• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Aretusa65

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Ho affittato un appartamento ad un ragazzo extracomunitario con regolare contratto registrato, ma ho saputo che adesso in quell'appartamento ci vivono anche altri due ragazzi non imparenti tra di loro anch'essi extracomunitari, volevo sapere se hanno diritto a viverci e se ho delle responsabilità e sopratutto se corro il rischio di essere denunciato dai miei vicini?
 

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa
Può ospitarli. Denunce a te non credo, a loro se commettono cose illegali, si. Se ha un contratto regolare tu sei a posto, è libero di ospitare dei suoi amici. Se i vicini hanno problemi con lui, che si rivolgano a lui appunto
 

Aretusa65

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Può ospitarli. Denunce a te non credo, a loro se commettono cose illegali, si. Se ha un contratto regolare tu sei a posto, è libero di ospitare dei suoi amici. Se i vicini hanno problemi con lui, che si rivolgano a lui appunto
Quindi se questi ragazzi dovessero poi risultare senza permesso di soggiorno non è mia responsabilità?
 

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
ci vivono anche altri due ragazzi non imparenti tra di loro anch'essi extracomunitari,
E' onere dell'inquilino presentare la denuncia di ospitalità a cittadini extracomunitari:
Ospitalità a cittadini extracomunitari: adempimenti per i privati che, a qualsiasi titolo, forniscono alloggio | Polizia di Stato

Quando tu hai stipulato il contratto con il tuo inquilino extracomunitario avresti dovuto, oltre a registrare il contratto all'Agenzia delle Entrate, presentare la comunicazione di cessione fabbricato:
Cessione di fabbricato | Polizia di Stato
Se l'hai fatto sei in regola.

Quanto alla possibilità di ospitare persone estranee al contratto di locazione, tu non puoi impedirlo.
Rimane però il limite della superficie dell'immobile rapportato al numero di persone che lo occupano, stabilito dalle norme urbanistiche del Comune.
Se si tratta di un appartamento posto in un Condominio è opportuno avvisare l'Amministratore che gestisce il registro anagrafe condominiale.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Quanto alla possibilità di ospitare persone estranee al contratto di locazione, tu non puoi impedirlo.
Neanche mettendo una clausola che vieta il subaffitto e il fornire ospitalità a terze persone, o comunque persone non indicate sul contratto di locazione?
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Neanche mettendo una clausola che vieta il subaffitto
L'art. 1594, comma 1 c.c. recita:
Il conduttore, salvo patto contrario, ha facoltà di sublocare la cosa locatagli, ma non può cedere il contratto senza il consenso del locatore.
E l'art. 2 della legge n. 392/1978 recita:
Il conduttore non può sublocare totalmente l'immobile, né può cedere ad altri il contratto senza il consenso del locatore.
Salvo patto contrario il conduttore ha la facoltà di sublocare parzialmente l'immobile, previa comunicazione al locatore con lettera raccomandata che indichi la persona del subconduttore, la durata del contratto ed i vani sublocati.

Quindi se le parti della originaria locazione non hanno espressamente convenuto un divieto di sublocazione, il conduttore può sublocare una parte di immobile.
Se intende concedere in sublocazione l’intero appartamento deve ottenere il consenso del locatore.
Diversamente, può sempre sublocare una parte dell’immobile locato e, in assenza di previo patto contrario, il locatore non può validamente opporsi. Il conduttore in questo caso ha semplicemente l’onere di comunicare al locatore con lettera raccomandata la persona del sublocatore, la durata della sublocazione e i vani locati.
e il fornire ospitalità a terze persone, o comunque persone non indicate sul contratto di locazione?
La clausola che imponga il divieto di ospitalità sarebbe nulla. Come più volte già scritto in questo forum.
 
Ultima modifica:

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Quindi se le parti della originaria locazione non hanno espressamente convenuto un divieto di sublocazione, il conduttore può sublocare una parte di immobile.
Se intende concedere in sublocazione l’intero appartamento deve ottenere il consenso del locatore.
OK, grazie per il chiarimento.
Quindi evidentemente nella fattispecie non è stata vietata la sublocazione nel contratto di affitto...
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
nella fattispecie non è stata vietata la sublocazione nel contratto di affitto...
Questo non lo sappiamo perché @Aretusa65 non l'ha specificato.
Ma siccome ora chiede se gli estranei hanno diritto di abitare in quella casa, mi viene da pensare che quando ha stipulato il contratto col ragazzo extracomunitario ha vietato sublocazione e comodato (come si fa in genere).

Purtroppo il divieto di sublocazione è facile da aggirare: l'inquilino che subaffitta in nero (senza un contratto di sublocazione scritto e registrato, e incassando in contanti) può sostenere che gli "estranei" sono suoi amici ospitati gratuitamente. E il locatore non ha modo di dimostrare il contrario.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Purtroppo il divieto di sublocazione è facile da aggirare: l'inquilino che subaffitta in nero (senza un contratto di sublocazione scritto e registrato, e incassando in contanti) può sostenere che gli "estranei" sono suoi amici ospitati gratuitamente. E il locatore non ha modo di dimostrare il contrario.
SICURAMENTE la sublocazione è in nero, l'inquilino non è mica così stupido.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

Elisabetta48

Membro Senior
Problemi suoi finché ti paga l'affitto
Non è così semplice. Se questa coabitazione si prolunga nel tempo, come suggerito da @uva va avvisato l'amministratore anche perchè ci sono spese condominiali legate al numero di occupanti degli appartamenti. Se nell'appartamento per esempio non c'è un contabilizzatore individuale per l'acqua, questa è calcolata sul numero di persone. Ho visto scatenarsi una rivolta: in un appartamento l'acqua era calcolata sulle due persone dichiarate mentre erano comparsi 8 nomi sulla cassetta delle lettere. Lì sono stati i vari condomini a segnalare la cosa all'amministratore. Se il proprietario lo sa, penso debba farlo lui.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Se il proprietario lo sa,
Spesso il proprietario lo viene a sapere da altri condòmini o inquilini vicini di casa, insospettiti dalla presenza di persone sconosciute o disturbati dai rumori provenienti dall'appartamento.
Siccome il condòmino/locatore è responsabile verso il Condominio, secondo me è opportuno si interessi del problema e avvisi l'Amministratore.
 

Daniele 78

Membro Storico
Professionista
Non è così semplice. Se questa coabitazione si prolunga nel tempo, come suggerito da @uva va avvisato l'amministratore anche perchè ci sono spese condominiali legate al numero di occupanti degli appartamenti. Se nell'appartamento per esempio non c'è un contabilizzatore individuale per l'acqua, questa è calcolata sul numero di persone. Ho visto scatenarsi una rivolta: in un appartamento l'acqua era calcolata sulle due persone dichiarate mentre erano comparsi 8 nomi sulla cassetta delle lettere. Lì sono stati i vari condomini a segnalare la cosa all'amministratore. Se il proprietario lo sa, penso debba farlo lui.
Inoltre l’amministratore per legge deve avere un anagrafe condominiale aggiornata e tali persone devono (come tutti) avere u domicilio o una residenza in un luogo, altrimenti si è dei clandestini in tutto e per tutto (senza documenti) e senza possibilità di essere facilmente controllati dalle autorità! Immaginiamo il caso attuale della pandemia e del blocco spostamenti attuale: se io non ho residenza o domicilio come possono dirmi che mi sono spostato oltre al mio comune se non sono registrato da nessuna parte? Senza contare tutti gli altri controlli, di cui anche noi siamo soggetti!
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Purtroppo il divieto di sublocazione è facile da aggirare: l'inquilino che subaffitta in nero (senza un contratto di sublocazione scritto e registrato, e incassando in contanti) può sostenere che gli "estranei" sono suoi amici ospitati gratuitamente. E il locatore non ha modo di dimostrare il contrario.
Esiste però l'art. 21 della legge n. 253/1950:
Si presume l'esistenza della sublocazione quando l'immobile risulta occupato da persone che non sono al servizio del conduttore o che non sono a questo legate da vincoli di parentela o di affinità entro il quarto grado, salvo che si tratti di ospiti con carattere transitorio.
La presunzione stabilita nel comma precedente non si applica nei confronti delle persone che si sono trasferite nell'immobile assieme al conduttore.


Quindi, esistendo tale presunzione, l'occupante sarà considerato un subconduttore, con tutte le conseguenze di legge, salvo esistano le esclusioni previste o non si dimostri la transitorietà del trasferimento.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Interessante, grazie della segnalazione @Nemesis

non sono a questo legate da vincoli di parentela o di affinità entro il quarto grado,
Quella legge considera anche i "vincoli affettivi"?
Poniamo che "l'ospite non transitorio" (trasferitosi nella casa successivamente all'ingresso del conduttore) vada all'Anagrafe e si registri formando una famiglia anagrafica col conduttore pur non avendo vincoli di parentela o affinità.
Si presume ugualmente che possa essere un subconduttore?
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Allora basta che in Anagrafe "l'ospite non transitorio" registri la residenza in quell'immobile e il conduttore lo inserisca nel proprio stato di famiglia. Così il locatore non può dimostrare che si tratta di una sublocazione in nero.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buonasera, sono nuova di qui, e devo capire come entrare nel Forum
Buongiorno. Dopo aver messo in vendita la casa scopro che esiste una scrittura privata fatta tra mio padre e mio zio (quest'ultimo defunto) per la vendita di due spazi divenuti poi terrazzi i quali sono stati accatastati ma il documento in questione non è stato autenticato quindi c'è il catasto c'è la provenienza ma non la SCIA. Come risolvo?
Alto