• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Gianco

Membro Storico
Professionista
Ma il problema non è del postante il problema e di chi abita sotto se si rompe un filo chi è propenso ad alzare il pavimento per far riparare l'impianto al signore di sotto? si possono prendere tutte le precauzioni ma se un filo si surriscalda si scioglie e si incolla come lo fai a cambiare? dite c'è il diritto del fondo dominante ecc. io il pavimento non lo alzo fammi causa fammi vedere dove sta scritto che io devo essere custode di un qualcosa che tu hai passato nella mia proprietà e non ne tieni cura.
Poiché l'impianto del tipo in questione è stato realizzato dal proprietario degli immobili interessati, se oggi si dovesse verificare un'interruzione della linea, non credo che il proprietario inferiore si accolli l'onere gravoso di smantellare il pavimento, riparare l'impianto e ripristinare il nuovo pavimento. Ritengo che una persona, normalmente dotata d'intelletto, disattiverebbe il tratto, extra solaio, per realizzare il corrispondente collegamento del punto luce, posizionando il nuovo corrugato fra le pignatte del solaio ovvero posizionando un'antiestetica, ma economica, canaletta sull'intradosso del solaio.
 

griz

Membro Storico
Professionista
Poiché l'impianto del tipo in questione è stato realizzato dal proprietario degli immobili interessati, se oggi si dovesse verificare un'interruzione della linea, non credo che il proprietario inferiore si accolli l'onere gravoso di smantellare il pavimento, riparare l'impianto e ripristinare il nuovo pavimento. Ritengo che una persona, normalmente dotata d'intelletto, disattiverebbe il tratto, extra solaio, per realizzare il corrispondente collegamento del punto luce, posizionando il nuovo corrugato fra le pignatte del solaio ovvero posizionando un'antiestetica, ma economica, canaletta sull'intradosso del solaio.
infatti! comunque è assolutamente improbabile che un cavo di alimentazione del lampadario si interrompa o si fonda, infatti non risulta che la storia sia piena di avvenimenti nei quali si è dovuto demolire un pavimento per un guasto all'impianto elettrico sottostante. Era buona abitudine anche in impianti vecchi utilizzare i tubi corrugati, ma non è stato sempre fatto, in particolare per le alimentazioni dei lampadari
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Si ragazzi al momento della bisogna la soluzione si trova ma ammesso e non concesso che il tipo del piano di sotto mi venisse a chiedere di alzare il pavimento chi tra noi direbbe: si accomodi faccia quello che vuole in casa mia, tuttalpiù gli regalerei un pacco di candele.
Eppure, mi è capitato questo, una macchia d'acqua in casa mia ancora non abitata, si fanno delle ipotesi e si suppone a una perdita del palazzo del palazzo affianco, casa mia era vuota si dovevano comunque fare dei lavori e accettai di fare un indagine sul mio impianto per vedere se ero io stesso, risultato? era effettivamente il palazzo accanto, risultato mi sono trovato un muro sventrato in due stanze cucina e lavanderia e una promessa che il condominio attiguo mi avrebbe risarcito almeno il ripristino del muro senza pitturazione mattonelle ecc. perché avrei dovuto poi fare i miei lavori, ebbene, non ho avuto mai niente neanche un grazie.
La prossima volta neanche le candele offro al vicino

:rabbia:
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Nessuna norma stabilisce che non si possano usare cavi rigidi. Sono altri i requisiti.
Nemesis mi era sfuggito il tuo passaggio, si hai ragione in un certo senso il cavo rigido è anche migliore sopporta meglio i sovraccarichi, ma è materia consolidata che chi fa un impianto attualmente è responsabile della esecuzione e del buon funzionamento dello stesso nel tempo, pertanto ci sono delle linee guida che si seguono, tubazioni separate per tipo di servizi, fatte camminare ad una certa altezza, cassette di ispezione, altezza degli interruttori, prese, posizione delle centraline e tanti particolari oltre ad usare tutto materiale certificato, questo serve anche se un domani il cliente vuole appendere un quadro cosi non si trova a bucare una tubazione, eppure mi è capitato di vedere tracce che attraversano le pareti in diagonale, ma per fare cosa per risparmiare un metro di filo?
Il buon senso oltre alle leggi e alle regola e sinonimo di professionalità.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
eppure mi è capitato di vedere tracce che attraversano le pareti in diagonale, ma per fare cosa per risparmiare un metro di filo?
Il problema non è aver scelto la "scorciatoia" per l'impianto, ma il notare a distanza di tempo la sua posizione sulla parete. Per cui oltre all'elettricista "pratico e risparmiatore" dovresti fare i complimenti a chi ha intonacato, frattazzato e tinteggiato la parete.
 

griz

Membro Storico
Professionista
Si ragazzi al momento della bisogna la soluzione si trova ma ammesso e non concesso che il tipo del piano di sotto mi venisse a chiedere di alzare il pavimento chi tra noi direbbe: si accomodi faccia quello che vuole in casa mia, tuttalpiù gli regalerei un pacco di candele.
hai vissuto un sacco di avventure, mai pensato di scrivere un libro? :)
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
fare i complimenti a chi ha intonacato
Ecco quello era un professionista non l'elettricista credendosi furbo.
mai pensato di scrivere un libro?
Griz alla nostra età chi non potrebbe scrivere un libro, in particolar modo chi come te e Gianco fate un lavoro che continuamente vi mette sulla berlina a fare gli esami, io non metto la mia foto solo perché mi piace Paperinik e quando posso leggo ancora i giornalini, e poi in una occasione ho messo una foto stavo a piazza San Marco proprio nel momento dell'esplosione della notizia del covid, non dico la mia professione per evitare di entrare in conflitto con chi mi da torto o crede di essere dalla parte della ragione, io dico sempre: la vecchietta a 90 anni prima di morire disse oggi ho imparato un'altra cosa, e questo mi permette di acquisire le informazioni buone e cattive e poi valuto con chi ho a che fare
:innocente: e non mi permetto mai di offendere chi che sia in qualunque modo perché bisogna rispettare tutti.
Io da piccolo a 5 anni finito la scuola mio padre mi portava con lui aveva una impresa di ristrutturazione negozi, sai quante ne ho viste, e lui mi faceva "lavorare" GIOCARE con la ****uola le stecche con la pialla la sega la saldatrice con il tecnigrafo con il regolo insomma per me era un gioco ma nel frattempo imparavo.
EEEHHH! bei tempi.
:disperato:
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
****uola non è una parolaccia, ma un attrezzo che i muratori manovrano con destrezza, prevalentemente, sia per tirare su i muri o per intonacare.
Purtroppo oggi ci sono troppi scansafatiche: sono abituati ad avere una vita piena di piaceri, ma molti evitano di nominare il termine "lavoro".
 

MassimilianoAntonini

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Ciao a tutti,
solo per tenervi aggiornati del mio tormentone (altro che libro.....un'enciclopedia potrei scrivere sulla vicenda)vi dico come sta finendo, si, perchè mica è finita!
Il proprietario di sotto ha chiamato un perito, il quale gli ha detto che si deve rifare l'impianto dentro casa sua.
Dato che ora non ha soldi da investire per l'impianto, ho fatto rifare l'impianto da un elettricista con corrugato e ricoperto con malta. Lo stesso sarà rimosso appena possibile (altrimenti rimarrà lì).
Ho fatto una dichiarazione di sollevamento di responsabilità alla mia ditta.
Il perito rilascerà la documentazione richiesta dalla ditta che mi sta facendo i lavori.
L'elettricista, rilascerà una dichiarazione al proprietario di sotto, di come sono stati rifatti gli impianti ed il proprietario mi rilascerà una sorta di manleva (mi sarà suggerita da uno dei tre avvocati interpellati).
Così abbiamo potuto riprendere i lavori (dopo essere stati fermi quasi 4 settimane).
Grazie per lo scambio di info.
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Non per dire: L'avevo detto, oggi chi è un professionista sa cosa succede se l'impianto non è fatto a regola d'arte come previsto e si rilascia un certificato di conformità.
Chi è un lavoratore in nero fa come abbiamo parlato per 5 pagine.
:innocente:
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Il peggior difetto di chi si crede furbo è quello di pensare che gli altri siano stupidi
Buona sera... Una domanda.. Il confine per delineare una proprietà si prende dal muro di confine o dal paletto della rete?
Alto