1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Giulia

    Giulia Nuovo Iscritto

    Domanda semplice ma a quanto pare non c'è una risposta univoca...

    Chi paga le spese di registrazione del preliminare?
    Voi cosa ne pensate?

    Grazie

    Julie
     
  2. wally

    wally Membro Attivo

    Per esperienza fresca (e ancora in corso) ti posso dire che il preliminare lo paga l'acquirente. All'atto del rogito, però la somma pagata per la registrazione viene "scomputata" (sic) dall'imposta di registro.
    Sicuramente ci saranno altri più esperti in grado di confermare o chiarire meglio questo aspetto, intanto questo è quello che ho imparato! :)
    Cordiali saluti
    Wally
     
  3. pantaleo

    pantaleo Nuovo Iscritto

    :fico: per diretta esperienza fresca purtroppo le spese di registrazione del preliminare le paga l"acquirente poi non so se si può recuperare la risposta te la può dare un notaio.
     
  4. mosso.geom.stefano

    mosso.geom.stefano Nuovo Iscritto

    CHIARAMENTE, ESSENDO L'ACQUIRENTE COLUI CHE SOSTIENE LE SPESE PER IL ROGITO NOTARILE, DEVE PROVVEDERE PER LE SPESE DI REGISTRAZIONE DEL PRELIMINARE. RICORDO CHE UNA PARTE DELLA CIFRA VA' A SCOMPUTO DELLE IMPOSTE PER IL ROGITO. DI QUESTA DETRAZIONE IL VENDITORE NON NE BENEFICIA.
     
  5. cristiana

    cristiana Nuovo Iscritto

    Per mia esperienza , visto che l'ho appena fatto un mese fa ,
    il mio notaio ha fatto cosi':

    l'imposta di registro e i bolli si divisi al 50% ,
    le imposte di registro x la registrazione del preliminare , sono a crico dell'acquirente e vanno in detrazione in fase di registrazione atto di acquisto.
     
  6. linda

    linda Nuovo Iscritto

    la cosa non è tanto semplice:nelle spese per la registrazione del preliminare ci sono le marche da bollo ( 1da 14.62 ogni 100 righe del contratto) e queste sono a carico dell'acquirente, lo 0.50 sulla caparra versata ( e questo viene stornato al momento dell'atto) e sono a carico dell'acquirente, per quanto riguarda i 168,00 € tassa fissa per la registrazione + 3.72 ogni copia che viene registrata queste si dovrebbero pagare a metà perchè è interesse di entrambi registrare il preliminare... poi si sa che le imprese non ci sentono proprio a spendere soldi...se si tratta di imprese..... se invece uno vuole fare il preliminare dal notaio e lo vuole trascrivere le spese dello stesso sono a carico della parte che lo richiede..... attenzione una cosa.... il primo punto che riguarda la caparra viene tassato 0.50 ma se ci dovessero essere acconti prezzo successivi questi vengono tassati il 3% e non vengono recuperati.... se poi si acquista da impresa e questa ci fa la fideiussione anche questa viene tassata del 0.50% e non recuperata.... la legge non stabilisce con chiarezza a chi vanno addebitate le spese ma impone la registrazione! ciao
     
  7. Giulia

    Giulia Nuovo Iscritto

    Grazie delle risposte, mi pare che Linda abbia capito bene la questione effettivamente verificando al notaio il prezzo del preliminare bollo e tasse di registarzione dovrebbero essere pagati da entrambe le parti (il condizionale è d'obbigo perchè spesso gli agenti si impuntano e lo fanno pagare agli acquirenti adducendo la motivazione che per prassi si fa così) mentre lo 0,5% sulla caparra lo paga l'acquirente e poi lo recupera.
    Però ho un dubbio. E vero che sul successivo acconto si paga il 3% e non vien recuperato? per successivo acconto intendo sia un acconto che mi sono impegnata a versare prima del rogito sia la restante cifra che dovrò corrispondere al rogito.

    Grazie

    Julie
     
  8. Roby

    Roby Nuovo Iscritto

    Il 3 % sull accconto prezzo viene recuperato, è praticamente l'imposta di registro che si paga allo stato e il notaio all'atto funge da sostituo d'imposta.

    Il rischio è che se l'acconto prezzo è ad es. di 80.000,00 euro e abbiamo poi in atto una rendita catastale di 70.000,00 euro ecco che abbiamo pagato di più di quello che effettivamente poi andiamo a dichiarare in atto e sui 10.000,00 di differenza il 3% è perso.
     
    A tommi piace questo elemento.
  9. arula

    arula Membro Attivo

    Confermo quanto detto da Roby, per cui è meglio registrare caparra anzichè acconto prezzo (anticipo dello 0.5% anzichè del 3%), in questo modo la spesa è sicuramente recuperata in sede di rogito (ad eccezione dei 14.62 Euro di bollo e i 168 Euro di imposta fissa che non si potranno recuperare!!).
    Agggiungo che a pagarlo è l'acquirente e che il tutto va effettuato entro venti giorni.
     
    A tommi piace questo elemento.
  10. fracalde

    fracalde Nuovo Iscritto

    Che succede sei io, riacquistando una prima casa, sono a credito per un importo maggiore di quanto dovrei pagare per l'imposta di registro? L'acconto sul preliminare devo comunque pagarlo e non posso in alcun modo scalarlo dal credito??

    Francesco
     
  11. linda

    linda Nuovo Iscritto

    via a perderlo!!!!!! :disappunto: :rabbia:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina