1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. domenico lo re

    domenico lo re Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    diritto al riconoscimento di "pertinenza di abitazione principale" in deroga a distanza intercorrente tra l'abitazione e il box?
     
  2. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Un pò laconico...potevi + particolareggiare...Se ho ben capito la distanza
    fra il box e l'alloggio è superiore a quella prevista da qualche regola comunale...
    A Torino, in base alla legge Tognoli(?) fu possibile acquistare box come pertinenziale purchè nella stessa città...Col risultato che il mio nuovo box fu accatastato come pertinenziale pur a distanza di metri 500...Attenzione...una volta pertinenziale in caso di necessità dovranno essere venduti insieme...E se la distanza fosse scomoda. come nel mio caso, difficilmente riusciresti a vendere
    il "duo" ...tanto che io per farlo ho potuto vendere per ora solo il box ricorrendo ad un'altra "recente" legge liberando il "fardello" che gravava sull'alloggio. Alloggio che reso libero da tale peso potrò vendere più comodamente. Ecco, questa è la mia
    recente esperienza...spero che ti sia utile. Quiproquo.
     
  3. domenico lo re

    domenico lo re Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Salve e grazie di cuore. Volevo precisare che il requisito di pertinenza necessita per fruire dell'agevolazione fiscale, che, intanto, mi viene negata dal Servizio I.M.U. del comune di Catania a motivo che il "box-auto, al servizio dell'abitazione principale", supera una "certa" distanza dall'abitazione principale (secondo l'Autorità, non può esserne al servizio, ma, certamente per me, lo è!). Allora, come fare per opporvisi e farsi riconoscere il diritto all'agevolazione?
     
  4. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Solo il nostro tigrone può darti le diritte...Io mi limito ad aggiungere:
    Il box che vuoi comprare è fresco...costruito...direttamente dall'impresa??? Da come scrivi, credo di no...
    Quindi lo stai comprando da un privato...fatti dare la visura catastale e poi corri
    dal "tuo" notaio che, gratuitamente, ti darà tutte le indicazioni che io non posso darti...e credo neanche il nostro tigrone, super esperto, senza quei dati possa fare
    non molto di più di Quiproquo.
     
  5. domenico lo re

    domenico lo re Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie ancora. Ma il box ce l'ho già, acquistato prima dell'abitazione, purtroppo distante da essa!
     
  6. domenico lo re

    domenico lo re Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    E, allora, posso far sì che il box passi a pertinenza dell'abitazione principale (per le agevolazioni fiscali I.M.U.!) ricorrendo al Catasto?
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    A quale distanza si trova il box?
    Hai l'onere di provare la destinazione effettiva e concreta del box al servizio dell'abitazione.
    La Corte di Cassazione nella sentenza n. 25127 del 30 novembre 2009, ha affermato che “ai sensi dell’art. 817 c.c., sono pertinenze le cose destinate in modo durevole a servizio o ad ornamento di un’altra cosa” e, pertanto, ai fini dell’attribuzione della qualità di pertinenza occorre basarsi “sul criterio fattuale e cioè sulla destinazione effettiva e concreta della cosa al servizio od ornamento di un’altra, secondo la relativa definizione contenuta nell’art. 817 c.c. (Cass. 19161/2004)… In materia fiscale, attesa la indisponibilità del rapporto tributario, la prova dell’asservimento pertinenziale, che grava sul contribuente (quando, come nella specie, ne derivi una tassazione attenuata) deve essere valutata con maggior rigore rispetto alla prova richiesta nei rapporti di tipo privatistico. Se la scelta pertinenziale non è giustificata da reali esigenze (economiche estetiche, o di altro tipo), non può avere valenza tributaria, perché avrebbe l’unica funzione di attenuare il prelievo fiscale, eludendo il precetto che impone la tassazione in ragione della reale natura del cespite”.
    La “simulazione” di un vincolo di pertinenza, ai sensi dell’art. 817 c.c., al fine di ottenere un risparmio fiscale va, dunque, inquadrato nella più ampia categoria dell’abuso di diritto (v. Cass. SS.UU. 30055/2008).
     
    A quiproquo piace questo elemento.
  8. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Meglio di così...Col tuo consenso mi permetto di obiettare non a te chiaramente, ma all'interpretazione della Cassazione estesa al caso dei Box. Il concetto di Pertinenza è nato e codificato ben prima dell'avvento delle automobli. Manca il riferimento alle distanze che probabilmente il legislatore di allora dava per impicito. L'art. " 817" indica due funzioni: il "servizio" e "l'ornamento"... Anche i
    moderni Box realizzati con l'immobile non svolgono nessuna funzione ornamentale, in quanto "invisibili", ma semplicemente e soltanto il servizio di "tettoiare" (n.c.z.) l'automobile...Quindi il box per sua natura rende un servizio
    di primaria importanza. Si tratta ora di distinguere se la funzione di servizio sia
    utile all'alloggio o alla persona che vi abita ed io non ho dubbi che l'utilità derivante è solo per quet'ultimo e non per l'alloggio. Quindi l'invocata pertinenzialità va esclusa solo per chi avendo comprato vari box per investimento
    li affitta a terzi, mentre chi ne compra uno solo (e senza averne già un altro) per
    godere del "servizio" la stessa va concessa senza altri rilievi ostativi, compreso quello fiscale. E a nulla deve valere la maggiore o minore distanza se nello stesso comune...Si realizzerebbe una disparità fra cittadini, credo incostituzionale.
    Il problema ora è sul tempo. Un conto è far inserire dal notaio
    l'acquisto come pertinenza sin dall'inizio...un altro è chiedere la COSA a contratto
    concluso e a modifiche catastali avvenute....Ammesso che si possa fare lo stesso...quanto costerà??? A questo punto, resta valido il mio consiglio di chiedere
    lumi al tuo notaio, lo stesso che ha rogitato l'acquisto. Immagino ci siano molte difficoltà...ma solo lui potrà esplicitarle e quantificarle. Auguri. quiproquo.
     
  9. domenico lo re

    domenico lo re Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Salve e grazie ancora per l'esaustiva e cordialissima risposta! Sì, allora, dovrò vedermela col parere di un buon notaio sulla fattibilità e la convenienza!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina