• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

griz

Membro Storico
Professionista
Non sono d'accordo. Inizialmente perché se si è in presenza di una deroga al regolamento edilizio, autorizzata dal proprietario confinante, regolarmente prodotta all'ufficio tecnico comunale. Nel subentro il nuovo proprietario deve rispettare gli accordi e/o vincoli contratti dall'ex proprietario.
permangono dei dubbi che poi è la ragione per la quale normalmente i comuni non accettano patti tra privati per derogare alle norme, secondo me un nuovo proprietario potrebbe impugnare la cosa e far rispettare le distanze previste. Si potrebbe stipulare un atto e costituire una servitù ma anche qui non mi quadra
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Più volte ho ottenuto la deroga perché il confinante aveva sottoscritto un accordo privato per garantire la distanza fra i fabbricati, riducendo la semi distanza dell'uno a discapito dell'altro. Tale scrittura privata è stata depositata nella pratica edilizia di chi chiedeva di ridurre la sua distanza di rispetto per problemi tecnici.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto