• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

A.n.n.a

Nuovo Iscritto
Conduttore
Buonasera, ho trovato una curiosa difformità nella certificazione APE dell'appartamento che ho in locazione e non riesco capire se un errore del genere può essere stata una svista o sembrerebbe fatto di proposito, e quale potrebbe essere il motivo.
L'appartamento è definito nel contratto di classe G. Certificato ACE riporta la classe F con riscaldamento autonomo, caldaia a tenuta stagna per riscaldamento e produzione di acqua calda. Nella realtà il riscaldamento è centralizzato con boiler elettrico per acqua sanitaria. Con la sigla della caldaia ho trovato la scheda tecnica in rete e si tratta di una caldaia da 279,1 kW, nel certificato è scritta la potenza di 27,9 kW. Com'è possibile sbagliare così e perché ?
 

vittorievic

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Com'è possibile sbagliare così e perché ?
chi ha fatto l'ACE non ha fatto probabilmente il sopralluogo. Si tratta di una vecchia certificazione energetica che oggi si chiama APE. Non è che la classe F è la classe che può raggiungere l'edificio se esegue i lavori consigliati.
 

A.n.n.a

Nuovo Iscritto
Conduttore
Ovviamente è APE, è del 2015. La classe F è quella dichiarata, con i lavori consigliati prevista classe E :)
 

A.n.n.a

Nuovo Iscritto
Conduttore
Ma alla fine a te cosa cambia?
Presumo che non cambi niente, visto che nel contratto è dichiarata la classe G e di fatto lo è, anzi, se esistesse la H la meriterebbe. Però mi stupiva l'errore, perché alla sigla della caldaia corrisponde un mostro da più di una tonellata.
 

vittorievic

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Presumo che non cambi niente, visto che nel contratto è dichiarata la classe G e di fatto lo è, anzi, se esistesse la H la meriterebbe.
comunque la classe energetica dichiarata nel contratto è più scadente della classe risultante dalla APE dovresti essere più contenta perché la situazione reale è meno peggio di quella dichiarata. In pratica dovresti spendere di meno del previsto per climatizzare la casa dove abiti.
 

griz

Membro Storico
Professionista
il certificatore ha preso lucciole per lanterne, la certificazione è incoerente, il fatto che la classe energetica non cambi non è rilevante, se facessi una segnalazione al catasto energetico il tecnico che ha certificato potrbbe passare un poco piacevole momento
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
comunque la classe energetica dichiarata nel contratto è più scadente della classe risultante dalla APE dovresti essere più contenta perché la situazione reale è meno peggio di quella dichiarata. In pratica dovresti spendere di meno del previsto per climatizzare la casa dove abiti.
???

Nello specifico nulla gli cambia perchè in realtà è una classe G e nel contratto di locazione per tale è indicata.

Ma se la casa nella realtà fosse in una classe inferiore rispetto a quella dichiarata nel Contratto il conduttore avrà spese di riscaldamento superiori....quindi potrebbe contestare il canone stabilito o chiedere la differenza delle spese (e non oso immaginare il ginepraio in cui ci si infila)
 

griz

Membro Storico
Professionista
Ma se la casa nella realtà fosse in una classe inferiore rispetto a quella dichiarata nel Contratto il conduttore avrà spese di riscaldamento superiori....quindi potrebbe contestare il canone stabilito o chiedere la differenza delle spese (e non oso immaginare il ginepraio in cui ci si infila)
inferiore alla G è difficile
 

vittorievic

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Ma se la casa nella realtà fosse in una classe inferiore rispetto a quella dichiarata nel Contratto il conduttore avrà spese di riscaldamento superiori....quindi potrebbe contestare il canone stabilito o chiedere la differenza delle spese
scusa ma in sostanza avevo scritto la stessa cosa.
La classificazione della ACE/APE è espressa in modo inversamente crescente rispetto alla successione delle lettere dell'alfabeto romano: la classe A è la migliore, la classe G è la peggiore.
Quindi indicando nel contratto la classe energetica G il venditore ha di sua spontanea volontà indicato la classe peggiore, cosa che alcuni notai, per un certo periodo, hanno avallato per aggirare il "balzello" della ACE (mentre il loro non è un "balzello"), solo l'intervento del Governo Europeo ha bloccato questa elusione normativa.
Nei primi tempi dell'ACE io avrò fatto una quarantina di ACE per conti di Studi Professionali con cui ho contatti lavorativi, poi ho smesso perché si era diffusa rapidamente una situazione di "dumping" alla quale, data la mia età, non ho voluto partecipare. Tuttavia di questa esperienza una cosa mi ha lasciato perplesso: delle certificazioni fatte un solo appartamento in classe E e due appartamenti in classe F, tutti gli altri in classe G. Ma la cosa che mi lasciava perplesso era il fatto che inserendo gli interventi suggeriti dal programma, l'appartamento non riusciva a raggiungere le prestazioni energetiche di legge previste dal programma medesimo per quel tipo di appartamento.
il certificatore ha preso lucciole per lanterne, l
non credo proprio il certificatore dovrebbe avere un programma abilitato per la determinazione della classe energetica degli edifici/appartamenti. Chi ha sbagliato è il proprietario di casa.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
scusa ma in sostanza avevo scritto la stessa cosa.
Non voglio sembrare uno spaccaspilli ...ma il letterale della frase che avevo riportato lascia intendere l'opposto.
dovresti essere più contenta perché la situazione reale è meno peggio di quella dichiarata
Hanno certificato F ed in realtà è G...quindi G è peggio di F.

Quindi indicando nel contratto la classe energetica G il venditore ha di sua spontanea volontà indicato la classe peggiore, cosa che alcuni notai, per un certo periodo, hanno avallato per aggirare il "balzello" della ACE (mentre il loro non è un "balzello"), solo l'intervento del Governo Europeo ha bloccato questa elusione normativa.
Che come tante normative europee è stata redatta da un "beota".
Quale lo scopo di fare una "certificazione": avere la certezza che non mi venga conseganta una cosa che in realtà non corrisponde a quanto promesso.
Ma se io ti "prometto" la peggiore qualità...devo essere perseguito?
Va perseguita la pubblicità ingannevole che vuol venderti a prezzo più caro sulla supposta maggior qualità.

1-Tuttavia di questa esperienza una cosa mi ha lasciato perplesso: delle certificazioni fatte un solo appartamento in classe E e due appartamenti in classe F, tutti gli altri in classe G.
2-Ma la cosa che mi lasciava perplesso era il fatto che inserendo gli interventi suggeriti dal programma, l'appartamento non riusciva a raggiungere le prestazioni energetiche di legge previste dal programma medesimo per quel tipo di appartamento.
1-Se ti dico cosa penso ...quantomeno mi bannano a vita.
Ti cito un'altro episodio (riferitomi): esercitazione presso Associazione (Ingegneri) per l'uso di un programma (quindi per tutti lo stesso software). Calcolo indice di "prestazione" di un edificio (quindi dati identici per tutti)...risultato: 9 risultati diversi su 10 partecipanti.
2-Un software è l'espressione del "ragionamento" del suo sviluppatore...bisognerebbe prima "testare" se lo sviluppatore abbia le giuste sinapsi.
A volte basta trascurare un solo dato per invalidare tutto il calcolo.
 

griz

Membro Storico
Professionista
non credo proprio il certificatore dovrebbe avere un programma abilitato per la determinazione della classe energetica degli edifici/appartamenti. Chi ha sbagliato è il proprietario di casa.
scrivi di avere fatto cerificazioni, sembra che il certificatore in oggetto abbia dichiarato un appartamento termoautonomo quando l'immobile ha riscaldamento centralizzato, questa è una mancanza importante, significa una certa superficialità del rilievo e confusione fuori da ogni logica, il programma riceve i dati che inserisci, non viene a vedere
 

vittorievic

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Hanno certificato F ed in realtà è G...quindi G è peggio di F.
non vorrei fare a gara a spaccare i capelli ma la postante ha scritto:
L'appartamento è definito nel contratto di classe G. Certificato ACE riporta la classe F
quindi l'ACE che è una certificazione ufficiale riporta classe F che è migliore della classe G dichiarata dal proprietario sul contratto. Quindi la mia frase
dovresti essere più contenta perché la situazione reale è meno peggio di quella dichiarata.
è congrua. La classe dichiarata nel contratto è G ed è peggio della situazione reale (che risulta dallo studio) che è F.
Hanno certificato F ed in realtà è G...quindi G è peggio di F.
cioè secondo te le dichiarazioni del proprietario hanno più valenza della classificazione di un tecnico? Va bene che con i tecnici che ci sono in giro adesso tutto è possibile: però..
scrivi di avere fatto cerificazioni, sembra che il certificatore in oggetto abbia dichiarato un appartamento termoautonomo quando l'immobile ha riscaldamento centralizzato, questa è una mancanza importante, significa una certa superficialità del rilievo e confusione fuori da ogni logica
infatti ai rilievi della postante avevo già scritto che il certificatore non era andato a fare il sopralluogo.
chi ha fatto l'ACE non ha fatto probabilmente il sopralluogo.
D'altro canto con la politica di dumping messa in atto da alcuni professionisti, certificazioni fatte a 80 €, era chiaro che queste persone facevano la certificazione da casa: chiedevano la planimetrie ed alcuni dati che se non erano forniti venivano messi in base alle proprie esperienze; poi il 90% degli appartamenti era in classe G.
Il fatto è che c'é gente vende case per 150.000 € e se gli chiedi 200 € per una certificazione sembra che gli togli il pane di bocca ai figli.
 

vittorievic

Membro Assiduo
Proprietario Casa
scrivi di avere fatto cerificazioni,
eh mio caro io sono stato uno di quelli che andava a fare il sopralluogo, misurava le dimensioni delle finestre, controllava lo spessore dei muri perimetrali (che molte volte non erano dello spessore rappresentato sulla planimetria catastale), che controllava l'orientamento dell'appartamento (il 70% degli orientamenti messi sul catastale sono sbagliati e non di poco, nel senso che indicano il Nord dove c'é l' Ovest); che chiedeva dati sull'epoca di costruzione dell'edificio e sulla caldaia ottenendo risposte dal proprietario del tipo "lo chieda all'amministratore" e dall'amministratore "ma sarà degli anni....." e "la caldaia è, mi sembra una..... e mi dicevano la marca" . ed io avrei dovuto fare tutto questo per 80,00 €? Adesso la situazione sarà cambiata visto il numero di certificazioni energetiche che bisogna fare e gli amministratori si saranno attrezzati per rispondere compitamente.
Infine nel formulario della certificazione c'era una casella con scritto: "responsabilità dei dati forniti:" io ci mettevo o il nome del proprietario o il nome dell'amministratore.
 
Ultima modifica:

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
quindi l'ACE che è una certificazione ufficiale riporta classe F che è migliore
TSK TSK...ma non ti accordi ella confusione: è il Certificato ad essere palesemente fasullo:

Certificato ACE riporta la classe F con riscaldamento autonomo, caldaia a tenuta stagna per riscaldamento e produzione di acqua calda. Nella realtà il riscaldamento è centralizzato con boiler elettrico per acqua sanitaria.
Come puoi dare credito ad un Certificato che contiene una errore madornale come quello sulla tipologia di riscaldamento e di caldaia/e?

Quindi giocofacile che la realtà sia quella contrattuale G (anzi @A.n.n.a assegnerebbe pure H)...e l'utopia quella F assegnata.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Io ipotizzerei anche che quella APE non sia relativa alla u.i. oggetto della locazione:
E se così fosse, i casi diventerebbero due:
- Il certificatore ha preso lucciole per lanterne, e come soggerisce Griz, a fronte di un esposto potrebbe passare un "poco piacevole momento"
- l'APE consegnata in sede di contratto non è relativa alla u.i. oggetto della locazione, e tempo potrebbe essere invalidato il contratto stesso: qui non so esprimermi visto che nonostante leggi, decreti e note di prassi, alla fine si distingue tra aspetto fiscale ed aspetto civilistico: ma una cosa è certa: senza quella frasetta relativa alla APE la Agenzia delle Entrate non registrerebbe il contratto.
 

griz

Membro Storico
Professionista
eh mio caro io sono stato uno di quelli che andava a fare il sopralluogo, misurava le dimensioni delle finestre, controllava lo spessore dei muri perimetrali (che molte volte non erano dello spessore rappresentato sulla planimetria catastale)
siccome so che sei una persona seria,ho esordito così :) io sostengo che il certificatore ha fatto quello che ha fatto per leggerezza o incompetenza producendo una certificazione incoerente e tu sembravi difenderlo...
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Nessuna norma prevede tale rifiuto alla registrazione.
Sappiamo che sei ... più realista del Re, ... ma non facevo questione di norme al riguardo.

Mi riferivo a due fatti:

1) Che molti uffici, in mancanza di quella clausola , non registravano (poi con la reg. telematica la cosa si è risolta ... automaticamente. Che fosse un atteggiamento arbitrario, lo dimostra la tua risposta: ma tant'è. La norma non brillava di chiarezza.
2) La cosa è stata oggetto di dubbi, che hanno ai tempi partorito la Risoluzione 83 del 2013 che allego: riguardava anche il trattamento della Ape nei confronti della imposta di registro, ma cita anche tutte le perplessità che il dettato della 192 lasciava intendere:

In particolare, l’articolo 6 del D. Lgs. n. 192 del 2005 prevede, al comma 3, che “Nei contratti di vendita, negli atti di trasferimento di immobili a titolo gratuito o nei nuovi contratti di locazione di edifici o di singole unità immobiliari è inserita apposita clausola con la quale l’acquirente o il conduttore danno atto di aver ricevuto le informazioni e la documentazione, comprensiva dell’attestato, in ordine alla attestazione della prestazione energetica degli edifici”.

Il successivo comma 3-bis dell’articolo 6 stabilisce, inoltre, che “L’attestato di prestazione energetica deve essere allegato al contratto di vendita, agli atti di trasferimento di immobili a titolo gratuito o ai nuovi contratti di locazione, pena la nullità degli stessi contratti”.


Al riguardo, anche la nullità del contratto mi pare sia poi stata successivamente ridimensionata.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Affitto immobile a stranieri ed occupato da più persone
Ho affittato un appartamento ad un ragazzo extracomunitario con regolare contratto registrato, ma ho saputo che adesso in quell'appartamento ci vivono anche altri due ragazzi non parenti tra di loro anch'essi extracomunitari, volevo sapere se hanno diritto a viverci e se ho delle responsabilità e sopratutto corro il rischio di essere denunciato dai miei vicini?
Alto