• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

#1
Buongiorno,

Sto per acquistare un'immobile ma sto avendo alcuni problemi.

La situazione è la seguente:

Vedo un’immobile che mi piace e faccio una proposta di acquisto.

La proposta di acquisto è irrevocabile, come deposito cauzionale stacco un assegno di 10mila e indico nella proposta che ad integrazione a data successiva darò un altra somma di 5mila euro.

Nella proposta di acquisto si recita che (testualmente) ”è facoltà delle parti riprodurre in tale occasione in tale occasione i una scrittura provata integrativa il contenuto del presente contratto al fine di aggiungervi gli aspetti non disciplinati nello stesso”.

Inoltre nelle condizioni di pagamento e relativamente alla parte inerente al deposito cauzionale l’agente immobiliare ha specificato (testualmente) “da versarsi al preliminare entri il 31 Luglio + indicazione dell'anno".

Pertanto mi pare sia stato esplicitato in più occasioni che la proposta di acquisto rimandi ad un successivo preliminare che dovrà essere sottoscritto entro il il 31 Luglio.

Premetto anche nella proposta di acquisto ci sono un paio di irregolarità più o meno gravi (a mio giudizio), ovvero:
1) I riferimenti dell’immobile ci sono ma è sbagliata la città;
2) (cosa ben più grave) nella sezione delle “Dichiarazione del venditore” è stato dichiarato che - con riguardo alla conformità dell’immobile alle norme edilizie e urbanistiche (legge 28.02.1985 n.47 e DPR 06.06.2001 n. 380) L’IMMOBILE E’ CONFORME".
Inoltre viene dichiarato anche che:"mediante l’accettazione della proposta (il venditore) garantisce la veridicità della suddetta descrizione e dello stato dell’immobile".

La proposta viene accettata dal venditore ma cosa succede dopo?

Succede che mando un mio perito a fare una perizia sull’immobile e viene fuori che l’immobile non è a norma ne urbanisticamente e ne catastalmente, che non c’è corrispondenza per come si presenta e come è raffigurato sulle schede catastali e che c’è bisogno di una sanatoria.

Deduco che all’interno della proposta di acquisto da me fatta e dal venditore accettata ci sono delle incongruenze e che il venditore ha dichiarato il falso.

Ma siccome avevamo deciso di fare un preliminare successivo si decide (con l’agente immobiliare) di specificare e rettificare nel documento del preliminare alcune questioni rispetto a quanto riportato nel documento della proposta di acquisto anche per tutelare il sottoscritto.
Cioè viene meglio specificato che il venditore a sua cura e spese provvedrà alla sanatoria e a inviarmi tutta la documentazione mancante in tempi utili (anche per consentire alla Banca di deliberare il mutuo necessario all'acquisto dell'immobile).


L’Atto del preliminare è pronto e l’agente fissa la data per la firma. E che succede ancora?

Succede che io (acquirente) mi presento regolarmente all’orario indicato invece il venditore non si presenta, nonostante fosse stato convocato anche con telegramma dall’agente immobiliare.

Chiedo all’agente immobiliare di verbalizzare la mancata presenza del venditore.

Visto che non c’è stata la firma dell’atto preliminare nel giorno stabilito (atto che poi doveva essere registrato) l’agente immobiliare mi dice che a questo punto lui dovrà comunque procedere alla registrazione all’Agenzia delle Entrate della proposta di acquisto, anche per potermi consentire di richiedere eventualmente al venditore il doppio della caparra.

Ma io a questo punto non voglio più l’immobile e non vorrei che la registrazione di quel documento (proposta di acquisto tra l’altro che contiene dichiarazioni false) possa vincolarmi in qualche modo.

Non vorrei inoltre che sia l’agente che il venditore (in assenza del successivo documento preliminare siglato) vogliano fare in modo che l’unico documento preliminare valido sia la proposta di acquisto (che non mi tutela rispetto alle difformità urbanistiche e catastali dell’immobile) e non l'atto preliminare successivo che dovevamo firmare ( e che non è stato firmato per assenza del venditore).


I miei dubbi sono molteplici e vi faccio una serie di domande, sperando davvero che qualcuno di voi possa aiutare a sciogliere ogni mio dubbio:


1) La proposta di acquisto - visto che contiene false dichiarazioni del venditore - è annullabile? Vista la situazione posso recedere?

2) Il fatto che il venditore non si sia presentato alla firma del successivo preliminare lo rende inadempiente? E in generale vista tutta la situazione di cui sopra (dichiarazioni false etc) il venditore è inadempiente?

3) L’agente immobiliare deve restituirmi l’assegno datogli in custodia come deposito/caparra? Non deve consegnarglielo al venditore?

4) Le provvigioni all’agente le paga solo la parte inadempiente (cioè il venditore)?



Vi ringrazio infinitamente per i consigli e per il tempo che riuscirete a dedicarmi.

Grazie
 

Dimaraz

Membro Storico
#2
Ho il vago sospetto che ti stiano entrambi (agente e venditore) prendendo per il (beep).

Una proposta d'acquisto diventa automaticamente un preliminare non appena il venditore ti comunica l'accettazione.

Una volta firmato un preliminare (o accettata una proposta) la compravendita si considera "attivata" ed il "mediatore" (agente) ha diritto alla provvigione (da entrambe le parti).

Se fosse vero che l'assegno è ancora nelle mani dell'agente...tenta di fartelo restituire con le buone ma anche minacciando il ricorso alle vie legali vista la mancanza di professionalità dell'agente.
Al più liquida una parte della mediazione.
 

Franci63

Membro Assiduo
#3
è facoltà delle parti riprodurre in tale occasione in tale occasione i una scrittura provata integrativa il contenuto del presente contratto al fine di aggiungervi gli aspetti non disciplinati nello stesso”.
Questo significa che , se foste stati d’accordo, avreste potuto sottoscrivere un nuovo contratto preliminare, contenente , oltre agli aspetti già disciplinati, qualche integrazione concordate.
Nessun obbligo, solo una facoltà.
Dato che l’acquirente non si è presentato (ma la cosa andava discussa , non imposta con telegramma, inutile) , resta perfettamente valido il contratto preliminare formato da proposta,accettazione, e comunicazione al proponente dell’avvenuta acccettazione.
Il venditore si è obbligato a venderti un immobile, libero da abusi edilizi.
Se non rispetterà quanto promesso, sarà sicuramente inadempiente.
Non spieghi se sono abusi sanabili, e in quanto tempo, né se il venditore ne era consapevole.
In linea di massima l’agente ha comunque diritto alle provvigioni, e tu dovrai fare causa all’acquirente, se non potrai acquistare, per chiedere i danni (non il doppio della caparra che, se non è stata materialmente consegnata, “non esiste” come caparra) .

Se gli abusi non sono sanabili, potresti prospettare a venditore e agente questa alternativa, per uscire in fretta e bene da questa situazione (cioè senza spese per te) :
risoluzione consensuale del contratto, con accordo che l'agenzia a te non chiede provvigioni , perché si "accontenta" di quanto chiederà al venditore.
Tutto nero su bianco.
A te conviene, all'agenzia abbastanza, al venditore non molto, ma "smena" solo una provvigione.

Se sono sanabili, potresti chiedere una riduzione sul prezzo, a fronte di uno spostamento della data prevista per il rogito, in attesa di regolarizzazione.
 

Dimaraz

Membro Storico
#4
Dato che l’acquirente non si è presentato
e tu dovrai fare causa all’acquirente,
Forse un refuso? @FranzFerdinand è il compratore...

(non il doppio della caparra che, se non è stata materialmente consegnata, “non esiste” come caparra)
Qui si potrebbe disquisire:

La proposta di acquisto è irrevocabile, come deposito cauzionale stacco un assegno di 10mila e indico nella proposta che ad integrazione a data successiva darò un altra somma di 5mila euro.
Una volta accettata la proposta la somma data a causione diventa caparra.
Se l'agenzia non l'ha consegnata commette una irregolarità (si potrebbe persino definire appropriazione indebita se porta l'assegno all'incasso...ma bisognerebbe capire il tipo di assegno).

Pure dal lato "provvigione" è invocabile per il postante, con le dovute verifiche di chi ha redatto e cosa conteneva la proposta, la sentenza Cass. civ. Sez. III, Sent., 08-05-2012, n. 6926.
 

Franci63

Membro Assiduo
#5
Forse un refuso? @FranzFerdinand è il compratore...
Un super mega refuso imperdonabile. Chiedo venia, e apprezzo che, conoscendomi da un po’, si comprenda che volevo dire altro.
Una volta accettata la proposta la somma data a causione diventa caparra.
Se consegnata al venditore. Altrimenti resta solo una somma in deposito.
L’eventuale irregolarità dell’agente non fa diventare caparra una somma non consegnata.
Altro sarebbe se l’assegno fosse stato dato al venditore ,ma non incassato.

La sentenza non mi pare molto pertinente, visto che nel caso in discussione è il venditore che dichiara l’assenza di abusi.
Non sappiamo però se l’agente ne fosse consapevole, o se potesse esserlo usando la diligenza richiesta dal ruolo.

Mi piacerebbe conoscere gli sviluppi
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve,dal 20 settembre 2017 sono venuto ad abitare con una famiglia a cui ho prestato la mia opera di badante per un loro cugino gravemente ammalato, che è deceduto dopo un mese,la famiglia di sua spontanea volontà mi fece la proposta di rimanere a vivere con loro fin quando non avrei trovato un'altra lavoro ma non mi avrebbero pagato per dare una mano in casa,mi dovevo accontentare di vitto e alloggio
moralista ha scritto sul profilo di luciano155.
ma non c'è neanche il profilo di luciano155
tanti auguri a tutti buone feste e tante belle cose lella
anche x marinarita grazie della comprensione ...comunque c'e' legge nuova x tutelare proprietari case ….noi alla fine da 1 giugno 2013 a 7 luglio 2017 mai pagato affitto 4 anni piu' spese tribunale avvocati tasse ...ecc. se pagava onestamente l'affitto tutti i mesi non sarebbe in questa situazione le lasciano meta' stipendio….tanti anni ...non so se ne valeva la pena non pagare l'affitto ….giustizia e' fatta
x uva ---finalmente finita con sentenza tribunale milano dato che la nostra inquilina aveva fatto 2 finanziarie …???? il 29 novmbre tribunale milano ci ha messo primi creditori sul quinto dello stipendio ...tutto specificato debiti avvocato 4 anni affitto mai pagato ….la tipa si e' presentata urlando ...la giudice ci ha inserito primi creditori prenderemo tutto da subito con quinto dello stipendo .finita bene kiss
Alto