1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. frosanna

    frosanna Membro Junior

    Buon giorno a tutti !

    qualcuno sa rispondere al mio quesito? Un'erede non acconsente alla vendita di una parte dell'eredità(una casa fatiscente).
    Vorrei sapere se gli altri quattro eredi possono vendere senza il suo consenso e se, in caso negativo, possono salvaguardarsi dai danni che eventualmente ci sarebbero (l'immobile è cadente) citando per mancata vendita l'erede refrattaria.Ringrazio chi vorrà consigliarmi per uscire fuori da questa situazione.
     
  2. oliveri tomaso

    oliveri tomaso Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Potete vendere vostri 4/5 mandando una raccomandata alla coerede con il prezzo di vendita per una sua prelazione sull'acquisto , esssendo pericolante potete solo chiedergli le spese per la messa in sicurezza non per i danni causati da una mancata vendita dato che voi potete vendere la vostra parte di proprieta .
     
  3. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    senza il consenso di tutti non potete vendere. dovete però far mettere in sicurezza l'immobile perchè, se qualcuno ci passa sotto e si fa male i danni li chiede a tutti e tutti rispondete in solido dato che a chi subisce un danno nulla interessa delle vostre beghe interne. in alternativa chiedete la divisione del bene al giudice o se vale poco donatelo a chi non vuole vendere. non ci guadagnerete nulla ma almeno non avrete problemi futuri.
     
  4. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Concordo con oliveri,
    il coerede ha un diritto di prelazione e nulla più, quindi se trovate un acquirente e vi accordate sul prezzo, il coerede che non vuole vendere o acquista il restante o rimane comproprietario con chi acquista (avete trovato qualcuno che spende soldi e non sarà proprietario al 100%?).
    Se non trovate l'acquirente non potete far altro che rivolgervi al giudice,il quale vista l'impossibilità di dividere il bene predisporrà tramite un notaio la vendita all'asta e divisione del ricavato (ma non è detto che si trovi comunque un compratore . . . ).
    La donazione è percorribile solo con l'accettazione del beneficiario, si potrebbe prendere in considerazione, se l'eredità è composta dal solo bene e che il suo valore sia trascurabile di non accettare l'eredità.
    Luigi
     
    A cristina27 piace questo elemento.
  5. frosanna

    frosanna Membro Junior

    Grazie, chiarisco che questo immobile fa parte di un asse ereditario difficilmente divisibile in parti uguali e che le restanti parti interessano a due eredi che firmerebbero il consenso allla vendita dell'immobile fatiscente solo in cambio di cessione a loro delle parti rimanenti. Si fanno quindi forti del fatto che non si puo fare la vendita senza il consenso di tutti. Vorremmo evitare il ricorso al giudice e in qualche modo procedere alla vendita senza il loro consenso. Grazie.
     
  6. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    allora la risposta è semplice non si può. dell resto a te piacerebbe scoprire che senza il tuo consenso qualcuno ha venduto qualcosa di tuo?
     
  7. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ti contraddico, la vendita della propria parte è possibile previa offerta agli altri coeredi, se questi non accettano siete liberi di vendere a chiunque.
    Luigi
     
  8. Eccher Domenico

    Eccher Domenico Nuovo Iscritto

    Beni pervenuti in proprietà a più soggetti a seguito di successione ereditaria seguono un particolare iter. Chi fra loro vuole alienare/acquisire il bene deve rispettqre il diritto di prelazione all'acquisto degli altri coeredi, mediante comunicazione con Raccomandata AR e con chiara indicazione della richiesta/offerta. Trascorsi 60 giorni senza risposta ci si può rivolgere a terzi. Trattandosi di quote indivise non sarà facile riunire la proprietà all'intero. Ove nessuno voglia acquisire occorre rivolgersi al Tribunale. Il Giudice convocherà un CTU per la valutazione dell'immobile che verrà offerto all'asta. Conclusione: i beni indivisi rappresentano spesso una gran perdita di tempo e denaro per gli eredi in disaccordo. Morale: cercate di mettervi d'accordo con le buone
     
    A romrub piace questo elemento.
  9. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    mah, io ho capito che vogliono vendere tutto il bene non la singola quota. è ovvio che questo possibile. a patto che si trovi un compratore. il che mi sembra difficile.
     
  10. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Uno può vendere solo la propria parte e ricevere in cambio il corrispettivo per la propria quota, quindi se voglio disfarmi di un bene posseduto solo in parte vendo quella e non sto a guardare se anche le altre parti verranno vendute (naturalmente vedo difficile trovare un compratore).
    Luigi
     
  11. uragano

    uragano Membro Attivo

    Professionista
    mi raccomando se trovi l'acquirente al rogito devi denunciare il costo che vendi ed e' stato rifiutato agli altri eredi.altrimenti rischi che vada tutto a monte.
     
  12. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Concordo in pieno con 1giggi1 e Domenico Eccher. O trovate un accordo comune sulla vendita, oppure la strada da percorrere è solo quella che porta verso un'asta giudiziaria. In quel caso, verificando il perito l'indivisibilità del bene e lo stato in cui si trova, è probabile che il giudice faccia mettere all'asta l'intero immobile e non le singole quote.

    Aggiungo. Per evitare problemi in tema di responsabilità civile, in attesa di avviare eventuali lavori, ove occorrano, per la messa in sicurezza della casa, vi suggerisco di attivare una polizza assicurativa che vi tuteli da eventuali danni a terzi.
     
  13. picia

    picia Nuovo Iscritto

    io se fossi te andrei dai vigili del fuoco i quali verificano se esiste pericolo, in caso affermativo,con la loro perizia puoi andare all'ufficio urbanistica del comune dove è ubicata la casa. Il comune la dichiara inagibile e ordina n.b. ordina! ai proprietari di metterla in sicurezza. Le conseguenze sono che intanto i tuoi coeredi devono sborsare dei bei soldini, invece di incassare.Un ulteriore passo potrebbe essere, una volta messo in sicurezza, andarci ad abitare. Che ti facciano lo sfratto. Visto che sei legato a loro li obblighi a prendere una serie di decisioni tutte antipatiche per loro.
     
  14. aleisa

    aleisa Membro Ordinario

    e se tutti i coeredi firmano il compromesso e l'aspirante acquirente si fa dare il mutuo e il giorno del rogito uno solo ci ripensa?che si fa?chi tutela l'acquirente che ormai ha i soldi del mutuo e ha disdetto contratto di affitto dove attualmente abita?e'il mio caso!!!aiuto!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina