• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

MassimoMassai

Membro Attivo
Ciao, una domanda a cui non hanno saputo rispondermi in un'agenzia immobiliare: se acquisto oggi una nuda proprietà da un venditore di 75 anni, da tabella pago il 67,75% del valore dell'immobile, OK? Se fra cinque anni l'usufruttuario fosse sempre vivo (ne avrebbe quindi 80) e io volessi rivendere la nuda proprietà ad un terzo, la rivenderei al 78,25% del valore dell'immobile in quel momento (sempre da tabella)? Oppure potrei rivendere solo il 67,75% dell'immobile che acquisto oggi? Oppure ancora, la possibilità di vendere è subordinata al decesso dell'usufruttuario, cioè non lo potrei vendere punto e basta?
 

massaro tommaso

Nuovo Iscritto
Credo che Tu possa vendere l'usufrutto con la percentuale calcolata in base all'età e non quella riferita al momento dell'acquisto. Infatti, Hai sostenuto la spesa anni addietro e quindi il capitale invstito, di fatto si è capitalizzato appunto
 

catia

Nuovo Iscritto
La penso anch'io così bisogna valutare al momento della vendita la situazione dell'età dell'usufruttuario e il nuovo valore dell'immobile che nel frattempo può essere aumentato ma anche diminuito
 

carlo.b

Membro Attivo
Buongiorno Massimo, certo che è possibile rivendere. Il valore della nuda proprietà sarà legato al valore dell'usufrutto a quel momento e quindi all'età dell'usufruttuario, se ancora vivente. Diversamente, avrai fatto bingo e venderai la piena proprietà. Saluti.
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
la nuda proprieta e il suo valore, ammesso che trovi qualcun disposto a comprartela, è in funzione della eta dell'usufruttuario. essa aumenta sino a 100 con l'aumentare della eta dell'usufruttario 99 anni. l'ideale ( se l'usufruttuario è d'accordo),è riunire nuda proprieta e usufrutto in capo allo stesso soggetto, cosi si è contenti in due. ma se l'usufruttuario non vuole, non si fa nulla.
a me non è mai capitato che ci fosse un acquirente terzo, disponibile a comprare nuda proprieta, anche con l'usufruttuario anziano.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
L'acquisto della nuda proprietà sarebbe conveniente se l'usufruttuario è cagionevole di salute. Contrariamente se fosse in ottima forma, non solo si prenderà possesso a lungo termine, ma ovviamente anche l'immobile risentirebbe del trascorrere del tempo, necessitando delle periodiche manutenzioni. In altri termini è un gioco d'azzardo! Comunque sento sempre più spesso che la gente è interessata a questo tipo d'investimento.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto