• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

alessandro1

Nuovo Iscritto
Buongiorno sto acquistando una casa e per varie problematiche inerenti la caldaia ( legna\ gasolio) ho dovuto chiamare l'idraulico, il quale mi ha detto che la caldaia non ha i requisiti per avere il certificato energetico , io devo ancora stipulare l'atto notarile mi hanno detto che senza questo documento non è possibile effettuare il rogito . volevo sapere se con la caldaia non a norma si può ugualmente rilasciare il certificato energetico
 

Jrogin

Fondatore
Membro dello Staff
Professionista
Benvenuto in Propit alessandro1. :D
Bisogna distinguere tra "dichiarazione di conformità degli impianti" e "attestazione di certificazione energetica(ACE)"
In parole povere, la dichiarazione di conformità CERTIFICA che gli impianti ai quali si riferisce rispondono alle normative vigenti.
L'ACE invece corrisponde ad una FOTOGRAFIA dell'immobile, attestando quanta energia occorre per riscaldare, raffreddare, illuminare gli ambienti e l'energia occorrente per rsicaldare l'acqua. Viene attribuita una classificazione (come per gli elettrodomestici) che va da A a G, dove A è la più efficiente e G la peggiore.
Gli atti definitivi di vendita si possono stipulare anche in assenza di tali certificati ed attestazioni (non sono quindi nulli) purchè venga indicato in atto che si occuperà di ottenerli (ad esempio può essere pattuito che il venditore li ottenga e li consegni anche dopo il rogito, oppure che ci pensi il nuovo proprietario). L'importante è PATTUIRLO. Se non pattuito diversamente sono acarico della parte venditrice.
 

paolo ferraris

Nuovo Iscritto
...una caldaia che va sia a legna che a gasolio???...è di prima della II Guerra Mondiale?....ehehehe...a parte gli scherzi...il certificato di conformità dell'impianto o cè o non cè...nel senso che o l'impianto può ancora funzionare oppure abbisogna di essere "modificato" eo reso compatibile con le norme anti-inquinamento (Ispel, prova tenuta serbatoio gasolio, valvole di sicurezza, C.P.I. ecc...) che però variano da regione a regione se non addirittura da provincia a provincia...ora per esempio da noi i controlli li fanno i COMUNI!!....dunque...per quanto riguarda il Certificato Energetico...lo potrebbero avere anche se si trattasse di una Cascina con stufe a legna...dunque...nessun problema...soprattutto se la casa la compri tenuto conto che l'impianto di riscaldamento è comunque da "rivedere"...quella è l'unica cosa che uno deve rilevare....saluti e auguri! (di Buona Pasqua)
 

marina sanna

Membro Junior
qualcuno può dirmi se è possibile che gli sfiati dell'impianto di riscaldamento condominiale a gasolio possano essere all'interno di un appartamento privato?
ci sono rischi per la salute?
nel caso non fosse regolare si possono obbligare i proprietari a spostare gli sfiati nella proprietà comune e non privata?
grazie.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Principia ha scritto sul profilo di Gianco.
Giaco ho letto che sei professionista che lavoro fai? Potrei contattarti telefonicamente se sei in tecnico?
Buongiorno,

Chiedo a questo forum una delucidazione per un contratto di affitto casa.

Sto per affittare una casa dal 21 ottobre di quest' anno, ho optato per la cedolare secca, quando e come dovrei versare la tassa del 21% ? E poi come funzioneranno i vari versamenti per l'anno prossimo?

Vi ringrazio per la risposta
Alto