1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. antfer30

    antfer30 Nuovo Iscritto

    Ho acquistato una casa uso ufficio ed ho scelto di accollarmi una parte del mutuo edilizio del costruttore.E' stato fatto il frazionamento del mutuo che e di tipo cumulativo.
    Quale rischio ho se l'accollato(la ditta costruttrice) fallisce e non può pagare le sue rate? Io in qualità di accollante(sono l'aquirente della casa) continuo a pagare le mie rate di mutuo frazionato e alla fine si estingue l'ipoteca sulla casa?
    Il costruttore ha chiesto il frazionamento il 16/12/2009 ed è stato fatto, ma con molta propabilità devo pagare la prima rata del mutuo frazionato dato che la banca fa passare del tempo per associare il muto a me .Oltre ad avere l'originale della ricevuta cosa devo fare per cautelarmi?
     
  2. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Premesso che c'è una contraddizione ( ...uso ufficio- ....sono acquirente della casa: Ufficio o casa uso abitativo? )
    Cio' premesso tento delle risposte

    R.1=A mio parere è stata fatta la cosa migliore (meglio se prima di comperare si avessero fatti accertamenti atti a ponderare la consistenza patrimoniale del venditore) . Se l'impresa fallisse per iniziativa di altri debitori istanti insoddisfatti (fallimento fiscale , previdenziale , fornitori o dipendenti impagati etc.,) il bene potrebbe essere oggetto di revocatoria fallimentare . Andando all'asta il ricavato prima andrebbe a soddisferebbe lo Stato e la Banca ( il privilegio di interesse pubblico prevale su ogni altro ; l' eventuale eccedenza andrebbe a soddisfare i debitori che avessero dato impulso al fallimento).
    Il rischio si limita molto se la sua è una "prima casa" e se è stato dichiarato il "giusto prezzo"
    R.2 Si'
    R.3 Non c'è bisogno di altro: la ricevuta è una prova sufficiente. Per cautela ulteriore faccia addebitare sul suo conto corrente ogni rata pagata anche se non a Lei intestata
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina