, Selargius. E noi eravamo fortunati, perché nei paesi più lontani da Cagliari, l'acqua si attingeva con il secchio dal pozzo, presente in tutte le abitazioni e poiché doveva servire per uso potabile, veniva disinfettata con la calce. Queste sono vicende che mi raccontava mio padre, anche lui geometra, uno dei primi operanti nel circondario. Poiché lui operava prevalentemente a Sestu, un paese distante circa 15 km dal nostro paese, sovente si tratteneva a pranzo dai clienti e mentre gli altri bevevano anche l'acqua del pozzo, lui si "sacrificava" e si dissetava con l'ottimo vino che si produceva. Ancora oggi il paese è nominato per la produzione vinicola. Comunque, dopo pranzo, sarà perché si dilungavano nelle discussioni o chissà perché, si trattenevano per organizzare la cena ed a notte fonda terminava la giornata lavorativa. Anch'io ho avuto modo di affrontare questa "faticosa" esperienza, che mi ha maturato come Geometra, professionista.
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
"faticosa" esperienza, che mi ha maturato come Geometra, professionista.
E' no Gianco non fare come il buon caro Nemesi che è sibillino specifica: faticosa, maturato/vino o geometra sobrio quando ci si riesce :risata::risata::risata: bei tempi che non ritorneranno più oggi c'è solo covid, guerra e speriamo che si finisce qui e non esce altro
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
@chiacchia, la fortuna ha voluto che, mio padre, geometra, prima ed io, geometra, dopo, abbiamo avuto ed ho molti clienti produttori di ottimo vino, nettare sempre presente sul mio desco.
 

Gratis per sempre!

  • > Crea Discussioni e poni quesiti
  • > Trova Consigli e Suggerimenti
  • > Elimina la Pubblicità!
  • > Informarti sulle ultime Novità

Le Ultime Discussioni

Alto