• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

GratisCasa

Nuovo Iscritto
Devo vendere un appartamento acquistato nel 2005. In questi giorni ho chiesto al costruttore il certificato di conformità dell'impianto elettrico, che non mi aveva consegnato. Mi è stato detto che non ritrovano i documenti per un trasloco effettuato e che nel 2005 non era un documento obbligatorio. E' vero? Lo devo fare nuovamente a mie spese?

Lo stesso dicasi per il certificato di agibilità, che tempi ci sono per questo certificato?
 

Stefano Mariano

Membro dello Staff
Il Certificato di conformità dell'impianto elettrico era dovuto anche nel 2005, istituito dalla legge 46/'90, è diventato obbligatorio, nelle sue attuali forme, con l'entrata in vigore del Dpr 447 del 1991. Anche il certificato di Abitabilità, ora detto di Agibilitàè dovuto dal Costruttore, da più di quarant'anni.
 

Jrogin

Fondatore
Membro dello Staff
Professionista
Prova ad accedere all'archivio dell'ufficio urbanistica del comune ove è ubicato il bene. Li dovrebbe essere depositata tutta la documentazione relativa al tuo immobile.
 

GratisCasa

Nuovo Iscritto
Di nascosto? No, scherzo. Anche per il certificato di conformità dell'impianto elettrico?

Come devo comportarmi precisamente? Grazie.
 

ziogreg

Nuovo Iscritto
Salve, il mio problema è un po' piu' complesso, perchè l'impresa ha fatto appena in tempo ad ultimare i lavori, incassare i compensi e poi è fallita e non so dove reperire i certificati. Posso interpellare un tecnico esterno affinche' li produca lui? Grazie!
 

Stefano Mariano

Membro dello Staff
Anche per il certificato di conformità dell'impianto elettrico vale quanto ha deyyo Jrogin. Nel caso non li trovassi puoi sempre richiedere l'intervento di un professionista (per l'agibilità) e di un elettricista per l'altro. Considera però chein genere gli elettricisti malvolentieri (a ragione) certificano un impianto fatto da altri.
 

Ennio Alessandro Rossi

Membro dello Staff
Professionista
Se non erro ( se sbaglio i tecnici mi correggano) copia di tutte le certificazioni e quant' altro sono state allegate e presentate al comune all'atto della richiesta dell'abitabilità, -se immobile abitativo ,agibilità se immobile commerciale- . Il Comune sicuramente Le avrà inserite nel fascicolo del fabbricato insieme ad estratti di mappa, permesso di costruire, planimetrie, varianti etc. oltre che il certificato adi abitabilità medesimo ( insomma nel fascicolo dovrebbe essere conservata la documentazione storica del fabbricato.)
Cio' premesso la richiesta di qualsiasi atto del fascicolo ( se c'è interesse per la parte istante) puo' essere fatta ex legge 241.90. IL Comune è obbligato a rispondere e produrre copia
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto