• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

tarino

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Buongiorno a tutti quanti.
In caso di rogito, presso il notaio, per la compravendita di una generica unità immobiliare (ad es. un appartamento) mi risulta che l'atto notarile possa procedere ed eventualmente concludersi unicamente se lo stato degli interni (validato da opportuna documentazione tecnica di rispondenza edilizia, redatta da un professionista del settore) corrisponde a quanto depositato in catasto in termini di planimetrie.

Quello che vorrei chiedere in questa sede è se quanto appena riportato vale anche per una successione ereditaria, ovvero: è richiesto anche in questo secondo caso l'obbligo di redigere una ARE che certifichi che lo stato delle attuali planimetrie dell'immobile corrisponda a quanto a suo tempo depositato in catasto?

Grazie in anticipo a chi vorrà rispondere.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
La dichiarazione della conformità allo stato di fatto dei dati catastali e delle planimetrie è richiesta per gli atti pubblici e le scritture private autenticate, quindi nei trasferimenti immobiliari inter vivos.
La successione ereditaria non è uno di quei trasferimenti.
 

nonnabelarda

Membro Attivo
Proprietario Casa
Mi allaccio a questo post per una questione simile. Sono over over over 70 e non vorrei lasciare ai miei futuri eredi pasticci. Ho un piccolo appartamento affittato che presenta difformità di planimetria (anni indietro avevamo fatto spostare una tramezza interna con nessuna comunicazione ne in comune ne in catasto, non ci sono stati ampliamenti di volume..
Mi chiedo sarà meglio che ora ancora sana di mente (almeno me lo auguro) dia incarico a un professionista per mettere le cose a posto oppure lascio le cose così come stanno lasciando le rogne ai posteri. Consigliatemi per il meglio. Vi ringrazio
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Per @nonnabelarda: Premesso che lasciare le rogne ai posteri può essere una pratica per noi over salutare, direi: dipende.

Se i tuoi eredi intendono conservare ciò che ereditano, al massimo dividere le comunioni ereditarie che venissero a crearsi, la conformità non sarebbe necessaria ed essenziale.

Aggiungerei anche che dipende dalla vetustà del fabbricato: la conformità primariamente richiesta è quella urbanistica: ma se il progetto è molto datat e non più reperibile in comune, nessuno potrà contestare una difformità.
resterebbe la planimetria catastale: qui una volta bastava una pratica di rettifica della rappresentazione grafica, con poca spesa. Oggi forse deve essere accompagnata da una semplice comunicazione al comune di opere interne di edilizia libera, come se si facessero i lavori ora.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Un contratto divisionale richiede un atto pubblico o una scrittura privata autenticata. Quindi sono richieste le dichiarazioni di conformità allo stato di fatto dei dati catastali e delle planimetrie.
Grazie della precisazione.
Forse si può allora dire che data per conosciuta la situazione d'origine, da parte dei coeredi, in questi casi è probabile che le parti dichiarino la conformità, con ciò facendosi carico delle irregolarità esistenti
 

griz

Membro Storico
Professionista
Aggiungerei anche che dipende dalla vetustà del fabbricato: la conformità primariamente richiesta è quella urbanistica: ma se il progetto è molto datat e non più reperibile in comune, nessuno potrà contestare una difformità.
resterebbe la planimetria catastale: qui una volta bastava una pratica di rettifica della rappresentazione grafica, con poca spesa. Oggi forse deve essere accompagnata da una semplice comunicazione al comune di opere interne di edilizia libera, come se si facessero i lavori ora.
corretto: puoi fare 2 cose: presentare una DIA in sanatoria con sanzione o comunicare i lavori come se li facessi oggi, però, se hai spostato un tavolato divisorio, serve comunque un tecnico che asseveri la conformità delle opere, quanto meno la verifica dei rapporti aeroilluminanti, poi la variazione catastale. Io ti consiglio di provvedere
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
La domanda di @nonnabelarda e le varie risposte pervenute da “sagge” persone, mi ha messo di fronte agli stessi dilemmi di nonnabelarda: da mia moglie ho ereditato , oggi in comunione con mia cognata, un fabbricato realizzato dal loro nonno nel 1926-30, dove mio suocero ha fatto nel tempo vari interventi interni, come realizzare bagni e disimpegni, di cui presumo non esista regolarità urbanistica.
Io recentemente, in occasione di due frazionamenti regolarmente eseguiti, ho anche fatto redigere un completo riallineamento delle planimetrie anche delle restanti U.I. e nell’occasione, depositare l’elaborato planimetrico.
Mi chiedo ora se sia opportuno “svegliare il can che dorme”, mi riferisco alla eventuale conformità urbanistica, o lasciare ai posteri l’ardua sentenza.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
@tarino, in occasione della dichiarazione di successione, se l'immobile fosse irregolare si dovrebbe regolarizzare, sia dal lato urbanistico che catastale. Ovviamente nel caso specifico il tramezzo traslato dovrebbe rispettare sia le superfici minime dei vani che il rapporto aero-illuminante. In caso contrario, essendo un'opera di minore importanza, sarebbe opportuno ripristinare lo stato autorizzato.
 

griz

Membro Storico
Professionista
Mi chiedo ora se sia opportuno “svegliare il can che dorme”, mi riferisco alla eventuale conformità urbanistica, o lasciare ai posteri l’ardua sentenza.
potresti verificare cosa c'è in comune e poi ragionarci, come hai scritto sopra è possibile che per immobili parecchio datati il comune non abbia nulla in archivio, quindi fa fede il catasto o l'esistente
 

nonnabelarda

Membro Attivo
Proprietario Casa
Per Basty, mi sa che avrai ragione, trattasi immobile costruito fisicamente da mio padre, muratore della vecchia guardia, verso il 1956 ,altro non so, qualche anno fa d'ufficio mi hanno aumentato la rendita catastale per uniformarLa e quella di un immobile ristrutturato sempre in quel constesto, così mi era stato riferito da una impiegata del catasto a cui io avevo telefonato per avere informazioni al riguardo.
 

nonnabelarda

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ho dimenticato di ringraziare tutti quelli che sono intervenuti, vedi Basty Griz, Gianco, Nemenis, se ho dimenticato qualcuno spero vorrete perdonare una vecchietta..........Ho deciso mi sa che chiamerò a raccolta le mie due figliole e sottoporrò loro la domanda, e so già la risposta, lascia perdere che vai a pensare..................... manco dovessero interessarsene loro.......................ormai conosco le mie pollastrine
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
......vorrete perdonare una vecchietta.........
.. ma sei sicura? Le signore non invecchiano mai: e poi non sminuiamoci troppo, ... fin che siamo in grado di ragionare.

Poi qui non mi pare siano intervenuti dei giovincelli, a parte Tarino: in fondo siamo sono fratelli o sorelle maggiori...

A proposito: grazie a te e @tarino per aver posto il tema: è stato utile anche per me.
 

tarino

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Prego.
Comunque scusatemi se torno sull'argomento, ma lo faccio per il seguente motivo.

Nemesis scrive: "
La dichiarazione della conformità allo stato di fatto dei dati catastali e delle planimetrie è richiesta per gli atti pubblici e le scritture private autenticate, quindi nei trasferimenti immobiliari inter vivos. La successione ereditaria non è uno di quei trasferimenti."

mentre Giaonco scrive:
"in occasione della dichiarazione di successione, se l'immobile fosse irregolare si dovrebbe regolarizzare, sia dal lato urbanistico che catastale."

Ora, se non intendo male, non esiste obbligo di regolarizzare un immobile irregolare in fase di dichiarazione di successione, giusto? Sarebbe desiderabile, suggeribile, ma non mandatorio. Dico bene?
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
non esiste obbligo di regolarizzare un immobile irregolare in fase di dichiarazione di successione, giusto?
L’abusività o irregolarità dell’immobile non impedisce il passaggio ai successori, che non dovranno rilasciare alcuna dichiarazione né in un eventuale atto di accettazione di eredità, né nella dichiarazione di successione.
L'immobile deve essere sanato (se possibile) perché presenta abusi o irregolarità. Non perché si deve presentare la dichiarazione di successione.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, con un contratto di locazione con cedolare secca e a canone concordato è possibile inserire la possibilità di sublocazione per avere poi la possibilità di aprire un'unità ufficio amministrativo?
Ed inoltre, è possibile ridurre le motivazione e il tempo di recesso? L'articolo 8 "recesso del conduttore" parla di gravi motivi e 6 mesi di preavviso. Grazie per una Vostra gentile risposta.
Alto