• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

GIANA

Membro Attivo
Ciao a tutti.
Sono proprietaria di un'appartamento sito in condominio vecchio di 30 anni. La scadenza del contratto di locazione è 31/12/2010. Ho disdettato il contratto in data 01/06/2010. Ora sto predispondendo il nuovo contratto (3+2) con il medesimo conduttore. Mi hanno suggerito di farlo decorre dal 29/06/10 per evitare di pagare la redazione della certificazione energetica (obbligatoria in Lombardia per i contratti di locazione rinnovati a partire dal 01/07/2010).
Secondo voi, è troppo palese anticipare la data di inizio del nuovo contratto che avrei dovuto far decorrere dal 01/01/2011?
Grazie in anticipo. Rosy.
 

Ennio Alessandro Rossi

Membro dello Staff
Professionista
A parere di chi scrive non c'è problema. Pensi per convincersi che il soggetto sia un insegnante che sà che avrà la cattedra definitiva dal 1 gennaio ; costui ben potrebbe cautelarsi per tempo per disporre di un appartamento ideneo per quella data
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto