1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. gigi10

    gigi10 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buongiorno,

    volevo chiedervi un parere: un terreno con un po’ di pendenza e’ separato da un immobile da un fosso che serve a fare defluire l’acqua verso un canale vicino in caso di pioggia.

    L’amministratore dell’immobile ha segnalato che, a parere degli abitanti dell’immobile, la manutenzione di questo fosso non viene fatta bene dal gestore del terreno (un agricoltore che ha il terreno in affitto), e quindi si rischia un esondazione verso l’immobile in caso di piogge.

    Volevo chiedervi se sapete le regole da applicare in questi casi.

    Mi verrebbe da dire che la manutenzione del fosso sia responsabilità comune dei due confinanti (anche se poi di fatto la fa, forse non benissimo, uno solo). E’ corretto?

    L’amministratore mi ha citato l’art 913 del codice civile e seguenti, ma mi sembra che si parli di altro


    Cosa ne dite?

    Grazie a tutti
     
  2. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Quale dei due manufatti esisteva per primo, il fosso o l'edificio?
    A che diatanza è l'edificio dal confine ed in che zona è del piano regolatore?
    Il fosso è sul confine delle proprietà o dove?
     
  3. gigi10

    gigi10 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie, aggiungo qualche dettaglio: circa 5 anni fa il terreno e' stato diviso in due per costruire l'immobile, il costruttore dell'immobile ha quindi scavato il fosso di protezione e confine.
    Al momento posso solo ritenere che segua il confine, ma non posso esserne sicuro al 100%, non c'e' stato nessun accordo di servitù e quindi credo che il fosso non possa essere stato costruito all'interno del terreno.
    Per il piano regolatore, non so bene cosi intendi, l'edifico e' stato costruito ai margini dell'area edificabile e oltre c'e' terreno a destinazione agricola.
    Spero di avere risposto
    Saluti
     
  4. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Di solito i fossi segnano i confini (al centro) e appartenendo in ugual misura ai confinanti la loro manutenzione spetta ad entrambi.

    La questione può essere chiarita solo dall'esame degli atti e delle planimetrie...chiedi ad un professionista in loco.

    L'esondazione da "forti" piogge non è colpa attribuibile al confinante.

    Al limite che i proprietari dell'edificio si costruiscano un muro di contenimento.
     
  5. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Se il fosso è stato realizzato di comune accordo tra costruttore e altro proprietario ed è sul confine allora la sua manutenzione è a carico di entrambi e/o loro aventi causa.
    Invece se il fosso non è nel confine ma all'interno della proprietà dell'edificio questo è a totale carico degli aventi causa proprietari dell'edificio, in quote condominiali.
    Quindi elemento importnte è sapere se il fosso è al confine, modalita, accordi e/o atti della sua costituzione.
     
  6. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    il fosso è stato scavato dal costruttore. In base a queli accordi è stato operato? è una servitù concordata?
    comunque imputare il danno di allagamento ad un terreno naturalmnete soprastante, lo trovo improponibile, il fosso è a garanzia del condominio, le mauntenzioni a logica devono essere a loro carico
     
  7. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    La scolina è stata realizzata dal costruttore per raccogliere e smaltire le acque meteoriche, evitando che si formassero dei pantani sul terreno da edificare. Bene avrebbe fatto ad ubicarlo sul confine. Comunque la sua manutenzione deve essere eseguita da chi ne usufruisce. Il principio è che le acque piovane devono seguire il deflusso naturale, eventualmente incanalandole senza danneggiare altre proprietà. Aggiungo che se un terreno viene recintato con muratura, l'acqua non può essere deviata, ma si deve fare un varco alla base del muro per proseguire sul suo percorso a meno che non si concordino delle opere idrauliche, tipo drenaggio o condotta fognaria.
     
  8. gigi10

    gigi10 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie a tutti per l'aiuto.
    Saluti
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina