• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

MarcoG88

Nuovo Iscritto
#1
Buona sera a tutti,
scrivo per chiedere consiglio ai più esperti in campo su un problema in fase di acquisto appartamento; spiego in breve la situazione:
sto acquistando un appartamento composto da 5 vani; inizialmente l'appartamento era solo composto da 4 vani e in seguito è stato creato il quinto vano ampliando e sfruttando una terrazza.
In fase di Firma del preliminare, ci viene comunicato (inaspettatamente), che il quinto vano è intestato al marito e non alla moglie come gli altri 4 vani.
Siamo ora a chiedere a voi come comportarci e qualche consiglio su che controlli vanno fatti per vedere se è tutto apposto in ambito di agibilità, permessi catastali e comunicali.
L'agenzia immobiliare dice che sarebbe giusto che noi pagassimo le spese inerenti all'unione catastale e che abbiamo tempo 1 anno dalla Firma del rogito, dato che i venditori si sono presi carico di dividere gli spazi comuni in passato spendendo già soldi (secondo l'agenzia e i venditori si tratta solo di più o meno 500€ per questa unione).
Vi ringrazio per le risposte.
 

Gianco

Membro Storico
#2
La situazione è piuttosto anomala. L'immobile deve essere regolarizzato a cura e spese dei venditori. Loro dovranno provvedere a regolarizzare la documentazione urbanistica e catastale, per essendo possibile che il vano sia di proprietà di persona differente del resto dell'immobile. Evidentemente all'atto dovranno partecipare entrambi e solo in tal caso, una volta acquistate le due porzioni tu potrai provvedere alla loro fusione.
 

MarcoG88

Nuovo Iscritto
#3
Si è abbastanza anomala come situazione che pensiamo che ci sia sotto qualche inadempimento burocratico.
Quindi conviene che sistemino assolutamente loro la situazione facendo una fusione catastale perpoi andare a fare il rogito
 

Franci63

Membro Assiduo
#4
L'agenzia immobiliare dice che sarebbe giusto che noi pagassimo le spese inerenti all'unione catastale
L’agenzia sbaglia, se avete fatto una proposta per un immobile di 5 vani, che è stata accettata.
Il o i venditori devono vendervi quanto promesso, in regola con il catasto e soprattutto con le licenze edilizie.
Che il costo di questa regolarizzazione sia alto o basso non vi deve importare: se vi hanno promesso in vendita un immobile di 5 vani, così deve essere al rogito, a spese di chi vende.
Come era la proposta, e , soprattutto come è descritto l’immobile nel preliminare ?
Chi ha firmato il preliminare ?
 

Gianco

Membro Storico
#5
Potrebbe trattarsi di un immobile formato da uno minoro con aggiunta di una stanza ricavata dall'unità a fianco intestata ad un'altra persona. Pertanto entrambi vendono le due porzioni, dopo avere ottenuta l'autorizzazione edilizia e l'acquirente provvederà a fare la fusioni poiché assommerà a suo nome le due parti sia urbanisticamente che catastalmente. Il consiglio è che questa operazione sia consentita urbanisticamente.
 

MarcoG88

Nuovo Iscritto
#6
Il preliminare è stato firmato da tutti in quanto il quinto vano è intestato al marito e anzi c'è anche la mamma del marito in quanto lei ha diritto di usufrutto ma firmerà solo al rogito.
Nel preliminare comunque ci sono tutte le visure passate in quanto ci sono cessioni e rinuncia di eredità.
 

Gianco

Membro Storico
#7
Attualmente sono porzioni di u.i.u. di fatto unite, ciascuna intestata a ditta differente.
Una volta acquistato, dopo avere verificato la regolarità urbanistica, potrai provvedere alla fusione.
 

MarcoG88

Nuovo Iscritto
#8
Ma in fase di rogito dovrò pagare 2 volte il notaio a questo punto o sbaglio?!??! Seconda cosa, quanto può costare la fusione catastale?!?! E se poi non c'è regolarotà urbanistica?!!?
 

Franci63

Membro Assiduo
#13
Devi pretendere dai venditori i documenti che attestano la regolarità edilizia di quanto promesso in vendita.
Poi sarebbe meglio che un tecnico da te incaricato verificasse se i documenti forniti sono sufficienti, o invece è necessario approfondire.
Il rischio è che la satanza in più sia abusiva, il catasto non fa testo.


Ti ripeto la domanda :
Come è descritto l’immobile nel preliminare che hai firmato ?
 
#14
Devo controllare bene il preliminare che mi invierà l'agenzia...ma comunque è descritto come 2 stanze da letto, cucina con sala da pranzo, ingresso con soggiorno e bagno, 3 posti auto e una cantina scoperta...appena ho il preliminare in mano comunque andrò e farò i controlli
 
#16
Non ho la copia in quanto deve registrarlo e poi mi da copia effettiva del tutto...ma ieri gli ho detto di mandarmela comunque in quanto dovevo effettuare dei controlli...ho fatto un ca.....????
 
#17
Cantina scoperta Boh, cerca di intervenire sul problema prima che venga registrata altrimenti crei delle spese inutili, devi insistere con l'agenzia di chiarirti il tutto
 

Gianco

Membro Storico
#19
La verifica la puoi fare relativamente in tempi brevi. Devi fare richiesta di accesso agli atti all'ufficio tecnico comunale per visionare le pratiche edilizie dell'immobile in questione fornendo siai nomi dei proprietari che l'indirizzo civico o i dati catastali.
Certo che è strano che firmi un documento e l'agenzia non te ne fornisca immediatamente copia. Ancor più strano è che tu non l'abbia richiesta.
Comunque, per l'atto senti un notaio, mentre per la fusione catastale la spesa è sull'ordine di 50 € di diritti e circa 200 di parcella professionale.
 
#20
Sempre che il tutto sia fattibile, l'ampliamento di una terrazza a locale residenziale? su una proprietà di altra persona la vedo dura
Dovrebbero prima i venditori fare le dovute modifiche riguardo agli intestari e dopo la modifica procedere a modifica urbanistica dell’unità così ottenuta e dopo il Catasto.
È un opera che richiede una SCA in quanto costituisci una nuova unità immobiliare e fai opere edili che vanno a modificarla!
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve,dal 20 settembre 2017 sono venuto ad abitare con una famiglia a cui ho prestato la mia opera di badante per un loro cugino gravemente ammalato, che è deceduto dopo un mese,la famiglia di sua spontanea volontà mi fece la proposta di rimanere a vivere con loro fin quando non avrei trovato un'altra lavoro ma non mi avrebbero pagato per dare una mano in casa,mi dovevo accontentare di vitto e alloggio
moralista ha scritto sul profilo di luciano155.
ma non c'è neanche il profilo di luciano155
tanti auguri a tutti buone feste e tante belle cose lella
anche x marinarita grazie della comprensione ...comunque c'e' legge nuova x tutelare proprietari case ….noi alla fine da 1 giugno 2013 a 7 luglio 2017 mai pagato affitto 4 anni piu' spese tribunale avvocati tasse ...ecc. se pagava onestamente l'affitto tutti i mesi non sarebbe in questa situazione le lasciano meta' stipendio….tanti anni ...non so se ne valeva la pena non pagare l'affitto ….giustizia e' fatta
x uva ---finalmente finita con sentenza tribunale milano dato che la nostra inquilina aveva fatto 2 finanziarie …???? il 29 novmbre tribunale milano ci ha messo primi creditori sul quinto dello stipendio ...tutto specificato debiti avvocato 4 anni affitto mai pagato ….la tipa si e' presentata urlando ...la giudice ci ha inserito primi creditori prenderemo tutto da subito con quinto dello stipendo .finita bene kiss
Alto