• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Gianco

Membro Storico
Professionista
i legali non hanno trovato un precedente identico, quindi per quieto vivere faremo un nuovo collegamento con nuovi cavi e lo copriremo con calcestruzzo. Per fortuna non dovevamo fare il riscaldamento al pavimento, altrimenti erano "Broccoli".
Il problema deve essere affrontato considerando l'impianto sotto pavimento come servitù di elettrodotto per destinazione del padre di famiglia. Credo che anche i legali concordino con questa interpretazione.
 

MassimilianoAntonini

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Il problema deve essere affrontato considerando l'impianto sotto pavimento come servitù di elettrodotto per destinazione del padre di famiglia. Credo che anche i legali concordino con questa interpretazione.
questo è ovvio! Il punto è solo sul fatto che l'impianto vecchio non è a norma, quindi andrebbe rifatto, di conseguenza per le normative vigenti si deve rifare a casa propria. Siccome non voglio perdere tempo.......sotterro tutto ed amen!
 

MassimilianoAntonini

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Onestamente non capisco; tu devi pensare all'impianto elettrico del tuo appartamento.
Quello del vicino sotto non ti riguarda, e non lo deve certo certificare il tuo tecnico.
Quando viene trovato un impianto vecchio, quindi non a norma, non lo si può risotterrare così, va messo a norma, quindi a quel punto, l'inquilino deve rifarlo a norma.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Quando viene trovato un impianto vecchio, quindi non a norma, non lo si può risotterrare così, va messo a norma, quindi a quel punto, l'inquilino deve rifarlo a norma.
Ammesso che non sia a norma, come fai ad affermarlo? Comunque la servitù resta e sarà cura del fondo dominante provvedere a metterlo a norma, utilizzando lo stesso corrugato. Pertanto tu puoi certamente procedere alla pavimentazione facendo attenzione a non danneggiare o ostruire il percorso dell'impianto.
Come fai ad affermare che l'impianto non sia a norma?
 

griz

Membro Storico
Professionista
Quando viene trovato un impianto vecchio, quindi non a norma, non lo si può risotterrare così, va messo a norma, quindi a quel punto, l'inquilino deve rifarlo a norma.
non capisco questa tua afermazione, l'impianto dell'appartamento sottostante non è tuo, non puoi sostenere che non sia a norma solo perchè hai visto dei cavi, se hai rotto i tubi devi ripristinarli come il rivestimento in malta che c'era
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
.......ho letto che molti pseudo elettricisti fanno cosi, ma gli ELETTRICISTI che lasciano la certificazione dell'impianto questo sistema lo aborrano, non è contemplato nelle normative,
La norma non impone dove il tracciato deve passare ne le certificazioni lo contemplano.
Un aspetto giuridicamente significativo e' che quanto l'elettricista fa l'impianto l'edificio è di un solo proprietario.
Dovresti studiarti le servitù per destinazione del padre di famiglia (cisi dette) !!!
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Marcanto io non faccio l'elettricista ma se dovessi prendermi una responsabilità del genere non lo farei, il fatto che la costruzione è di un solo proprietario sarà anche corretto ma io professionalmente troverei un'altra soluzione, nel mio campo ho avuto a che fare con diversi elettricisti e nessuno di questi ha operato nel modo di cui si sta discutendo, fortunatamente, ma poi quale è il problema siamo in Italia le sciocchezze sono cose importanti le cose importanti sono sciocchezze.
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
....ma poi quale è il problema siamo in Italia le sciocchezze sono cose importanti le cose importanti sono sciocchezze.
Non perché scritta da te.....ma si sente spesso questo concetto qualunquista.
Ma si conosce quello che fanno gli altri in altri stati. ???
Solo per citare qualcosa la cronaca recente nel regno unito ha testimoniato fatti gravi > l'edificio andato in fiamme qualche anno fa, i pannelli esterni invece che essere ignifughi hanno favorito la propagazione....vi morirono anche 2 giovani arch italiani.

Questo quando l'erba del vicino sembra migliore
 

MassimilianoAntonini

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Ammesso che non sia a norma, come fai ad affermarlo? Comunque la servitù resta e sarà cura del fondo dominante provvedere a metterlo a norma, utilizzando lo stesso corrugato. Pertanto tu puoi certamente procedere alla pavimentazione facendo attenzione a non danneggiare o ostruire il percorso dell'impianto.
Come fai ad affermare che l'impianto non sia a norma?
fili rigidi sezione 2 credo (pfinissimi) scoperti senza currugati. Hai dubbi?
 

Fift@

Membro Assiduo
Professionista
no? Allora trova tu la soluzione, però non darla tanto per dire qualcosa.....dalla citando articoli di legge, ti anticipo che ne hai di tempo da dedicarci per capirci qualcosa.
Richiudi tutto a tue spese. Tanto se non avessi rotto il pavimento neanche te ne accorgevi. Tu stesso hai detto che non esistono precedenti come il tuo.
 

griz

Membro Storico
Professionista
fili rigidi sezione 2 credo (pfinissimi) scoperti senza currugati. Hai dubbi?
è capitato anche a Milano ad un mio cliente che mi ha chiesto un parere in merito, gli ho suggerito di far notare la cosa al suo vicino proponendogli di sfilare i cavi e inserirli in tubi corrugati, comunque non puoi dire che la norma preveda che i cavi siano inseriti nei tubi, è un criterio di buona esecuzione ma a quanto pare qualche decennio fa si faceva così, tanto il collegamento elettrico c'è
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
fili rigidi sezione 2 credo (pfinissimi) scoperti senza currugati. Hai dubbi?
Certamente è strano che i cavi non siano inseriti in un corrugato per poter essere sostituiti senza dover smantellare il pavimento. Chi li ha passati più che elettricista doveva essere una persona priva di ogni cognizione di base.
Per alimentare un lampadario quei cavi sono più che abbondanti, vedi la tabella:
1596809842184.png
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Qualche notiziuola:
Prima della normativa del 25 giugno 2008, la legge imponeva di traferire al nuovo proprietario la documentazione relativa alla conformità degli impianti, il libretto d’uso e di manutenzione. Era addirittura prevista la cosiddetta “clausola di salvaguardia”, secondo cui il vecchio proprietario si prendeva la responsabilità giuridica sulla sicurezza degli impianti. Il Decreto Ministeriale 37 del 2008 mantenne queste regole, che furono poi abrogate dal Decreto Legislativo 112 del 2008. Quindi oggi non è necessario essere a norma per vendere un immobile. É comunque consigliabile, al momento del compromesso, informare per iscritto l’acquirente delle condizioni dell’abitazione, includendo l’impianto elettrico se non è a norma.
Comunque tutti i cavi gli automatici ecc. attualmente sono certificati se abbiamo a che fare con un cavo rigido stiamo parlando di almeno 30 anni e sicuramente non è certificato pertanto?.
Ma il problema non è del postante il problema e di chi abita sotto se si rompe un filo chi è propenso ad alzare il pavimento per far riparare l'impianto al signore di sotto? si possono prendere tutte le precauzioni ma se un filo si surriscalda si scioglie e si incolla come lo fai a cambiare? dite c'è il diritto del fondo dominante ecc. io il pavimento non lo alzo fammi causa fammi vedere dove sta scritto che io devo essere custode di un qualcosa che tu hai passato nella mia proprietà e non ne tieni cura.
Io per educazione e gentilezza avviserei l'interessato facendogli capire la mera probabilità, meglio per iscritto, poi se lui vuole provvedere a modernizare il suo impianto a sue spese ok altrimenti CICCIA.
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
signori, nelle costruzioni datate costruite tra gli anni 1950-1960 (e quindi anche prima) il tracciato elettrico è privo di corrugato ....... questo si vede di sovente nelle ristrutturazioni ove si rinvengano cavi senza corrugato .
si tracciavano i "solchi" sulle pareti in questi si alloggiavano i fili elettrici che si fissavano con chiodi o puntine .......si riempiva il solco con malta e a completamento si eseguiva l'intonaco sulla parte.
questo significava che se quel filo si bruciava non poteva essere sfilato (per l'assenza del corrugato) ma si doveva rompere l'intonaco per sostituirlo
gli impianti di questo tipo sono facilmente individuabili ad occhio perchè le cassette annegate sono di forma circolare.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Il peggior difetto di chi si crede furbo è quello di pensare che gli altri siano stupidi
Buona sera... Una domanda.. Il confine per delineare una proprietà si prende dal muro di confine o dal paletto della rete?
Alto